Al momento non mi ricordo di armi WWII che avessero la camera scanalata. E' in effetti un ottimo espediente per avere una contropressione che facilita lo scollamento del bossolo ala momento che il proiettile abbandona la volata e le pressioni crollano. Il bossolo può a questo punto restringersi ritornando vicino alle dimensioni originali e se nel frattempo parte dei gas passa dal colletto nelle scanalature si velocizza questa operazione e si agevola lo sfilamento dalla camera.
Personalmente mi capitò di vedere questo tipo di effetto rigato sulla superfice del bossolo nel 1983, durante le esercitazioni a fuoco nel poligono militare. Si aggiunsero dei tiratori scelti (forse polizia?) che usavano degli Eckler & Koch in .308 con munizioni specifiche per il tiro di precisione.