Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 22 di 22

Discussione: Bombe nel timavo

  1. #21
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Bombe nel timavo

    Citazione Originariamente Scritto da leon1949
    chissa che botto quando le faranno esplodere tutte assieme , però a vedere il filmato avrei pensato ad un botto
    più grosso , questo vedendo i crateri presenti ancora oggi nei campi di battaglia si vede che interrati perdono gran parte del loro effetto
    ciao
    Credo che la forza dell'esplosione venga assorbita dalla sabbia che ricopre le cariche da far brillare.
    Infatti anche i sacchetti di protezione alle trincee sono riempiti di sabbia proprio per il suo potere di fermare i proiettili.

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: Bombe nel timavo

    Ciao, ragazzi. Io penso di poter dire qualcosa in merito. Nel lontano, ma non poi così tanto, 1998 ho partecipato alle operazioni di bonifica delle risorgive del Timavo. E' stata una operazione lunga e faticosa, ma sacrosanta, in quanto la zona era e lo è tutt'ora una palestra per speleologi subacquei che si esercitavano a pochi centimetri da migliaia di ordigni, e quando dico migliaia siete pregati di credermi, altro che coperti da metri di fango. Io mi sono occupato del recupero da terra, non essendo sub, ma avevamo le squadre di una ditta privata che operavano sotto. Ho anch'io varie foto come quelle già* postate, tra le quali una che testimonia la mia presenza sul luogo, che vi allego. Ho anche un video girato sott'acqua, nelle grotte e si vede benissimo che il materiale è affiorante, anche perchè con la corrente del Timavo lì sotto non riesce a formarsi il fango.

    [attachment=0:32bzb9lg]timavo.jpg[/attachment:32bzb9lg]
    Non fate caso alla faccia da sbarbato, era 11 anni fa!!!

    Una enorme parte del munizionamento rinvenuto fu estratto dalle acque e distrutto, poi, purtroppo il Ministero delle Difesa cambiò alcune competenze alle ditte private di bonifica, tra le più importanti la rimozione degli ordigni, e così molti di quelli che erano stati rastrellati non poterono essere levati dall'acqua e rimasero sul fondo accatastati in attesa di qualcuno che li potesse prendere. E finalmente si sono decisi. Ora il recupero lo fa la Marina Militare. Non credo che alla fine siano stati recuperati tutti, ma una bella sfoltita gliel'hanno data, sicuro.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    ermanno

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •