Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: campi di Tito

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    106

    campi di Tito

    Non avete mai sentito parlare dei campi di Tito, in Jugoslavia???

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: campi di Tito

    Altrochè, ci sono finiti dentro tutti gli oppositori al regime, sloveni, croati, serbi, macedoni, kossovari, montenegrini, della Voivodina e anche molti italiani, soprattutto comunisti stalinisti.
    Non erano ne' belli ne' comodi, ma all'epoca Tito era filo occidentale, e allora andava bene.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Rimini
    Messaggi
    2,599

    Re: campi di Tito

    e tedeschi....
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    cerco e scambio wehrpass linea Gotica adriatica

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: campi di Tito

    Vedi a proposito la discussione aperta ma non decollata.

    viewtopic.php?f=279&t=34929
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    106

    Re: campi di Tito

    io tra le mie ricerche sempre in corso per mio prozio ho trovato:
    L'Avvenire - 8 setembre 2007

    Ostaggi italiani nei lager di Tito
    I sopravvissuti ai terribili stermini nazisti giurano che quelli titini furono addirittura peggiori. Solo nel 1945, sull'isola di Lissa, furono fucilati e poi buttati in mare 1800 soldati del nostro esercito

    Militari e civili italiani prigionieri nei lager della Jugoslavia, un pezzo di storia da raccontare per far luce su una delle conseguenze più tragicamente dimenticate del Secondo conflitto mondiale. Nei campi di concentramento dei partigiani «rossi» di Tito i trattamenti degli italiani incarcerati - censiti in oltre 50 mila - erano «disumani»; nelle numerose strutture di internamento - nomi come Lissa e Biševo suonano sinistri alle orecchie di chi sa - le persone venivano trattate «come bestie». Tanto che quei nostri connazionali che avevano provato l'esperienza dei campi nazisti ammettevano che quelli titini (ne sono stati registrati 65) erano addirittura peggiori di Mauthausen. Ad approfondire questi avvenimenti postbellici è lo storico Costantino Di Sante in questo libro appena uscito per i tipi di Ombre rosse. L'impianto dell'accurato volume cerca di restare in equilibrio tra due posizioni: da una parte, la comprensione che molto del sentimento anti-italiano dei partigiani titini - a gennaio '46 ancora 12 mila italiani erano dietro il filo spinato oltre il confine slavo - fu una reazione alle violenze di cui si macchiarono i fascisti durante l'occupazione fascista della Jugoslavia. Dall'altra parte, però, Di Sante ha il merito di riportare una folta documentazione di nostri connazionali incarcerati dai titini: i racconti sulle loro condizioni di prigionia e sulle efferatezze dei combattenti comunisti sminuiscono il rapporto di «causa-effetto» tra l'azione bellica italiana e la gratuità della repressione su inermi prigionieri di guerra. Ecco cosa scrisse sulla sua detenzione iugoslava Marsilio Bellardinelli, un civile di Jesi, deportato per motivi politici dai tedeschi nel '44: «Posso assicurare che neanche a Mauthausen subimmo tante umiliazioni, privazioni e sofferenze, come a Baronizza». Amerigo Iannucili, universitario napoletano, finito in un campo a Novi Sad: «I partigiani di Tito mi menarono insieme ad altri italiani, chiamandoci fascisti e minacciandoci d i morte. Non esisteva infermeria né alcun senso di umanità: chi era ammalato moriva perché non curato. I partigiani di Tito non rispettano nessuna legge internazionale del prigioniero». E la Croce svizzera relazionò: «In Serbia si trovano 4 mila fra ufficiali e soldati italiani. Le loro condizioni sono pietose. Vestiti di cenci; alimentazione insufficiente; nessuna forma di assistenza». Ma c'è di più: il sentimento anti-italiano dei combattenti titini colpì anche quei nostri connazionali che dopo l'armistizio del '43 erano passati dalla parte dei partigiani. L'artigliere Sebastiano Zappulla era a Ragusa (l'attuale Dubrovnik) con la divisione Messina: dopo l'8 settembre venne internato dai tedeschi a Sarajevo; evaso, si unì ai partigiani anti-nazisti. Rimasto ferito, venne ricoverato a Lissa: «I partigiani si sforzavano di ignorare che io ed i miei compagni avevamo combattuto per la stessa causa ed eravamo pure stati feriti. Essi ci chiamavano fascisti solo perché eravamo italiani. Ci facevano lavorare come cani, non avevano riguardo delle nostre condizioni di salute». Dall'isola di Lissa lo Stato maggiore della marina l'8 gennaio 1945 inviò al ministero degli Esteri un rapporto drammatico: «Dal 10 novembre al 20 dicembre si calcola siano stati fucilati circa 1800 soldati, buttando i cadaveri in mare. Le esecuzioni in massa avvengono a Biševo». Di Sante scandaglia anche le vicende del lungo impasse diplomatico consumatosi tra Italia e Jugoslavia circa lo scambio di prigionieri: una vicenda in cui l'ideologia comunista ebbe una parte notevole. Il Partito di Togliatti cercò in tutti i modi di accaparrarsi il favore degli internati italiani in Jugoslavia, organizzando spedizioni apposite di indottrinamento ideologico. Un esempio? Il commissario politico Piero Mirandola fu inviato a Dubrovnik dal Partito nonostante i capi militari avessero cercato di bandire ogni attività politica dal campo di internamento. Danilo Dolfi, altro esponente Pci in Jugoslavia, scrisse al Mig liore: «La situazione degli italiani è critica, ci sono ancora 30 mila italiani sparsi in tutta la Jugoslavia che soffrono, occorre che non se ne faccia 30 mila anticomunisti». E successivamente il parlamentare Pci Ugo Giovacchini, inviato da De Gasperi a visionare la condizione degli italiani detenuti da Tito, cercò di minimizzare le reale, drammatica situazione. Intanto il leader iugoslavo chiedeva a Roma che la commissione italiana sullo spinoso dossier degli internati fosse composta da «buoni democratici» (ergo, filo-comunisti). Anzi, riferisce Di Sante, per poter rimpatriare in Italia bisognava o essere «affetti da malattie« oppure avere «la documentazione di appartenenza al partito comunista«. Fu l'Alto Commissariato per i prigionieri di guerra, in una relazione del luglio '45, a riconoscere che «le Autorità iugoslave tratteneva arbitrariamente nel loro territorio» 40 mila italiani come «ostaggi» per aver più garanzie sulle proprie rivendicazioni verso Roma.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: campi di Tito

    Cose successe più o meno in ogni campo di prigionia di ogni esercito.

    Chi vince ha sempre ragione.

    La prima guerra mondiale fu una immensa tragedia, la seconda un continuo crimine contro l'umanità.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    106

    Re: campi di Tito

    già purtroppo Alla ferocia umana non c'era e non c'è risposta, nè ieri nè oggi.......

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: campi di Tito

    Leggiti il libro di Lionello Rossi "Prigioniero di Tito 1945-1946. Un bersagliere nei campi di concentramento jugoslavi".
    Curiosamente per chi non lo sapesse l'autore è il padre del comico Paolo Rossi. Mi chiedo come cotanti padri possano generare figli così degeneri, come Renzo Lodoli che ha tirato fuori un Marco Lodoli...

    Kleiner Pal si riferisce probabilmente al libro "Goli Otok, italiani nel gulag di Tito", che parla dei vai comunisti italiani spediti dal PCI dai loro compari slavi e finiti così come era scontato. Tra l'altro ai pochi ritornati venne ordinato di tacere e la cosa incredibile è che questi hanno pure obbedito.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: campi di Tito

    Genitori bigotti hanno figli atei, è una reazione normale...

    La storia dei comunisti nostrani emigrati in Iugoslavia per costruire il paradiso socialista è paradossale, comica e tragica insieme.
    Una delle tante piccole trascurate storie accadute al confine orientale.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato