Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Camicia leggera Kaki

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Toscana ( Gotenstellung ) Mugello
    Messaggi
    4,175

    Camicia leggera Kaki

    Camicia leggera Americana: Come vi avevo già* annunciato questa camicia ha una sua storia, se volete leggerla io ve la racconto.
    Nell'agosto del 44 mio nonno abitava a Firenze e prestava servizio nel corpo di Polizia; una mattina come tutte le mattine mio nonno esce di casa per recarsi nella caserma dove prestava servizio, ma uscendo dal suo appartamento si imbattè in dei soldati Tedeschi che stavano cercando uomini in quella palazzina, a mio nonno da due di questi Tedeschi fu intimato in modo assai brusto e sotto la minaccia di armi di non opporre resistenza. Pochi minuti e mio nonno fu giù per strada assieme ad altri che abitavano nella stessa palazzina; mio nonno cercò di far capire a questi soldati che lui era della Polizia e che doveva recarsi nella caserma dove prestava servizio, non fu considerata minimamente la sua posizione e fu portato via assieme agli altri. Lo portarono sulle rive dell'Arno, dove dall'altra parte gli Americani già* avevano liberato Firenze. ( oltrarno ) A mio nonno fu data una pala e assieme ad uno studente che abitava al piano superiore fu fatto capire che dovevano scavare un ricovero che ai soldati Tedeschi sarebbe servito per arginare l'avanzata Americana, iniziarono a scavare, era agosto e faceva caldo e ai due soldati che li tenevano d' occhio ( nonostante stessero seduti a guardare ) venne sete, ho capito poi dalla sua descrizione che erano due paracadutisti.
    Lo studente che stava scavando con mio nonno capiva il Tedesco e sentì che i due parlottando cercavano una fontanella dove potersi dissetare e a quel punto disse a mio nonno che i due avevano una gran sete e che forse a lui era venuta in idea per poter scappare, disse a mio nonno di lasciar fare tutto a lui e quando fosse stato il momento di correre di farlo il più velocemente possibile.
    A questo punto il ragazzo si fermò un attimo e rivolgendosi ai due in Tedesco disse loro di sapere dov' era una fontanella, dove loro avrebbero potuto prendere dell'acqua; i due soldati fecero smettere di scavare mio nonno e lo studente e indicando loro un barroccino con due damigiane vuote, gli ordinarono di spengerlo e di farsi portare sul luogo dove avrebbero trovato dell'acqua.
    A questo punto mentre i due spingevano il barroccino lo studente disse a mio nonno: li portiamo alla manifattura tabacchi. ( era un complesso dove fabbricavano sigarette e il suo interno era molto labirintoso ) Arrivati sul posto i due soldati si buttarono letteralmente sotto al getto della cannella e a quel punto mio nonno ed il ragazzo approfittarono della distrazione dei due per scappare velocemente; i due soldati si accorsero immediatamente della loro fuga, provarono a sparagli ma loro erano già* fuori tiro per via degli ostacoli murari che la struttura offriva. Si divisero e mio nonno corse di nuovo a casa per prendere alcune cose e poi andar via nuovamente avendo puura che i Tedeschi lo andassero a ricercare dove lo avevano precedentemente preso.
    Al piano terreno aveva un piccolo deposito un pizzicagnolo che aveva una bottega li a due passi e mio nonno incontrandolo gli disse di sparire dalla circolazione perchè forse sarebbero arrivati di li a poco soldati Tedeschi alquanto incazzati, il pizzicagniolo non si fece ripetere l'invito due volte e disse a mio nonno dove fosse diretto e mio nonno gli rispose: verso piazza Beccaria ( li sembrava che gli Americani avevano già* attraversato l'Arno ) però il pizzicagnolo volle portare in salvo alcune galline che teneva nascoste e quindi prese un barroccino e vi mise le ceste con i volatili, si diressero verso piazza Beccaria dove la gente già* per strada salutava l'ingresso delle truppe Americane e quando vi giunsero già* colonne di mezzi transitavano su gli attuali viali di circonvallazione; quando ad un certo punto un grosso camion Americano si bloccò di colpo e dal mezzo saltarono giù un paio di grossi soldati di colore che evidentemente erano attratti dal conenuto delle ceste che il pizzicagnolo aveva sul suo barroccino, gli fecero capire che volevano quello che stava trasportando ma il pizzicagnolo sulle prime si oppose poi forse anche convinto da mio nonno decise di cedere tutte le galline ai due soldati che ricambiarono gettando dal loro camion pantaloni, camicie, scarpe e sigarette.
    Ecco la storia di questa camicia che mio nonno ha indossato fino all'inizio degli anni 90, quando un giorno guardadolo zappettare il suo orticello gli domandai se quella camicia avesse a che fare con le forze armate Americane, fu allora che lui soffermandosi dal suo lavoro e con un lieve sorriso mi raccontò questa storia e di come venne in possesso di questa camicia.
    Alla fine del racconto mio nonno aggiunse anche che tale camicia avrebbe finito i suoi giorni, mi precipitai subito in un negozio e la sera stessa feci trovare a mio nonno una bella camicia nuova, ovviamente vietai a mio nonno di battare la camicia e dal quel giorno iniziò a far parte della mia collezione.

    Scusatemi se forse vi ho annoiato con questa storia ma avevo voglia di raccontarvela, così come fu raccontata a me.

    La camicia è molto vissuta e assai scolorita, appunto per il prolungato uso, nella seconda foto ( tra l'altro un pò sfocata si intravedono dei numeri però li il tessuto non ha retto ai prolungati lavaggi del tempo )
    [ciao2]


    Immagine:

    44,59Â*KB


    Immagine:

    34,97Â*KB

    Immagine:

    62,42Â*KB

    Immagine:

    51,42Â*KB

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Interessantissima storia che dona una marcia in più a questo oggetto.Bella,Green!!!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Me la son letta tutta d'un fiato,molto bella la storia.Sarebbe bello poterne sentire di altre...soprattutto se a lieto fine![]

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    L'ho letta come si legge su un libro un capitolo di storia e per fortuna a lieto fine
    Bella.
    [ciao2]
    luciano

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Toscana ( Gotenstellung ) Mugello
    Messaggi
    4,175
    Grazie ragazzi, mi fa piacere che in qualche modo io possa avervi trasportato indietro nel tempo.
    [ciao2]

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Hetzer
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Bassa reggiana
    Messaggi
    1,810
    Davvero complimenti Green per la bella camicia postata, ma soprattutto per la bellisima storia ad essa legata che hai voluto condividere con noi....grazie ancora...
    Circa ai cimeli con l'anima come li chiamo io, racconto in breve due aneddoti...
    un paio di anni fa è morto lo zio di un caro amico, aveva 90 anni portati benissimo, dopo l'otto settembre era stato rinchiuso in campo di concentramento dopo vari giri per la Germania..beh arrivò al campo e.....classica doccia!!..entrano tutti nello stazione e, come immaginate invece dell'acqua esce il gas....quando ormai erano tutti a terra si aprono le porte e si salvano la vita. Con tutta probabilità* erano serviti per testare l'impianto...
    beh tornato a casa nel 1945 si portò con lui le posate che aveva al campo e PER TUTTA LA VITA mangiò con quelle posate, perchè nn scordasse mai l'inferno che aveva patito....
    Adesso le posate le ha avute il mio amico e le conserva con cura....quando vado a casa sua nn posso fare a meno di guardarle...e credetemi mi fanno venire un lavoro addosso....

    Tempo fa conobbi un anziano signore al mercatino di Gonzaga, mi fece vedere la cintura dei pantaloni, era una cintura della 1 GM austriaca che suo padre prese ad un caduto... suo padre fece un voto: se fosse scampato alla grande guerra nn si sarebbe mai più tolta la cintura austriaca....e per tutta la vita ebbe solo quella cintura per tutti i pantaloni portati....e ancora adesso il figlio ormai anziano portava la stessa cintura del padre, anche lui solo quella, per tutti i pantaloni....

    Un saluto
    Io non ho girato il mondo ma il mondo ha girato intorno a me.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230
    Green, bellissima storia, ma permettermi di correggerti su un particolare non secondario. Gli americani NON hanno liberato Firenze. E lo ripeto: NON hanno liberato Firenze. E' una vecchia leggenda, diffusasi a seguito del modo di dire... a liberare Firenze hanno concorso una divisione Britannica, la 4a, una Sudafricana, la 6a divsione corazzata, e una Neozelandese, la 2a. All'epoca della liberazione di Firenze gli americani erano schierati sul Tirreno. A ovest di Firenze hanno combattuto gli indiani della 8a Divisione, e nell'agosto del 1944 sulla sponda sud dell'Arno sono stati schierati pure due battaglioni della 1a Divisione Canadese. Quindi a liberare Firenze hanno collaborato inglesi, scozzesi, canadesi, sudafricani, indiani, neozelandesi, italiani (varie bande partigiane) ma, mi dispiace, gli americani sono arrivati a cose fatte. Questo per il rispetto della verità* storica, e nonostante le foto che gli americani si sono fatti fare in piazza del Duomo con i figuranti del calcio storico... [!]

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Toscana ( Gotenstellung ) Mugello
    Messaggi
    4,175
    Ho solo raccontato la storia così come mi era stata raccontata; non era mia intenzione togliere meriti a chi questi meriti se li è guadagnati sul campo.
    Spesse volte pagando questo merito con il bene più grande che un essere umano può avere. la vita.
    [ciao2]

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato