Pagina 6 di 28 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 279

Discussione: CAPPELLI ALPINI

  1. #51
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    leggo ora il post di Lafitte
    Come già* avevo scritto più sopra le Voloire avrebbero dovuto avere una tulipa molto più alta e capiente, ma qui c'è il 4° giro....


    Belogi

    59,75Â*KB



    Gruppi ippotrainati - Voloire -

    74,06Â*KB



    Gruppi autotrainati

    121,36Â*KB

  2. #52
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Eccoci qui di nuovo!
    Una rapida carellata sui cappelli a visiera m.34 e 40 , un po' un punto debole in quanto ci sono varie mancanze soprattutto sui cappelli neri da sera e bianchi estivi, quanto prima cercherò di postare gli esemplari mancanti.

    6° Puntata Cappelli a visiera m.34 e 40


    Immagine:

    86,37Â*KB

    Cappello m.34 da tenente del 9° alpini, Div. alp. Julia.
    Notate la qualità* del materiale e del ricamo e la forma marziale del cappello.


    Immagine:

    84,81Â*KB

    Particolare del fregio.

    Immagine:

    59,42*KB

    Cappello m.34 dell' artiglieria alpina 3° reg. div.alp.Julia.

    Immagine:

    47,1*KB

    Particolare del fregio, non si può dire che questa aquila non sia agguerrita! Così impettitta sembra pronta per l'attacco!

    Immagine:

    78,08Â*KB

    Cappello m.40 da maggiore dell' artiglieria alpina 2 Reg. Art. Mont. Div. Tridentina.
    Il cappello alla "bulgara" ha una forma molto più combat, la qualità* del materiale non è eccezzionale anzi, la particolarità* di questo tessuto è che all' esposizione alle intemperie tende a passare da una tonalità* grigioverde a una giallastra.
    Anche il fregio pur essendo simpatico scade in qualità* di ricamo con un supporto di panno grossolano.


    Immagine:

    80,95Â*KB

    Particolare del fregio.
    Il fregio comunque mantiene una forma larga, con ali ben definite, solitamente in questo periodo si trovano aquile più stilizzate e di grafica standardizzata (vedi cappelli alpini capitano artiglieria e sottotenente medico).

    Immagine:

    62,42*KB

    Cappello bianco estivo m.34, da capitano dell' 8° regg alp. il cappello è dotato di fodera bianca rimovibile per il lavaggio, è molto elegante con un fregio veramente enorme.

    Immagine:

    70,32*KB

    Particolare del fregio.

    Immagine:

    77,97*KB

    Retro del fregio, come si può vedere sul retro del fregio sono fissati 3 bottoncini automatici che permettevano la rimozione della fodera bianca per il lavaggio.

    Immagine:

    69,53*KB

    Cappello nero da sera m.34, da tenente dell' 8° regg. alp. div. julia, in questo caso il filetto tra i gradi è in colore nero.

    Immagine:

    81,76*KB

    Particolare del fregio.

    Immagine:

    95,6*KB

    Altro fregio messo a confronto con il precedente, come si può notare i 2 fregi hanno una fattura identica, il ricamo ha le stesse caratteristiche solo che questo è dell' artiglieria alpina, 3° regg art alp. div alp. Julia.
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  3. #53
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Uhmm... leggo solo ora i post del grande Mauro!
    Si in effetti la nappina postata è una via di mezzo tra quella degli alpini e quella della Voloire.
    Grazie per la precisazione in merito alle nappine con il 4° giro per i cappelli alpini vecchi, direi più comuni a trovarsi sulle bombette e sugli esemplari prebellici, ne ho alcune in collezione brunite (quindi a uso bellico) che presentano già* solo 3 giri di cordoncino, credo che la pratica e l'impossibilità* di reperirne del tipo con 4 giri già* dal periodo bellico, con la riforma del 26 se ne decretò il definitivo abbandono.
    Azz.... che topic interessante!
    Vai Mauro!!!!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  4. #54
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Per Gilgenova, si in effetti 80€ per quel cappello sono ottimi, fuori le valutazioni sono ben più elevate, li dipende molto dal tipo di cappello e dal grado e dal fregio, i più difficili da trovare sono i colonnelli in IGS con aquila su sottopanno grigioverde bordato di rosso e per i CoCo con aquile direttamente ricamate su panno rosso, oltrechè i cappelli all'aplina da generale.
    I fregi più rari come accennato restano quelli in filo nero m.40 da combattimento e quelli per il genio alpino, nonchè le specialità* mediche o veterinarie (queste ultime presenti solo nei reggimenti dell' artiglieria alpina).
    Tutto dire anche sulle aquile da ufficiale alpino pre 33 in cannottiglia argentata le quali il sottoscritto ha sempre avuto difficoltà* a reperirne, forse perchè le apprezzo molto!!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  5. #55
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    965
    Allora questa rimane la nappina semi misteriosa[]
    Visto i bei berretti mod.34 postati da Lafitte, posto il mio


    Immagine:

    159,92*KB



    Immagine:

    151,55*KB

    Immagine:

    154,96*KB
    Peccato si sia aflosciato ma non so come ridargli la forma, di questo capitano ho anche la giacca e i pantaloni che al contrario del berretto sono come nuovi.
    Ciao a tutti
    Giovanni

  6. #56
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Opterei per una rimessa in forma con un' armatura di cartone o con della carta, i 34 tendono ad afflosciarsi se caricati con dei pesi, per stabilizzarli un po dopo averli rimessi in forma gli si potrebbe dare una spuzzata di appretto.
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  7. #57
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Mi toglierò un po di sonno e posterò gli elmi m.33, pezzi purtroppo molto difficili da reperire a causa dei trascorsi bellici, oltre che ad essere tra quelli più rifregiati in tempi recenti con mascherine realizzate sovente in cartoncino:

    7° Puntata: Elmi m.33


    Immagine:

    76,11Â*KB

    Elmo m.33 del 3° regg. Alpini batt. Fenestrelle I° div. Alpina Taurinense.
    Alla data dell' 8 settembre la Taurinense si trovava dislocata in Slovenia, parecchi elmi furono gettati, alcuni invece vennero lasciati in territorio nazionale dalle truppe rientranti, le direttive furono tutti tutti i valichi da Caporetto a Tarvisio, alcuni elmi sono stati trovati anche da scavo nei pressi degli accampamenti.

    Immagine:

    76,55Â*KB

    Particolare del portanappina stagnato e poi ritinto con un grigioverde molto simile a quello dell' elmo. Contravvenendo alle diposizioni che vietavano di modificare mediante saldature o fori l'elmo protettivo.
    La quasi totalità* dei 33 utilizzati dal 3° regg. presentano un portanappina applicato.

    Immagine:

    67,98Â*KB

    Particolare del fregio, notare il disegno realizzato a mascherina regolamentare con numero arabo altrettanto regolamentare di tipo grande, infatti il fregio non somiglia ne a un pollo ne a un' accozzaglia di segmenti verniciati malamente con tonalità* di nero improbabili.

    Immagine:

    82,51Â*KB

    Elmo m.33 del 9° regg. Alp. batt. Bassano, div Alp. Julia.
    Il 9° regg fu impiegato nella campagna di Russia insieme all'8° e al 3° art. Alp con i quali componeva la divisione.

    Immagine:

    80,67Â*KB

    In questo caso la nappina è fissata al rivetto di aereazione, forse il metodo più rustico ma anche il più simpatico, esisteva anche un portanappina in metallo rimovibile tinto in grigioverde.

    Immagine:

    74,67Â*KB

    Particolare del fregio, valgono le stesse considerazioni del 3° aquila e numero regolamentari.
    Come potete notare la vernice è sempre evanescente sulla parte alta del fregio, non crea spessori apprezzabili sul grigioverde e il fregio solitamente è realizzato abbastanza in alto.
    Ciò perchè la mascherina metallica era applicata ai rivetti dell' areazione e così facendo al momento della verniciatura a spruzzo la parte che me riceveva meno era proprio la parte superiore del corpo e delle ali.
    Si possono trovare anche elmi con fregi realizzati a mascherina regolamentare ma tinteggiati con il pennello, in questo caso la vernice nera ha uno spessore apprezzabile e i contorni dei segnenti si presentano leggermente più irregolari.

    Immagine:

    30,39*KB


    Elmo m.33 del 3° reg. artiglieria alpina div. alpina Julia
    il fregio in vernice nera presenta il 3 regolamentare realizzato a mascherina.
    Come potete vedere il fregio dell' artiglieria alpina è sensibilmete diverso rispetto a quello alpini, tale grafica si è conservata sino agli anni 70 quando le ali mutarono diventando piu grosse e definite.

    Immagine:

    29,63*KB

    Immagine:

    30,08*KB

    Particolare del fregio.
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  8. #58
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157
    Caro lafitte...cominci a starmi sulle pa..e [][][]

    a parte gli scherzi,se prendo come riferimento i tuoi elmetti, posso dire che forse tutti quelli che ho visto fino ad ora erano palesemente falsi.
    Interessante "l'evanescenza" superiore del fregio a spruzzo.Non lo sapevo.
    Anche lo stile del numero..ho visto un elmetto del 3° che aveva il numero con una grafica diversa.

    Stai addestrando una nuova leva di esperti alpini!

    GRAZIE!!!!
    H/Haflinger

  9. #59
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157
    il colore della nappina dei vari batt. nella prima guerra è rimasta invariata fino al 45?
    Avete a portata di mano una tabella con le corrispondenze batt./colore?

    ciao
    H
    H/Haflinger

  10. #60
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Lafitte sei tremendo, ci vuoi tutti con la bava alla bocca [:26]
    mi associo a quanto detto da mr. H [:24] tra qualche giorno, aprofittando della tua estrema competenza alpina [:257] ho giusto una domanda da farti [:251]
    Saluti
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

Pagina 6 di 28 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato