Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: Baionetta per Fucile Mod. '91

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Baionetta per Fucile Mod. '91

    Grazie alla generosità di un conoscente che in estate, accompagnato da ricercatori locali, passeggia sui fronti WWI posso aprire un topic sul restauro di un pezzo interessante.
    Interessante non tanto per l'oggetto in se, piuttosto comune, ma in quanto molte persone si chiedono come fare e quanto fare su questa tipologia di oggetti, trovando con difficoltà le soluzioni cercate.
    In questo lavoro io andrò avanti nel recupero del pezzo "ad oltranza", fermandomi solo prima di renderlo una ferraglia e documentando il tutto con immagini e descrizione degli interventi.
    Così facendo avrete modo di rendervi conto delle difficoltà, delle diverse tecniche e dei risultati che via via si vanno ad ottenere. Ognuno poi deciderà se e quanto intervenire sul proprio pezzo, come sapete il recupero/restauro in questo campo della militaria è strettamente legato a gusti personali e ciò che può sembrare ottimo per uno è orrendo per altri.

    Inizio quindi con una serie di immagini della baionetta così come mi è stata consegnata:

    Vista laterale

    [attachment=8:34mgd5lp]DSCF2673.jpg[/attachment:34mgd5lp]

    Come noterete le condizioni non sono disperate, la parte messa peggio è l'anello per la canna, strappato e piegato con una violenza impressionante.
    L'impugnatura dalla parte superiore, ci sono dei rimasugli del legno delle guancette, la terra incrosta tutti gli anfratti ed angoli...

    [attachment=7:34mgd5lp]DSCF2675.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    La punta della lama ha subito una discreta piegatura seguita da un tentativo di raddrizzamento che ha generato questo profilo serpentino...

    [attachment=6:34mgd5lp]DSCF2676.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    Il pulsante dello sgancio è diventeto monoblocco col codolo e la ruggine ricopre tenacemente ogni millimetro di acciaio.

    [attachment=5:34mgd5lp]DSCF2677.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    La prima considerazione che ho fatto è stata di escludere un intervento "umido". L'acido è facile da usare e lavora al posto tuo mentre riposi ma il risultato in questo caso sarebbe orrendo restituendoti qualcosa di molto simile ad una pietra pomice, spugnoso, grigiastro, assolutamente inguardabile.
    La strada da percorrere sarà quindi tutta "a secco", asportazione meccanica degli ossidi sfruttando la ruggine come stuccatura per mantenere i profili preesistenti che si presenteranno con queste macchie scure, non bellissime ma compatibili con l'età ed il vissuto del pezzo. Anche se in origine la finitura è brunita sperare di salvare tracce del trattamento è puramente utopistico, il risultato finale sarà quindi quello di una tipica finitura "in bianco".

    Primo intervento, munito di guanti in pelle e spazzola di acciaio per saldatura ho eliminato lo sporco grossolano e le scaglie di ruggine superficiali e poco aderenti.

    Secondo: ho tenuto per una decina di minuti la parte terminale della lama sul fornello della cucina a gas, non sarà calda quanto quella di una fiaccola da saldatore ma dovrebbe aiutare a rilassare le tensioni interne del materiale per una successiva raddrizzatura. E' importante che il raffreddamento sia il più lento possibile per ottenere il migior risultato.

    Terzo: ho sottoposto le sedi delle guancette e la cava di attacco all'azione della sabbiatrice, o meglio, pallinatrice. Questo per avere una pulizia quasi totale nelle zone piu difficili da raggiungere e che daranno meno problemi di estetica in futuro.

    Quarto: inizio a passare la tela abrasiva grana 120 sul codolo mantenendola bagnata e pulita col petrolio. Lavandola continuamente con lo stesso vedo il risultato del lavoro che sto facendo. Pazienza ed attenzione sono elementi preziosi in questo lavoro. Mi fermo quando vedo che ho eliminato le bolle di ruggine sporgenti dal profilo.

    Quinto: passo la spazzola di acciaio rotante sul codolo per avere una prima idea di quanto posso ottenere, la stessa usata sui rami della guardia mi conferma che non è in grado di rimuovere la patina di ruggine ma solo di lucidare il metallo nudo. Passo una leggera telatura anche sulla guardia per vedere cosa c'è "sotto" lo strato rugginoso.

    Sesto: con un piccolo bilancere a mano intervengo sulle piegature della punta ottenendo un discreto risultato, per arrivare alla perfezione mi rimane da eliminare una leggera curvatura ad "S" residua. Lavoro da fare come ultimo.

    Settimo: sempre col bilancere mi dedico al pulsante del dente di aggancio. Posso esercitare un forza notevole ma estremamente controllata per vedere con attenzione se ci sono dei cedimenti anomali. Con uno schiòcco il pulsante si muove! Avevo spruzzato ore prima dell'olio sbloccante ma non pensavo che fosse possibile ripristinare il movimento.

    Ecco come si presenta dopo questi interventi:

    Sedi guancette:

    [attachment=4:34mgd5lp]DSCF2679.jpg[/attachment:34mgd5lp]

    [attachment=3:34mgd5lp]DSCF2680.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    Il codolo col pulsante sbloccato, la molla di ritorno è incredibilmente dura ed elastica nononstante un secolo di intemperie!

    [attachment=0:34mgd5lp]DSCF2681.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    La parte finale della lama, notare la leggera piega ancora presente nel passaggio fra piatto e punta:

    [attachment=2:34mgd5lp]DSCF2678.jpg[/attachment:34mgd5lp]



    Gli "attrezzi" che impiegherò per ultimare il lavoro.
    Tela abrasiva grana 120, grana 320 e paglietta abrasiva. Manca il flacone col petrolio ed il pennello insieme alla vaschetta.

    [attachment=1:34mgd5lp]DSCF2682.jpg[/attachment:34mgd5lp]


    Se avete la pazienza di seguirmi vedrete cosa accadrà alla guardia ed alla lama. Aspetto le vostre opinioni anche in merito al problema "guancette", sto ancora rimuginando se ricostruirle o meno. Per farlo dovrei asportare perni e rondelle originali e rifarne dei nuovi.

    Alla prossima puntata!
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  2. #2
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    ottimo lavoro Center! io le guancette non le ricostruirei ! lasciala così !é più dignitosa senza ...l'usura del ferro stonerebbe troppo con due pezzi di legno ...
    comunque ribadisco : hai fatto un eccellente lavoro!
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Direi che la momento delle foto siamo al 30% dell'opera...
    Ho rimesso un po diritto l'anello della guardia e preparato delle tavolette di legno duro per passare la tela sulla lama.
    Oltre alla matricola stanno venendo fuori altri punzoni, parrebbe fatta a Terni, e quello che rimane della brunitura.
    Credo che riprenderò a lavorarci lunedi pomeriggio.
    Tra l'altro non ho mai avuto una baionetta, è molto piu leggera ed esile di quanto mi aspettassi. La baio del Vetterli è molto più massiccia.

    La lama promette bene, a parte alcune camolature non pare abbia troppo sofferto...
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    248

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Davvero bellissimo lavoro, sappiamo che sei molto bravo nei restauri e anche questa volta
    sicuramente non deluderai. Certo che la baio era messa ben male e non pensavo che con quei
    trattamenti venissero alla luce anche i punzoni. Io le guancette le rifarei sicuramente usando
    del legno vecchio di faggio o di noce che troverai facilmente da qualche restauratore.
    Facci sapere. Ciao

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    1,127

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Complimenti! meglio senza guancette che con guancete "false".

    RR
    Tutto considerato, un militare non è altro che un uomo rubato alla sua abitazione. (Il buon soldato Sc'vèik)

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Proprio un bel lavoro!

    Anche con le guancette, nuova non torna... vedi tu come ti piace di più, non è la Gioconda.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di cipolletti vincenzo
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1,863

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    hai fatto bene a preservarla dalla ruggine , ma per il resto io sono
    per il " battle damaged " quindi i segni della battaglia li lascerei.

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Si, di base Vincenzo la penso come te. In questo caso il pezzo si sta sacrificando per il bene degli altri e mostrerò cosa è possibile fare con questo livello di partenza, sarà scelta di ognuno decidere quando fermarsi con i propri pezzi.

    Ad esempio, le tacche presenti sul filo della lama. Con l'uso della tela abrasiva queste piegature vengono irrimediabilmente spianate, specialmente usando un "passatela" rigido che aiuta a ritrovare i piani originali.
    In questo caso ho deciso per ritoccare quelle più evidenti utilizzando la tecnica dei "due martelli":
    Si blocca il martello piu grosso in morsa ed usandolo come incudine grazie alla bombatura della sua testa si interviene con quello piu piccolo sulle varie piegature.

    [attachment=4:263hfzc4]DSCF2683.jpg[/attachment:263hfzc4]


    Fatto questo userò una stretta tavoletta di legno come supporto per la tela, l'ho ricavata da un listello di parquet portandola a 10mm di lunghezza per 25 di larghezza.
    Fissata la lama con un morsetto al banco in modo che sia ferma ed orizzontale ripulirò il fianco della lama e dell'affilatura.

    La cosa che mi sorprende in questo lavoro è che lavando costantemente col petrolio la baionetta sotto la ruggine appaiono netti riflessi bluastri della brunitura originale!
    Vedrò poi se con la spazzolatura qualcosa risalta fuori.

    Foto di altri attrezzi da lavoro, a voi scoprire cosa sono...

    [attachment=3:263hfzc4]DSCF2685.jpg[/attachment:263hfzc4]


    Fate attenzione che i guanti siano in NITRILE, l'unica gomma che resiste agli olii e permette di riutilizzare i guanti per 6/7 volte, se non li tagliate prima!

    Approfitto di questo tread per mostrare le immagini di un piccolo falcetto recuperato nella stessa località.
    La cosa che tocca il cuore è pensare al proprietario che l'aveva portato da casa per incrementare con verdura fresca il rancio non certo da ristorante di lusso...

    [attachment=2:263hfzc4]DSCF2686.jpg[/attachment:263hfzc4]

    [attachment=1:263hfzc4]DSCF2687.jpg[/attachment:263hfzc4]

    Ho già terminato il lavoro e questo è l'aspetto definitivo. Purtroppo non ho fatto foto prima del restauro, si presentava coperto di una crosta bianca tipo calce frammista a ruggine...

    Fate caso alla fila di punti ricavata sull'esterno, serviva sia per un vezzo estetico che a recuperare materiale per aiutare la curvatura del pezzo:

    [attachment=0:263hfzc4]DSCF2689.jpg[/attachment:263hfzc4]

    Vicino al tallone, sulla destra il punzone dell'artigiano che l'ha realizzato.

    Il tempo che posso dedicare al restauro è limitato, prossimi aggiornamenti a lunedì!
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Il lavoro continua, con calma ed attenzione.
    Stavolta si tratta di vedere cosa c'è "sotto" alla lama. Dopo aver dato una discreta ripulita alla guardia e stabilizzato l'impugnatura quello della lama è il prossimo passo da affrontare.
    Per fare un buon lavoro occerre munirsi di adeguati "passatela" ovvero elemanti rigidi su cui far poggiare la tela abrasiva mentre la passi sul pezzo come fosse una lima. Questo serve a "ritrovare i piani" delle lavorazioni originali. Usando il solo polpastrello la morbidezza del sostegno seguirebbe con un continuo saliscendi tutte le asperità presenti senza variarne il profilo base. A noi interessa invece raggiungere le geometrie originali senza togliere materiale nelle camolature esistenti.

    Ecco gli attrezzi insieme ad un rotolino di paglietta che userò in seguito.

    [attachment=5:1y4xtk4b]DSCF2698.jpg[/attachment:1y4xtk4b]

    Usando prima la tela 120 e poi la 320 i risultati iniziano a vedersi.
    Occorre tenere sempre puilta col petrolio la zona in cui si lavora per vedere bene quando si raggiunge la brunitura ed il metallo vivo. Il petrolio rende ben riflettenti queste superfici e con la lampada si esalta benissimo quanto rimane della brunitura originale.
    Usare una morsettina da banco con un ritaglio di cuoio accellera e migliora i risultati.


    Vista totale dopo il lavoro, il livello attuale sulla lama è del 70% ci sono ancora zone da pulire bene. Specialmente la piega residua mi stà creando problemi col suo avvallamento, deciderò poi se eliminarla del tutto.

    [attachment=4:1y4xtk4b]DSCF2691.jpg[/attachment:1y4xtk4b]

    I legnetti del giusto spessore consentono di lavorare all'interno dello sguscio scolasangue per tutta la sua larghezza.

    [attachment=3:1y4xtk4b]DSCF2692.jpg[/attachment:1y4xtk4b]


    Questi i punzoni presenti sul tallone e sulla guardia

    [attachment=2:1y4xtk4b]DSCF2694.jpg[/attachment:1y4xtk4b]

    [attachment=1:1y4xtk4b]DSCF2696.jpg[/attachment:1y4xtk4b]


    In questa immagine si vedono bene le camolature dovute alla ruggine ma anche i piani ritrovati. La lama non ha ancora riacquistato lucentezza perché manca la finitura con paglietta e/o spazzola. La tela abrasiva lascia una finitura piuttosto opaca.

    [attachment=0:1y4xtk4b]DSCF2697.jpg[/attachment:1y4xtk4b]

    Nutro ancora la segreta speranza che la politura finale faccia riemergere la brunitura che si nota benissimo con le superfici bagnate dal petrolio...

    Ho notato come l'affilatura di questa baio sia piuttosto ben curata, ci dovevano affettare il prosciutto???



    Alla prossima puntata!
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di soldatodisanità
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    prov. di Littoria
    Messaggi
    99

    Re: Baionetta per Fucile Mod. '91

    Complimentoni per il lavoro"certosino",visti i risultati.Davvero spettacolare PS io le guancette non le rimetterei anche perchè dovresti togliere i vecchi bulloni che tenevano il legno originale
    [center:1q04lfdz]Fratibus ut vitam servares

    Solo due tipi di persone resteranno su questa spiaggia: quelli che sono morti e quelli che moriranno.
    [/center:1q04lfdz]

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato