Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte"

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    508

    Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte"

    "Quella mattina d'agosto del 1944, quando gli inglesi, passato finalmente l'Arno, entrarono per il Ponte Vecchio in Piazza della Signoria, mi pareva di assistere all'entrata di Carlottavo in Firenze, com'è dipinta in quella tela degl'Uffizi: dove i fiorentini, assiepati lungo i muri proprio di fronte al palazzo della Prefettura, che in quel tempo era il palazzo de'Medici, stanno a mirar l'ingresso di Re Carlo in Firenze per la via Cavour.
    Carlo è in sella a un giannetto francese di gambe lunghe e magre, e porta sulle spalle un gran mantello rosso, sulla testa biondiccia, di traverso sui riccioli di stoppa, una corona d'oro in bilico
    sulla fronte, in mano un aureo scettro, e volta il cavallo verso il portone della Prefettura, seguito da un codazzo di signori francesi vestiti di seta, di damasco, di velluto di Lione arabescato di gigli d'oro. Ne ho veduti di visi da grullo, ma come quello mai. Era non soltanto quel che si dice un
    viso da grullo, ma quel che in Toscana meglio si dice, e lasciatemelo dire, un muso da bischero: con un nasino tutto delicato e gentile, una boccuccia da donnicciola, e un che di "mammamia"nei modi, nei gesti, in quel'atteggiar delle braccine, della manina che tien lo scettro d'oro, in quelle sue spallucce ammantate di rosso, avvolte nella porpora di Cesare, anzi di Cesarino in quelle sue gambette storte dove l'osso del ginocchio sembra un osso di agnello,e in quei suoi occhi biondi di pelo, colmi fino all'orlo di sussiego, di boria e di una gran paura di cascar da cavallo.
    Era insomma, un muso da bischero di quelli disegnati col gesso sulle pareti di latta degli orinatoi pubblici, che sono il vero giornale murale degli italiani e la testimonianza più vera che la libertà* di stampa,in Italia,è della stessa famiglia della libertà* di orinare.
    Un muso di bischero come ce ne son tanti da noi, e non si capisce per qual ragione abbian da venire di fuorvia, come se in casa nostra ne avessimo penuria.(E tutto il sugo della storia d'Italia sta qui: che le nostre disgrazie vengono dal fatto, che i musi di bischero non son soltanto di casa, ma anche di fuorvia, e che quelli di fuorvia fan concorrenza a quelli di casa).(...) Quella mattina d'agosto 1944, quando passarono l'Arno, da Ponte Vecchio entrando in Porta S.Maria e da Piazza della Signoria inboccarono la via de' Calzaioli, ecco un omino con un suo carretto a mano camminare in testa alla colonna corazzata inglese. A ogni incrocio, ritti in mezzo alla via de' Calzaioli,i vigili urbani, colo giglio rosso di metallo sul bavero della giubba e i guanti di filo bianco, regolavano il traffico: e per traffico s'ha da intendere l'entrata degli eserciti alleati in Firenze.(S'era d'estate, faceva caldo, e quei vigili fiorentini, impeccabili nella sobria uniforme, suscitavano l'ammirata meraviglia degli inglesi, che s'aspettavano gente arruffata e cenciosa in una città* pallida e smunta per il lungo assedio). In testa alla colonna, proprio dietro il carretto di quell'omino, in quell'infernale strepito di ferraglia, procedeva un carro armato.
    Dalla torretta aperta un carrista gridava all'omino"get away!go away!",facendogli grandi gesti con le braccia spalancate.E quello, spingendo il suo carretto colmo di fiaschi di vino, si voltava
    indietro vociando: "la si calmi! la si calmi! la venga dietro a me col su trespolo, se l'ha furia!"."Go away!go away!!" gridava il carrista.
    "O che modi so codesti? Ho furia anch'io!(...).
    Così gridando, e spingendo il suo carretto in testa alla colonna corazzata, l'omino continuò per la sua strada senza scansarsi finché giunto in fondo alla via de'Calzaioli, sboccò in Piazza del
    Duomo, si fermò accanto al chiosco del giornalaio che è all'angolo della Misericordia,e voltandosi verso la colonna che sfilava in un orrendo strepito di catene, gridò "o che vi credete d'essere a casa vostra? C'e'tanto posto nel mondo per andare a far la guerra, proprio qui vu'avete a venire? O buchi!".
    Una guardia comunale gli si avvicinò per fargli la contravvenzione. L'omino alzò il viso al campanile di Giotto, alla cupola del Brunelleschi, al suo bel S.Giovanni,e chiamandoli a testimoni: 'e ricominciamo con le contravvenzioni!, gridò, siamo liberi!"
    Passava in quel momento accanto alla Loggia del Bigallo un soldato americano di quelli grassi, dal gran sedere strozzato dentro i calzoni stretti, che camminava dondolandosi sui fianchi. La guardia gli diede un'occhiata, poi si voltò all'omino e gli disse:"E t'hai ragione di chiamarli buchi!Se quello fa una correggia in un sacco di farina, c'è nebbia per sei mesi, a Firenze"."
    Quando la barca affonda , i topolini corrono veloci...........veloci.......velocissimi

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1,625

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Davvero bellina grazie di avercela raccontata
    Non conquisterai mai nuovi orizzonti senza il coraggio di perder di vista la riva

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di KampfgruppeHansen
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Grüne Linie
    Messaggi
    731

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Da fiorentino e ti dico ganza esta storiella !
    ________________________
    Erano tempi fieri ed eroici, dove mettevamo piede li era la Germania,e il mio regno si estendeva fin dove arrivava il cannone del mio carro Armato

    Jochen Peiper
    SS Standartenführer , Kommandeur Panzer Regiment SS Leibstandarte

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Simpatica
    luciano

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Carina, ammesso e non concesso che sia vera (l'amato Malaparte ne ha scritte di palle...) a proposito, le indicazioni bibliografiche? dove l'hai trovata? grazie in anticipo!

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Divertente davvero, e ben scritta, come c'era da aspettarsi.
    Scrivere in vernà*colo è piuttosto laborioso e spesso nella foga vengan fuori diverse castronate....

    Lo spirito dei personaggi però è perfettamente consono a ciò che conosco!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di KampfgruppeHansen
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Grüne Linie
    Messaggi
    731

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    OT:rimanendo sul vernacolo vi consiglio se non l'avete già* visto; il film Cari fottutissimi amici

    Con Paolo Villaggio,Paolo Hendel,Massimo ceccherini
    ambientato nel periodo della liberazione di Firenze, molto ma molto carino
    ________________________
    Erano tempi fieri ed eroici, dove mettevamo piede li era la Germania,e il mio regno si estendeva fin dove arrivava il cannone del mio carro Armato

    Jochen Peiper
    SS Standartenführer , Kommandeur Panzer Regiment SS Leibstandarte

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Rispondo a Kampf... il film è piaciuto molto anche a me, peccato che nelle scene in campagna abbiano filmato le rotoballe!!!
    Fine OT
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di KampfgruppeHansen
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Grüne Linie
    Messaggi
    731

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Citazione Originariamente Scritto da Centerfire
    peccato che nelle scene in campagna abbiano filmato le rotoballe!!!
    Fine OT
    bah, questa m'era sfuggita !
    scusate ancora l'OT.
    ________________________
    Erano tempi fieri ed eroici, dove mettevamo piede li era la Germania,e il mio regno si estendeva fin dove arrivava il cannone del mio carro Armato

    Jochen Peiper
    SS Standartenführer , Kommandeur Panzer Regiment SS Leibstandarte

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di brus
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Verona
    Messaggi
    558

    Re: Agosto 1944 gli angloamericani a Firenze di "C.Malaparte

    Racconto molto divertente!

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •