Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19

Discussione: adrian grigioverde con fregio RF

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    27

    adrian grigioverde con fregio RF

    salve
    scusate ma siamo alle solite................non mi si visualizzano le foto, e non capisco il perche'........
    volevo aprire la discussione sul adrian grigioverde con il fregio RF, per sentire i vostri commenti ed altro di interessante
    metto i soliti link
    2 foto dell'adrian e 1 di un gruppo di bersaglieri, il soldato a destra della foto porta un adrian del genere
    chiedo venia
    ciao
    fabio
    http://web.tiscali.it/primaguerramondiale/ac.jpg
    http://web.tiscali.it/primaguerramondiale/ab.jpg
    http://web.tiscali.it/primaguerramondiale/adrian.jpg

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Puglia
    Messaggi
    432
    Immagine:

    118,13*KB

    Immagine:

    90,29*KB

    Immagine:

    42,62*KB

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    27
    Grazie Francesco che ci hai pensato tu
    non riesco a capire il problema..........
    fabio

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao Klauss.fabio
    Bello questo adrian mod. 15 francese, strana ed inusuale la tonalità* grigioverde, quantomeno in relazione alla presenza del fregio francese della fanteria che sembrerebbe non essere verniciato parimenti all'elmo, ed al rivetto del crestino anteriore di forma troncoconica ed anch'esso non in vernice.
    Consiglio: quando posti delle fotografie di elmetti posta sempre anche gli interni dello stesso per una migliore possibilità* di una precisa collocazione storica.
    Le connotazioni di questo elmetto metallico che è stato tra i primi ad essere adottato nel corso della grande guerra, progettato e costruito dai francesi e sucessivamente adottato con vari passaggi storico/tecnici dagli italiani. Inizialmente da parte francese, per limitare le ferite alla testa venne utilizzata la "cervelliera" una specie di scodella (finì infatti la sua storia come acessorio da cucina) da mettere in testa sotto il kepi, scomodissima, odiata e di poca utilità*.
    La cervelliera a breve fu soppiantata da un progetto presentato dal colonello intendente Adrian che venne adottato dal ministero della guerra come il nuovo elmetto dell'armata francese.
    Alla realizzazione dell'emo parteciparono cinque ditte appaltatrici e le consegne dovevevano avvenire prima alla fanteria, poi al genio ed infine all'artiglieria. E' nato così uno degli elmetti piu famosi della storia delle due guerre.
    Il colore originario era il "bleu horizon" ed in questa tonalità* con fregio arrivarono dalla francia i primi elmi al R.E.I. provisti di fregio, fregi che in molti casi vennero rimossi lasciando i fori sull'elmo.
    Successivamente arrivarono Adrian bleu horizon senza fregi e senza fori.
    Successivamente in tonalità* grigio verde, già* dipinti così in Francia in fase di produzione e sempre senza fregi. Molti francesi (non la totalità*) subirono la riverniciatura grigioverde durante la guerra, dal 1916 l'italia acquistati i diritti di licenza fabbricarono in italia (Milano e Torre Annunziata, se non erro) i propri modelli in soli due pezzi con crestino saldato e non rivettato. Ma questa è un'altra storia...... []
    Un saluto []
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    27
    Ciao
    Mi sono limitato a mandare foto causa problemi noti....
    il colore nella foto e' alterato in realta e' un grigioverde un po' piu' scuro del solito.
    i rivetti posso essere stati rimessi, la mia domanda e':
    esistevano gli adrian per gli italiani dipinti in grigioverdi con il fregio RF ?
    Il mio adrian di base e' un blue horizon (si vede chiaramente in qualche punto) ridipinto grigioverde
    il mio dubbio e' se questo elmo e' "italiano" o francese del '20, mi sembra che dopo la guerra la tonalita fu cambiata in un verde scuro?
    grazie fabio

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    E' il sospetto che ho
    infatti (ad occhio) temo che il tuo sia un francese modello 1922 con il quale si adottò anche in francia la tonalità* verde scura, mantenuta dal sucessivo modello 1926.
    Nella migliore delle ipotesi un 15 francese riconvertito dai francesi ad uso del ventennio.
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    159
    se volte fare un confronto con la tonalità* del francese 2ww eccovi il mio

    Immagine:

    47,67*KB

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Ciao a tutti! si in effetti il discorso adrian verdi con fregio metallico non è di facile acchitto!
    I primi elmi consegnati erano tinti in blu horizon (e non in gris artillerie) e non superavano il numero di 6 per compagnia.
    Agli effetti poi anche da scavo se ne trovano pochissimi e tutti senza fregio.
    Con ciò non escludo che qualche esemplare sia stato ritinto in grigioverde parimenti ai blu senza fori però è difficile provarlo l'unica conferma sarebbe quella di trovarne uno da scavo con tali caratteristiche.
    Se ne conoscono anche dell' artiglieria sempre dipinti in verde, purtroppo le evidenze fotografiche d'epoca mancano completamente per cui è presumibile che anche i semplici artiglieria francesi con colore blu non siano mai giunti sul nostro fronte nelle fasi iniziali del conflitto.
    Ciò nonostante bisogna ricordare che sul carso operavano alcune batterie francesi (zona Rupa-Pec) come pure nel 18 sul Piave e soprattutto ad Asiago.
    A suo tempo, alcuni anni fa, mi capitò un francese con le stesse caratteristiche di quello di Fabio, all' interno al di sotto l'imbottitura c'era un foglio di giornale per calzare meglio l'elmo, la stampa era francese.
    Il problema è che a differenza dei nostri elmi l'Adrian francese restò immutato fino alla II guerra mondiale (affiancato dai m.22 e 26) e spesso furono riutilizzati dai più disparati corpi e specialità* sovente dipinti con colori vari, come quelli ad esempio della polizia che furono utilizzati anche negli anni 50 ma dipinti di un blu molto scuro.
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    159
    si e vero laffite suula linea piave asiago furono mobilitate sia truppe francesi che inglesi

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    27
    Ciao
    A tal proposito ho una foto di artiglieri francesi in italia
    se interessa.....e' a disposizione
    ciao a tutti

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato