Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 24 di 24

Discussione: Casa d'Aste con regola ambigua

  1. #21
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858
    vero quello che dici , ma io vado oltre: l'oggetto "x" costa 100 euro e viene proposto a 10 con o senza mediazione non importa , una volta appurato DA ME che é originale ,e che quindi al prezzo proposto avrò un vantaggio , farò un'offerta.
    viceversa passerò la mano ad altri.
    Io sono il solo responsabile dei miei acquisti, giusti o sbagliati che siano , da venditori professionali o meno , con mediazione o senza.
    non siamo bambini che giocano con le figurine dei calciatori....
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275
    E' giusto Coloniale e poi è così in pratica che funziona, ma perchè tu in concreto sei uno sicuro di te. Può però un collezionista non essere sicuro di sè? In astratto sì, in concreto è sconsigliabile... ma proprio per questo esistono o dovrebbero esistere case d'asta e commercianti che periziano e garantiscono la merce che mettono in vendita, e ovviamente non solo per la militaria!
    Quindi domando e dico a Me ne Frego e agli altri che si pongono il problema: se legittimamente non siete sicuri di voi stessi, perchè vi rivolgete a case d'asta che non danno alcuna garanzia? Tanto vale rischiare altrove avendo cmq un risparmio sicuro ovvero una fregatura ridotta, in teoria.

  3. #23
    Utente registrato L'avatar di Me ne Frego
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Londra
    Messaggi
    675
    Citazione Originariamente Scritto da Vexillifer Visualizza Messaggio
    Quindi domando e dico a Me ne Frego e agli altri che si pongono il problema: se legittimamente non siete sicuri di voi stessi, perchè vi rivolgete a case d'asta che non danno alcuna garanzia? Tanto vale rischiare altrove avendo cmq un risparmio sicuro ovvero una fregatura ridotta, in teoria.
    Parole sante, sai come dice il detto........"sono come un fiammifero, mi brucio una sola volta."
    Sta' di fatto che io risiedo in Gran Bretagna e la possibilita' di essere presente ad esaminare gli oggetti prima dell'asta e' pressoche' inesistente.
    Mi rifaccio quindi su foto, domanda/risposta e scrutinio di varie fonti informative.
    I cosiddetti esperti erano coloro su cui riponevo la fiducia. Anche se non esperto, mi vanto di sapere quel pochetto che basta per smascherare un falso, d'altro canto questo e' stato appunto il motivo per la quale ho iniziato questa discussione.
    I love the smell of Napalm in the morning.

  4. #24
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    206
    Purtroppo la risposta di Coloniale è più che giusta e dico purtroppo proprio per le tesi da me scritte nella prima pagina. Base d'asta dovrebbe esere fondata su valida certezza che un dato oggetto sia ritenuto originale . Chiaro che la sproporzione non sarà mai 10 a 100 come indicato . Credo che un mediatore ,terza parte, debba essere un garante e non solo un luogo dove esporre . Ciò che invece emerge è proprio questo, ovvero mi riconosci un dato compenso per l'esposizione, i cataloghi ecc .. , che siano o meno originali , non è problema loro. Ebay ha le sue regole e/o non regole, le Case d'aste pure ...ed i banchì di commercianti altrettanto. Quindi, Coloniale ha dal mio punto di vista, più di una ragione...mè auspicabile che tutti investano maggiormente in trasparenza e professionalità. Ciao

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato