Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: Ancora con la storia dei soldati italiani ammasso di codardi??????

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275
    Citazione Originariamente Scritto da fornasero Visualizza Messaggio
    l' articolo , scritto da un inglese , parla di un libro , scritto da tedeschi , basato sulle trascrizioni delle conversazioni captate dagli alleati in campi appositamente attrezzati .
    ci sono quindi gia 2 passaggi nel raccontare queste conversazioni .
    per poter essere certi della veridicita' , l' unica sarebbe quella di accedere direttamente agli archivi indicati nell' articolo .
    solo dopo aver letto quello che i nostri soldati si sono detti si potrebbe confermare o sfatare lo stereotipo
    Io credo che centri anche molto l'attitudine psicologica dei singoli popoli e delle rispettive classi militari. Quindi non si può prendere per attendibile ciò che è una certa attitudine psicologica alla narrazione, o una certa attitudine psicologica di certi prigionieri in un dato momento storico.
    Faccio un esempio. Per chi conosce un po' la storia dell'Armir, come si sa, i primi reparti ad abbandonare le linee in seno all' 8a armata italiana furono due reparti tedeschi: il 318° regg. di fanteria e la 298a divisione... quest'ultima fuggì letteralmente senza avvisare il comando Italiano d'armata... In seno alla ritirata i tedeschi cercarono di strappare i pochi automezzi in dotazione alle nostre truppe anche con le armi, approfittando pure del fatto che la maggior parte del carburante fosse detenuta esclusivamente dalla loro intendenza; tanto è vero che venne emanato l'ordine di difendersi anche manu militari dagli "alleati". Eppure in molta memorialistica, e persino saggi storici, tedeschi (spesso di ispirazione neonazi) si inventa la favola che la disfatta di Stalingrado è stata causata dagli italiani vigliacchi e traditori (o rumeni, o ungheresi). Cito a puro titolo di esempio in questo senso le memorie del "pilota di ferro" Rudel
    - sempre orgoglioso nazi - che magari, se fosse stato catturato, sarebbe stato considerato attendibilissimo e autorevole testimone dai suoi catturatori -specie se occidentali - (mentre in realtà non fa che ripetere certa propaganda nazi, totalmente infondata storicamente).
    Sono fatti storici documentati fin da allora e inoppugnabili. Tuttavia sono sicuro che mai un tedesco, specialmente se ufficiale, ammetterà, neppure in confidenza, di aver mancato ai propri doveri, di aver "tradito", di essere comportato in modo disdicevole. Solo se posto di fronte all'evidenza dei fatti, forse. Vedi come accadeva nei processi per i crimini di guerra e per lo sterminio degli ebrei.
    Al contrario gli italiani quando non hanno un più un interesse diretto, tendono ad essere sinceri, in confidenza, a dire più o meno la verità e ad ammettere quello che è successo nel bene e nel male; spesso però calcando la mano, accentuando teatralmente in un senso o nell'altro quello che è effettivamente successo, come è nello stile mediterraneo. L' italiano è poco attendibile invece quando tende a raccontare i fatti a "scaricabarile", per sollevare se stesso da responsabilità reali o presunte. In questo senso l'ufficiale in particolare (meno la truppa) eccelle; spesso quindi per lo straniero l'ufficiale italiano è attendibile anche quando scarica le proprie responsabilità, proprio perchè non coglie queste sfumature: al contrario uno straniero è abituato a vedere, generalmente, nell'ufficiale uno abituato ad assumersi le proprie responsabilità e perciò attendibile.
    Aggiungiamo che il sentimento psicologico generale dei prigionieri italiani dipenderà poi molto dalle situazioni storiche: i prigionieri catturati in Tunisia o in AOI avranno avuto una certa attitudine verso il futuro, quindi un atteggiamento psicologico, molto diverso (in meglio o in peggio) per esempio di quelli catturati in Sicilia o dopo l' 8 settembre. E' ovvio. Tutto ciò dovrebbe essere evidente ma pare non esserlo nello studio del professore tedesco.
    Giustamente la sottostante massima, come qualcuno faceva notare, può essere considerata per il nostro popolo e in primis le FFAA, universale.
    "the attitude of the Italian soldiers revealed in the transcripts was that they thought their state was corrupt and that their leadership was corrupt, so their view was: "Why should we, small soldiers, risk our lives for this corruption?"
    Però, se pronunciata da un prigioniero catturato a ridosso dell'8 settembre, a ragione, avrà avuto o no una valenza psicologica e drammatica - pure in senso propriamente storico - ben diversa da una stessa identica frase pronunciata in un contesto diverso? E' in grado l'autore tedesco di cogliere tutte queste sfumature? Secondo me no e quindi lo priva di parecchia, se non tutta, attendibilità storica. Potrebbe essere al contrario un interessante studio antropologico-psicologico-sociologico... ma assolutamente non storico.

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    315
    E' la solita vecchia storia. Io ho vissuto sin da piccolo a cavallo tra UK ed Italia, prima con i miei genitori e poi da solo per lavoro e studio. Ho incontrato tantissimi ex combattenti Inglesi in Italia, tanto che pensavo che l'intero uk si fosse trasferito negli anni '40 in Italia, spalmandosi tra la Sicilia ed il Brennero. Molti erano soldati semplici o graduati di truppa, ma qualcuno era ufficiale anche di grado elevato. Inevitabilmente chi non aveva più messo piede in Italia da quegli anni, mi faceva domande su come fosse diventata la mia Patria, molti avevano ancora l'idea di un'Italia distrutta (ma noi avevamo passato il boom economico...), molti altri volevano sapere solo delle bellezze storiche ma molti volevano raccontare le loro esperienze di guerra ( a differenza dei nostri vecchi che difficilmente raccontavano fatti di combattimento), e tra questi un Generale, allora Capitano mi disse: se avevate quello che avevano i Tedeschi in materiale ed armi, e generali più giovani, sulla torre di Londra oggi sventolerebbe il tricolore, perché avreste sconfitto anche i tedeschi. E seppur con minore enfasi e ovvi distingui le stese conclusioni venivano tratte da quasi tutti gli ex combattenti che conobbi.
    Saluti

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato