Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 40

Discussione: [LA SPEZIA] Batteria Generale D.Chiodo.

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    349

    Angry [LA SPEZIA] Batteria Generale D.Chiodo.

    Mi ricollego ed integro un vecchio post "caverne in fortificazione": viewtopic.php?f=84&t=4476 per cui scusate eventuali ripetizioni.

    Visto che, grazie alla preziosa collaborazione del solito Stefano, Ŕ stato possibile completare l`ispezione, solleviamo quel po` di mistero di cui volutamente avevamo circondato la localizzazione del sito

    Come da titolo, stiamo parlando della batteria Generale Domenico Chiodo posta sul promontorio di Montemarcello (proprio sopra Punta Bianca) a circa 270 metri slm a difesa dell`estremitÓ* orientale del golfo (purtroppo la zona non Ŕ coperta da Live maps)

    Immagine:

    79,71┬*KB

    La batteria Ŕ stata realizzata nel 1910 (non ci sono dubbi: la targa Ŕ sopravvissuta!) e dedicata al noto generale cui si deve la costruzione dell`Arsenale cittadino
    Immagine:

    86,4┬*KB

    Trattandosi di batteria "alta" era armata con i classici obici: in questo caso da 280/16 ed in numero di 6 (lascio qui spazio a Stefano per le precisazioni del caso)
    Immagine:

    68,74┬*KB

    in grado di sparare a oltre 11.000 metri granate del peso variabile da 200 a 340 kg come questa che vediamo inesplosa (notare la cintura di forzamento) sul fronte orientale
    Immagine:

    67,12┬*KB

    Struttura di concetto giÓ* "moderno" aveva la polveriera collocata al di fuori della batteria per ovvi motivi di sicurezza (la validitÓ* di tale scelta avrÓ* purtroppo conferma nell`esplosione della batteria di Falconara) con i pezzi disposti in linea di fronte con ai lati le due direzioni del tiro e gli osservatori corazzati. Protetta da scarpa era pressochÚ invisibile dal mare e non esposta al tiro diretto da parte delle unitÓ* navali.
    Proprio in funzione del decentramento, anche il discreto numero dei fabbricati logistici asserviti era posto tutto esternamente alla batteria vera e propria
    Una pianta dell` installazione (per gentile concessione Stefano Danese)
    Immagine:

    36,4┬*KB

    L`entrata comprendeva probabilmente corpo di guardia, comando etc : notare il possente muro di contenimento della scarpa in grado di proteggere l`accesso alla batteria anche sotto il fuoco
    Immagine:

    93,82┬*KB

    La spianata dei pezzi Ŕ pi¨ da arguire che da vedere: sullo sfondo la sede della direzione tiro orientale sulla cui sommitÓ* era posto l`osservatorio corazzato a lato il muro di scarpa
    Immagine:

    89,87┬*KB

    La direzione di tiro orientale
    Immagine:

    103,98┬*KB

    L`entrata posta sotto alla direzione tiro che tramite scala (ora mancante) conduceva ai locali sottostanti (notare la bella targa smaltata)
    Immagine:

    90,08┬*KB

    Il locale sottostante con l`alta volta a botte e, sulla destra, l`apertura sopradescritta con sotto le tracce della scala rovinata
    Immagine:

    40,04┬*KB

    Ci˛ che resta della direzione di tiro occidentale (anche qui la targa smaltata)
    Immagine:

    104,79┬*KB

    La galleria di primo livello verso ovest
    Immagine:

    72,7┬*KB

    che ora si presenta sotto il livello del terreno per riempimento del corridoio/trincea di accesso originariamente sullo stesso piano dell`entrata come si vede da questa immagine anni 70 tratta dal Marmori
    Immagine:

    72,15┬*KB

    La stessa galleria verso est
    Immagine:

    31,28┬*KB

    A metÓ* circa della galleria si apre un passaggio voltato discendente al secondo livello
    Immagine:

    35,21┬*KB

    costituito da una galleria, sempre voltata in mattoni, parallela alla superiore, con un piccolo locale separato al limite occidentale che non presentano alcun interesse.
    Sulla parete sud di questa galleria invece si aprono i due passaggi ad arco che conducono a due cunicoli quasi ortogonali alla galleria predetta e circa paralleli tra loro

    Il cunicolo di destra (occidentale): la foto, presa dall`interno del cunicolo, evidenzia la curiosa struttura: dopo un entrata curata con arco in mattoni pieni ci si limita poi a due muri laterali con la volta lasciata in roccia a vista
    Immagine:

    66,46┬*KB
    Immagine:

    64,99┬*KB

    Nei muri si aprono alcune nicchie di uso e destinazione incomprensibili
    Immagine:

    61,93┬*KB

    Dopo una strozzatura dovuta a crollo...
    Immagine:

    61,62┬*KB

    ....il cunicolo prosegue...
    Immagine:

    68,44┬*KB

    ...fino all`uscita pressochÚ completamente occlusa da un crollo quasi certamente dovuto ad esplosione a seguito di bombardamento o per demolizione
    Immagine:

    74┬*KB

    Il cunicolo di sinistra (orientale) anche questo visto dall`interno per apprezzarne l`arco
    Immagine:

    75,87┬*KB

    il cunicolo Ŕ all'inizio sostanzialmente simile all`altro
    Immagine:

    75,5┬*KB

    Anche qui diverse nicchie ricavate nei muri
    Immagine:

    54,58┬*KB

    Qualche passaggio difficile affrontato solo dopo il parere positivo di Stefano la cui esperienza e valutazione "tecnica" in questi casi Ŕ preziosa
    Immagine:

    60,55┬*KB

    Immagine:

    73,55┬*KB

    A differenza dell`altro cunicolo qui, in prossimitÓ* del termine, si apre una diramazione a sinistra che Ŕ risultata impraticabile per crollo dopo una prima curva a destra
    Immagine:

    73,11┬*KB

    Mentre nell`altro cunicolo sussistevano solo le tracce, qui si rileva bene la struttura in pali destinata o a reggere una copertura in legno o a puntellare lo scavo durante i lavori o per aumentarne la resistenza sotto bombardamento
    Immagine:

    69,95┬*KB

    Anche qui l`arco in mattoni di fine costruzione
    Immagine:

    70,88┬*KB

    Come le altre strutture del golfo durante la grande guerra fu probabilmente anch`essa spogliata delle artiglierie che vennero inviate sul fronte orientale ma, non sappiamo esattamente quando, fu successivamente deciso di installarvi la difesa contraerea della sottostante batteria contronave Dante De Lutti

    Secondo le risultanze e la tradizione si doveva trattare di 4 pezzi Krupp da 88/56
    Immagine:

    22,75┬*KB

    ma sappiamo bene quanto spesso venga confuso con il nostro ottimo 90/53

    Immagine:

    40,54┬*KB

    Per il munizionamento di questi pezzi, fu probabilmente ritenuto pi¨ semplice, comodo e sicuro, anzichÚ scavare nuove riservette, utilizzare i locali interrati della vecchia batteria mettendoli per˛ in comunicazione con le nuove piazzole tramite questi tunnel al cui interno potevano anche trovare riparo i serventi.

    Diversamente da altrove infatti i pezzi non si ritrovano all`interno del perimetro ma, forse per maggior occultamento, in piazzole poligonali esterne erette oltre la scarpa della vecchia struttura
    Immagine:

    91,93┬*KB

    Altri manufatti emergono dalla fitta (e spinosa!) macchia mediterranea attorno alle piazzole: le profonde trincee per il riparo dei serventi, rampe delle scale di accesso,
    Immagine:

    71,42┬*KB

    Probabili riservette (non esplorate)
    Immagine:

    105,66┬*KB

    Non essendo visibile il basamento e le chiavarde ed in assenza (per ora...) di documentazione certa Ŕ difficile individuare i pezzi ospitati (tra l`altro se si trattasse di 88 sappiamo che generalmente veniva piazzato con il suo affusto a croce senza installazione fissa). Un`altra piazzola:
    Immagine:

    104,97┬*KB

    Inoltre come giÓ* accennato nel post in riferimento risulta almeno un`ulteriore piazzola (oltre alle quattro note) le cui chiavarde (in questo caso visibili) deporrebbero a favore di una diversa tipologia di arma
    Immagine:

    75,73┬*KB

    Speriamo di recuperare documenti che possano fugare ogni dubbio in proposito
    Data la lunghezza del post per contenerne il "peso" ho ridotto al massimo la qualitÓ* delle immagini

  2. #2
    Banned
    Data Registrazione
    Jul 2007
    LocalitÓ
    Piemonte
    Messaggi
    763
    E' rimasto ancora parecchio, anche se il tutto avrebbe bisogno di un recupero!
    Bellissime foto e molto interessanti quelle in B/N!
    []

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,678
    Harris,un nome una garanzia....ottimo reportage![]

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Italien
    Data Registrazione
    Jul 2006
    LocalitÓ
    Genova e Massa Carrara
    Messaggi
    4,856
    Mhhhh... questa mi Ŕ proprio sfuggita.
    Dove si trova???? [][][][][][][][][][]
    LA MIA PAGINA "FORTIFICATA" SU FACEBOOKę: http://www.facebook.com/pages/Italien/323925510817

    Nel mezzo del cammin di questa vita, mostrassi alfin la truce metÓ oscura...
    chÚ la pazienza mia era finita, e lo baston calassi su ogne testa dura.


    Fatti non fummo, a viver come inermi... bensý pello inimico, far divorar dai vermi.


  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    349
    Mi sa che qui c'Ŕ Italien che mi prende per.....la culatta!
    Abbiamo voluto completare quella visitina iniziata con te per vederci fino in fondo.
    Cosa te ne pare? interessante lo sbocco, la palificazione e la diramazione finale
    Secondo Stefano la struttura Ŕ certamente "moderna" quindi fatta ad hoc per le piazzole contraeree esterne come pensavamo noi
    Ciao

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Italien
    Data Registrazione
    Jul 2006
    LocalitÓ
    Genova e Massa Carrara
    Messaggi
    4,856
    Il report me lo sono goduto un sacco, e mi ha fatto piacere tornarci (anche se solo con le foto).
    Ottima quella sulla... "culatta", non me l'aspettavo proprio.
    [][][]

    P.S.
    Che ne pensa Stefano di quella storia sul numero delle bullonature?
    LA MIA PAGINA "FORTIFICATA" SU FACEBOOKę: http://www.facebook.com/pages/Italien/323925510817

    Nel mezzo del cammin di questa vita, mostrassi alfin la truce metÓ oscura...
    chÚ la pazienza mia era finita, e lo baston calassi su ogne testa dura.


    Fatti non fummo, a viver come inermi... bensý pello inimico, far divorar dai vermi.


  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    349
    Da accademico qual'Ŕ ha detto che cercherÓ* documentazione prima di emettere verdetti....
    E noi restiamo in fiduciosa attesa!

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2007
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    30
    Sembra che il parco regionale di Montemarcello Magra, nel cui territorio ricade la batteria Chiodo, sia in procinto di progettare il recupero della batteria. Per maggiori informazioni http://www.parcomagra.it/sezioni.asp?id=376&idPadre=376

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    LocalitÓ
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Auguriamoci un recupero rispettoso.
    Complimenti, come sempre topic super.
    Un cordiale saluto!

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2007
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    30
    Ultimo aggiornamento sulla sorte della batteria "Generale Chiodo": il parco regionale Montemarcello Magra il 28 maggio scorso ha bandito un 'Appalto di lavori di ristrutturazione, risanamento e restauro della Batteria Militare "Generale Chiodo" in Comune di Ameglia, nei pressi della frazione di Montemarcello'.
    Dal bando che si trova qui http://www.parcomagra.it/upload/sezioni ... Chiodo.pdf non si capisce granchÚ.
    L'unica speranza Ŕ che, per restaurare, non distruggano tutto.
    Il recupero della Torre Corazzata Umberto I (Palmaria) e della Batteria di Santa Teresa (Lerici)hanno fatto scuola ma non si sa mai come pu˛ andare a finire!

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Disattivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato