Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: 25 aprile 1945-2005

  1. #1

    25 aprile 1945-2005

    Nel 2005, l'Associazione ITALIA partecipava a un raduno che ci condusse esattamente nei luoghi dove 60 anni prima avevano combattuto il Btg. Barbarigo e altri reparti della Xa: il Senio e la zona di Comacchio.

    Foto:
    http://associazioneitalia.blogspot.com/ ... -2005.html

    Dal sito Italica Virtus:
    http://www.italica-virtus.it/iv01/imola_2005.htm

    In occasione del sessantenario del 25 aprile, nei giorni 23-24-25 aprile 2005 si è tenuto il raduno "Sui passi della linea Gotica", organizzato da Gabriele Ravanelli (Presidente dell`Associazione Veicoli Storici Militari Emilia Romagna) assieme al IMVCC e all`ASI. Il raduno ha visto l'afflusso di una quarantina di mezzi e di diversi gruppi di rievocazione storica, i quali, montati sui veicoli appropriati, hanno fatto bella mostra di sé durante la manifestazione.I mezzi storici comprendevano due TM 40 (uno in livrea grigia continentale, il secondo desertica), un carro CVL 38, uno SPA, un semicingolato OT-810, base di una riuscita conversione in un SPW Sd.Kfz. 251 Ausf. D, diversi GMC, un M 3 Scout Car, una autoblindo Fox, e molti altri veicoli ruotati. I gruppi di ricostruzione convenuti vedevano invece figuranti tedeschi (Ass. Feldgrau, Roma e Normandie 44, Torino), della Decima MAS (Ass. ITALIA), del REI (Div. Acqui), e Alleati, tra i quali i Ranger USA e i "Red Devils", i famosi paracadutisti inglesi.I vari itinerari percorsi, di lunghezza pari a circa 80 km giornalieri su strada asfaltata e sterrato, offrivano ai partecipanti, oltre alle bellezze della campagna emiliana, molti spunti di riflessione e di ricordo dei drammatici avvenimenti occorsi sessanta anni prima: infatti, da Monte Battaglia al Senio, da Alfonsine, Fusignano, Argenta, Lugo di Romagna a Comacchio, tutti questi nomi sono, per l`appassionato di storia militare, altrettanti momenti di scontri che videro contrapposte le armate alleate alle forze italo-tedesche nel 1944-1945. Monte Battaglia, una delle prime tappe del Raduno, vide infatti il limite massimo dell`avanzata Alleata verso Imola e Bologna nel settembre-ottobre 1944. Il monte fu effettivamente conquistato dalle truppe americane e inglesi guidate dai partigiani locali, ma i continui contrattacchi tedeschi, pur mancando di riconquistare la cima, impedirono comunque agli Alleati di sfruttare il successo ottenuto, e dovettero passare altri sei mesi di logorante guerra di posizione prima della rottura del fronte, difeso sul Senio dalle unità* tedesche e della RSI, il 9-10 aprile 1945.In seguito, la colonna si è mossa verso Fusignano e Alfonsine, teatro di duri combattimenti, sull`argine fortificato del Senio, dal febbraio all`aprile 1945, dove combatté anche il Battaglione "Lupo" della Decima MAS, assieme a elementi del Btg. Logistico e Trasmissioni "Freccia" e le Batterie del Gruppo d`Artiglieria "Colleoni", mentre le unità* tedesche che si alternarono compresero la 16. SS-Panzergrenadier-Division e la 4. Fallschirm-Division, fronteggiate da unità* inglesi, canadesi, neozelandesi, indiane, Gurkha, oltre ai Gruppi di Combattimento "Legnano" e "Cremona" del Regno del Sud.Dopo una visita al Museo della battaglia del Senio, e un pranzo ristoratore, la colonna si fermava in diversi piccoli centri, dando la possibilità* agli spettatori di ammirare i veicoli presenti, e a collezionisti e rievocatori di rispondere alle numerose domande del pubblico. Quindi ci si spingeva verso Comacchio, nella meravigliosa riserva faunistica dove un ultraleggero, ricostruzione di un aereo da collegamento e ricognizione Storch, sorvolava i mezzi partecipanti. Anche la zona di Comacchio, pur nella sua apparenza pacifica, riportava alla memoria i combattimenti dopo l`avanzata terrestre e l`attacco anfibio Alleato, che videro, purtroppo, combattere anche italiani contro altri italiani, quando la "Cremona" si scontrò con i Btg. "NP" e "Barbarigo".Sicuramente un raduno appassionante, sia per i mezzi e i gruppi partecipanti, sia per l'apprezzabile organizzazione e i significativi luoghi attraversati.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    224
    Navi, perchè vai piazzando cose vecchie? fate cose nuove.
    In der Wehrmacht keine Probleme, sondern Lösungen.

  3. #3
    è che il 25 aprile è prossimo, e quello che ho postato (60 anni esatti, e negli stesso luoghi) rimane per me un ricordo speciale, che dedico al Generale Farotti, deceduto lo scorso ottobre, e che aveva guidato le Cp del Barbarigo attraverso Mezzogoro, Jolanda di Savoia sino all'attraversamento del Po e oltre.

    Sulle cose nuove, se non mi imbarco siamo a:

    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=9395

    e domani siamo a (mi spiace non vederci a Bologna; scornate a parte, se non stiamo uniti noi "Asse", in tempi così di m... come quelli attuali...):

    http://associazioneitalia.blogspot.com/ ... marco.html

    Di questi invece sta andando bene Passo Uarieu (ne abbiamo già* vendute 300 copie in due mesi; per essere piccola editoria, va bene):

    http://associazioneitalia.blogspot.com/ ... talia.html

  4. #4
    Citazione Originariamente Scritto da Der Spieß

    Navi, perchè vai piazzando cose vecchie? fate cose nuove.
    Eccoci!!![8D][8D]

    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=8814

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato