Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: [VERONA] Polveriera austriaca restaurata a Peschiera d.G.

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    992

    [VERONA] Polveriera austriaca restaurata a Peschiera d.G.

    Volevo segnalare un articolo del quotidiano L'Arena di Verona che parla del restauro portato recentemente a termine sulla polveriera austriaca del 1860 che si trova a Peschiera del Garda, vicino a Porta Brescia e all'ex Ospedale Militare (più comunemente noto come il carcere militare di Peschiera). Un esempio positivo da seguire.
    Trascrivo l'articolo per quando non fosse più disponibile online:

    Polveriera di bastione Feltrin restaurata e aperta a tutti
    La sala conferenze si prenota contattando l'associazione Sub Club che ha contribuito ai lavori e ora gestisce lo stabile

    Un altro gioiello recuperato e donato alla comunità grazie alla collaborazione tra Comune e mondo associativo. La Polveriera di bastione Feltrin è tornata a splendere grazie a un contributo del Comune e all'impegno dell'associazione Sub Club Peschiera, che ha seguito tutte le fasi di restauro offrendo competenze e forza lavoro. Costruita nel 1860 dagli austriaci, che presero possesso della città fortificata nel 1815 dopo oltre un decennio di dominazione francese e quasi quattro secoli di controllo da parte della Serenissima, la Polveriera fungeva da deposito delle munizioni di artiglieria.
    Si trova sulla sommità di bastione Feltrin, a destra di Porta Brescia per chi entra a Peschiera, in una conca nel terreno che serviva a proteggerla dai colpi. In passato il dislivello era maggiore perché ai lati erano state erette due pareti più alte.
    «Il complesso è riprodotto in una planimetria generale della fortezza di Peschiera elaborata dagli austriaci nel 1866, ultimo anno di dominazione», spiega Giorgio Capone, appassionato di storia locale, mostrandone la copia su cartolina ottenuta dal Kriegsarchiv di Vienna. Nei decenni successivi la struttura diventa una base dell'esercito italiano: «Finita la Prima guerra mondiale Peschiera viene demilitarizzata», continua Capone, «fino ad allora aveva continuato ad essere una fortezza di primo grado: le cose cambiano quando il confine italiano si sposta al Brennero».
    La sorpresa è tanta confrontando lo stato attuale della struttura con le foto scattate qualche mese prima dell'intervento. La copertura è stata rifatta, i muri ripuliti da muschio, rampicanti e scritte, sistemato il fossato. Anche l'interno sembra irriconoscibile, con il restauro delle volte a botte, dei muri, dell'intonaco e la posa di parquet e infissi.
    Il primo grande spazio appena dopo l'ingresso funge da sala convegni, quello confinante è usato come sala riunioni del Sub Club. Sono stati poi ricavati una cucina, un magazzino, un bagno e una lavanderia. «Nel 2013 l'amministrazione Chincarini ha dato alla nostra associazione la concessione ventennale della Polveriera», spiega Sergio Perinelli, socio del Sub Club, in prima fila nel restauro. «Il Comune ha elargito 60mila euro, usati per la posa del pavimento, il rifacimento della copertura e manutenzioni. Noi abbiamo contribuito con 30mila euro per l'impianto elettrico, quello idraulico e per i serramenti, ma rimangono piccoli interventi da ultimare. Il presidente Santo Tomasoni ha messo a disposizione i mezzi per lavorare».
    Nel secondo dopoguerra la Polveriera è stata custodita da Emilio Cozzolotto e dalla sua famiglia, che nel 1946 trasferì qui la propria attività di accoglienza di pastori, cavalli e greggi di passaggio per la transumanza. Oggi Emilio ha 84 anni e un ricordo vivido del periodo: «Abbiamo abitato qui fino a qualche anno fa, in una casa costruita prima dell'ingresso alla Polveriera e recentemente demolita». Del tetto, racconta, «non era rimasto nulla, solo calcinacci: i coppi erano stati portati via nel secondo dopoguerra e utilizzati per altre case». La proprietà era del Demanio, negli anni Novanta è passata al Comune. «I lavori sono iniziati lo scorso aprile e già a settembre la Polveriera era agibile», aggiunge Perinelli. «Abbiamo ospitato incontri dell'Università popolare, la festa di San Martino e la rievocazione della battaglia del Mincio. La sala conferenze è a disposizione di tutti».
    Katia Ferraro

    La foto che accompagna l'articolo:
    28_32_are_f1_666_1.jpg

    L'Arena.it - Territori - Garda Baldo - Peschiera

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    992
    Una ripresa aerea che mostra la posizione della polveriera, nel pieno centro della cittadina di Peschiera, sul Bastione Feltrin

    peschiera polveriera.jpg

    Alcune foto che mostrano come era prima dei restauri. Va detto che fortunatamente l'opera era già in discrete condizioni di conservazione, essendo bene o male sempre rimasta custodita e chiusa, abbastanza preservata quindi da abbandono e vandalismi, a parte qualche scritta sui muri da parte dei soliti imbecilli.
    La copertura originale ottocentesca in terra "alla prova" era però già stata purtroppo sostituita, presumibilmente nel corso del '900 da parte dell'Esercito Italiano, con una in cemento. Anche i pavimenti originali in legno con isolamento dal terreno erano spariti in epoca imprecisata.
    Immagini tratte per gentile concessione dal sito bunkerarcheo.it

    PeschieraG_QAC06g.jpg

    PeschieraG_QAC08g.jpg

    La polveriera era un Kriegspulvermagazin, cioè come abbiamo visto nella discussione su "forte" wegron http://www.milistory.net/forum/%5Bve...n-vt42721.html, una polveriera per il tempo di guerra capace di resistere al tiro diretto d'artiglieria.
    Oltre al fatto che fu costruita verso il 1860 non ci sono molte informazioni disponibili su questa opera.

    Ho avuto occasione di visitarla lo scorso 30 agosto, ecco alcune foto scattate nell'occasione:

    IMG_2296.JPG

    IMG_2297.JPG

    IMG_2298.JPG

    IMG_2291.JPG

    IMG_2292.JPG

    IMG_2299.JPG

    IMG_2301.JPG

    IMG_2302.JPG

    IMG_2303.JPG

    Un simpatico ricordo dei tempi in cui era deposito munizioni (debitamente inertizzato, ovviamente)
    IMG_2295.JPG

    IMG_2300.JPG

  3. #3
    Moderatore L'avatar di fortificazioni
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    288
    Su ragazzi!!!

    Malgrado tutto ogni tanto qualche buona notizia arriva. In questo caso il lavoro eseguito mi sembra ottimo.
    Fortificazioni

    Le Fortificazioni Militari su www.fortificazioni.net

  4. #4
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,848
    Bellissima, sono stato a Verona questa estate, se sapevo dell'esistenza andavo sicuramente a visitarla!!!

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato