Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: B.d.B La fortuna non ci ha ancora abbandonati

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    266

    B.d.B La fortuna non ci ha ancora abbandonati

    Uscita in zona mista IT,AU, in una baracca italiana e' uscito l' orologio in argento, a parte la picconata che gli ho tirato accidentalmente per il resto e' in uno stato magnifico, dalle linee AU arriva l' anello, anzi due, uno artigianale nella foto non si vede.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Brianza!
    Messaggi
    16
    Bellissimi! Hai già dato una pulita all'orologio? Sarebbe interessante sapere la marca

    Nathan

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    266
    ciao, l' orologio l' ho aperto, e' un REMONTOIR CILINDER, per la pulizia lo dovrei affidare ad un orologiaio, anche se sono tentato di lasciarlo cosi' come il terreno l' ha restituito. Mah, vedremo.

  4. #4
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    L'orologio è interessante, anche se non a livello commerciale...
    Forse è in argento, con vetro in materiale plastico, i primi disponibili.
    Sarebbe interessante vedere la meccanica.
    La scritta "remontoir" significa che si carica dalla corona, come oggi si fa con gli orologi moderni.
    Fino all'inizion del 900 era molto diffuso anche il metodo di carica con la chiavetta.
    "Cilinder" è il tipo di scappamento, obsoleto già nei primi anni del '900 poichè fragile e poco efficente, ma orologi con scappamento a cilindro furono commercializzati fino agli anni '30 inoltrati.

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    266
    Citazione Originariamente Scritto da Klaus Visualizza Messaggio
    L'orologio è interessante, anche se non a livello commerciale...
    Forse è in argento, con vetro in materiale plastico, i primi disponibili.
    Sarebbe interessante vedere la meccanica.
    La scritta "remontoir" significa che si carica dalla corona, come oggi si fa con gli orologi moderni.
    Fino all'inizion del 900 era molto diffuso anche il metodo di carica con la chiavetta.
    "Cilinder" è il tipo di scappamento, obsoleto già nei primi anni del '900 poichè fragile e poco efficente, ma orologi con scappamento a cilindro furono commercializzati fino agli anni '30 inoltrati.
    Nella mia ignoranza in materia pensavo che "remontoir cilinder" fosse la marca, e' in argento marchiato 800, all' interno i meccanismi non sembrano troppo rovinati malgrado sia stato sepolto dal 1915/16. Prossimamente lo faro' pulire e poi postero' una foto.
    Intanto grazie per la delucidazione.

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468
    Davvero dei bei ritrovamenti! Bello l'orologio! Hai detto di avergli dato una picconata, però dalle foto sembra non avergli fatto alcun danno....menomale!
    Mi raccomando una volta pulito per bene posta le foto!

  7. #7
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Specifico ulteriormente una cosa:
    Come ti dicevo "Remontoir" è il tipo di carica. Veniva tanto sbandierato dai produttori perchè era un notevole passo in avanti tecnologico.
    Prima di allora, infatti, c'era un sistema con due separati congegni, entrambi comandati da una chiavetta: uno per la carica, l'altro per la messa dell'ora.
    Dopo, nella seconda metà dell'1800, nasce il sistema con messa dell'ora comandato dalla corona di carica, simile a quello che conosciamo noi, ma la carica avviene ancora per mezzo di chiavetta.
    A fine 1800 l'International Watch Company integra nella sola corona entrambi i meccanismi di messa dell'ora e di carica.
    La cosa oggi ci fa sorridere e ci sembra normale, ma comporta un ingegno progettuale molto impegnativo.

    Si badi pure che il sistema comportava un enorme vantaggio, per due motivi:
    1) uno o due accessi per la chiavetta erano altrettanti "buchi" sulla cassa.
    PW_inglese_2di3.JPG

    Questi buchi facevano entrare sporcizia, polvere, umidità, tre cose che non piacciono molto alle micromeccaniche...

    2) la chiavetta poteva andare persa (e capitava spesso), dunque lasciava il proprietario dell'orologio senza possibilità di caricarlo... se egli aveva da poco caricato l'orologio, bene, aveva più tempo per rimediare, altrimenti... poteva trovarsi, a breve, con un orologio fermo e non era sempre facile poi procurarsi una nuova chiavetta e l'ora esatta, mancando internet, radio, TV, etc...

    Non mi stupisce che sia poco rovinato: sono orologi tutto sommato molto ben fatti. Questo dovrebbe avere la doppia cassa, duneuq garantire anche un minimo di impermeabilità e resistenza (secondo i canoni dell'epoca, ovviamente)

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato