Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

Discussione: Comandante Salvatore Todaro

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Comandante Salvatore Todaro

    Il comandante Todaro sul suo sommergibile Cappellini


    Il radiotelegramma del sommergibile Cappellini era inequivocabile: Sedici ottobre 1940 ho affondato il piroscafo belga Kabalo ho sbarcato i naufraghi a Santa Maria delle Azzorre "
    Quest'isola distava 3 giorni di navigazione dalla zona d'agguato.
    Quindi a Bordeaux base dei sommergibili italiani che operavano in Atlantico (il cosiddetto Betasom) fecero presto a capire che il Cappellini per salvare quei naufraghi aveva perso una settimana di attività* bellica.
    Inoltre avendo dovuto attraversare zone dove incrociavano altri sommergibili italiani e tedeschi ignari della sua presenza, il Cappellini aveva rischiato di farsi mandare a picco.
    Infine quell'azione avrebbe anche provocato un incidente diplomatico perché l'Italia non era ancora in guerra con il Belgio e la propaganda britannica di guerra avrebbe divulgato in tutto il mondo che selvaggi sommergibilisti italiani avevano affondato un piroscafo inerme e neutrale.
    Ce ne era abbastanza e anziché ricevere complimenti fosse redarguito dall'ammiraglio.
    Il capitano di corvetta Salvatore Todaro ascoltò disciplinatamente con quel suo abituale sorriso candido e ironico insieme.
    Ma quando l'ammiraglio affermò che mai un comandante tedesco avrebbe anteposto la sorte dei naufraghi allo svolgimento della sua missione bellica, Todaro lo ammutolì con una battuta rimasta famosa nella nostra Marina
    Un comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltà* sulle spalle
    Questa frase d'altronde rispecchia l'eccezionale personalità* del comandante Todaro, una somma di grandi qualità* professionali e di limpide qualità* morali, su una base di profonde conoscenze spirituali.
    Oggi diremmo che era un yogi, forse un guru con termini ormai noti a tutti, il motore segreto di ogni sua azione traeva potenza proprio da certe nozioni e discipline esoteriche accessibili a pochi.
    Ma allora lo chiamavano più popolarmente "fachiro"
    Certo che mangiava pochissimo, dormiva quasi niente e se ne stava il più possibile seminudo a piedi scalzi.
    Fra l'altro aveva fermamente convinto il suo equipaggio a non aver mai timore sulla salvezza del sommergibile, purchè lui fosse sveglio ed anche per questa certezza egli dormiva pochissimo(E un fatto d'altronde che Todaro morì tre anni dopo ucciso da un colpo di mitraglia aerea, proprio una notte in cui affranto dalla stanchezza, si era addormentato profondamente.
    Per buona pace degli inglesi torniamo al Kabalo, un piroscafo di 7.500 tonnellate che è vero che batteva bandiera belga, ma l'armatore lo aveva noleggiato alla Marina inglese e questa dopo averlo armato con un bel cannone da 102 lo aveva caricato di aerei smontati e lo aveva aggregato ad un grande convoglio diretto in America e gli aveva ordinato di distaccarsene in mezzo all'oceano per portare quegli armamenti a Freetown, base britannica sulle coste africane.
    Per questi motivi il Cappellini lo aveva avvistato a 700 miglia ad ovest di Madera, pertanto Todaro lo inseguì per prenderlo a cannonate.
    Questa di combattere in superficie con i cannoni era un'altra caratteristica di Todaro sia perché gli sembrava più leale sia perché in tutte le missioni di guerra i siluri erano falliti.
    A colpi di cannone affondò il piroscafo armato Shakespeare e l'incrociatore ausiliario Eumaeus.
    Quella notte dal Kabalo avvistarono il sommergibile e spararono per primi e la reazione di Todaro fu immediata e il piroscafo incassò una dozzina di colpi e il capitano Vogels ordinò l'abbandono.
    Vi fu confusione e due scialuppe di salvataggio con 37 uomini scomparvero velocemente nel buio senza attendere altri 5 marinai che erano ancora a bordo, questi calarono un battellino che si capovolse.
    Frattanto per affrettare la fine del piroscafo Todaro fece lanciare alcuni siluri e come al solito non scoppiarono.
    Egli invece udì il sibilo disperato di un fischietto e fece spazzare le onde con il suo proiettore, erano i 5 belgi finiti in mare e il Cappellini andò a salvarli.
    Il tenente Reclercq terzo ufficiale del Kabalo fu accompagnato da Todaro e rimase sorpreso credeva di trovarsi davanti uno di quei "biechi pirati tedeschi" che aveva visto in un film di guerra prima di partire.
    Invece si trovò davanti un italiano dagli occhi nerissimi che indossava un maglione da marinaio, un berretto da sciatore e calzoncini corti su gambe e piedi nudi.
    Todaro visto che Reclercq tremava di freddo si tolse il maglione rimanendo a torso nudo e lo porse al naufrago.
    Tutti e cinque naufraghi furono ristorati.
    Poi si mise alla ricerca delle due imbarcazioni.
    Ne rintracciò una con 21 uomini fra cui il capitano Vogels, (che fece salire a bordo) e si assicurò che la barca fosse ben fornita di acqua e viveri.
    Vi rendete conto che non posso prendervi tutti a bordo?
    disse Todaro e Vogels rispose
    Lo capisco bene comandante tratterrò a bordo solo i due marinai che non ce la fanno a reggersi.

    Alcuni uomini del Kabalo sul Cappellini e Todaro che parla con loro


    Poi domandò
    sperate di farcela ad arrivare fino a Madera?
    Vogels rispose
    "No. Sono più di 700 miglia
    Todaro tacque pensieroso poi annunciò
    Vado a cercare l'altra lancia ve la porto qui così navigando insieme potrete aiutarvi.
    Ma i naufraghi della lancia erano stati già* salvati da un piroscafo panamense, a questo punto i belgi pensarono che sarebbero rimasti soli in mezzo all'oceano.
    Ma Todaro li sbalordì dicendo
    Vi rimorchierò sino a Madera forse sino a domattina

    Alcune fasi del rimorchio della lancia





    Durante la notte un'ondata strappò il cavo, ma il Cappellini tornò indietro e passò un altro cavo.
    Il tempo intanto peggiorava e all'alba il cavo si strappò nuovamente e compiendo una difficile manovra li riprese a rimorchio.
    Ma un'altra onda danneggiò la lancia e Todaro li accolse a bordo.

    Il momento della salita a bordo dei naufraghi



    Ventisei nemici da sistemare e questo era un grossissimo problema ma il capitano li fece sistemare nella falsatorre , purtroppo stipati in piedi come sardine in più se il Cappellini avesse dovuto immergersi all'improvviso i naufraghi sarebbero inesorabilmente annegati, meglio questo rischio comunque che quello di essere buttati a mare.
    Passavano le ore e quella sistemazione diventava un supplizio, squassati dal mare agitato e inzuppati dalle onde, stremati dal freddo e dalla stanchezza nonostante che i marinai italiani li rincuorassero passando vettovaglie, sigarette, liquori.
    Ogni tanto però si mettevano ad urlare, allora compariva Todaro a dire qualche parola d'incoraggiamento con una pietà* tanto calda e viva che quelli si calmavano.
    Passarono due notti e un giorno, fino all'alba del 19 ottobre quando il Cappellini si arrestò davanti a una calanca di Santa Maria delle Azzorre e così i naufraghi furono sbarcati.
    Prima di andarsene a nome di tutti il tenente Caudron ringraziò Todaro per quel salvataggio senza uguali nella storia dei mari e disse
    Dopo aver visto come vi siete comportato con i nemici, mi chiedo</fon come voi siate con gli amici e che stima questi debbano avere di voi
    Todaro non rispose gli strinse la mano con il suo solito bonario sorriso l'altro allora domandò
    Diteci almeno il vostro nome comandante.
    A che servirebbe sono un uomo di mare come voi e credo che al mio posto avreste fatto lo stesso

    Caudron incalzò
    Ho 4 figli vorrei che nelle loro preghiere ricordassero il nome di chi salvò il loro padre
    A queste parole Todaro sorrise con una dolcezza tale che, come poi scrisse Caudron
    mai ne vidi simile negli occhi di un uomo .
    Poi mormorò
    Dite ai vostri figli di pregare per Salvatore Bruno
    nella sua innata modestia Todaro aveva rivelato solo i due nomi di battesimo tacendo il cognome.
    Erano questi tratti di calda umanità* che lo facevano adorare da tutti quelli che lo conoscevano.
    Todaro non volle che i suoi uomini divulgassero le vicende del salvataggio e anche in Marina l'episodio fu presto dimenticato o del tutto ignorato.
    Fu solo dopo 10 anni che venne alla luce, quando La Gazette de Bruxelles pubblicò un minuzioso racconto del tenente Gaudron e le testimonianze di altri superstiti del Kabalo in quanto saputo che il Comandante era morto durante la guerra avevano sentito il dovere di onorarlo con quella narrazione.
    Soltanto allora la vicenda ebbe larga risonanza (più all'estero che in Italia) e una ignota signora portoghese sentì l'impulso di scrivere al nostro Ministero della Marina una lettera in cui diceva
    "Fortunata la Nazione che ha figli come questo. C'è un eroismo barbaro, ma ce ne è un altro davanti al quale le anime si inginocchiano: il suo"

    Todaro a destra con a fianco Valerio Borghese, a sinistra è Aimone di Savoia Aosta, al centro Ernesto Forza



    fonte cartaceo cocis49
    luciano

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    ora me lo divoro ..poi te dico...
    Grandee..finalmente..che robbbetta!

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Mi permetto di aggiungere una cosa:a Salvatore Todaro è stato dedicato un sommergibile(per l'esattezza il S 526)della nostra Marina Militare,ed è una delle due new entry insieme al gemello Scirè.Posto ora una foto del Todaro presa dal bellissimo,accuratissimo e completissimo sito(che consiglio caldamente di visitare)www.sommergibili.com che tra l'altro è tra i links presenti nella nostra Home Page.

    Immagine:

    28,81Â*KB

    fonte fotografica:www.sommergibili.com
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286
    Un bel lavoro Cocis!
    Molto interessante!
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Ottimo lavoro Luciano.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Che topic interessante, ottimo lavoro Cocis. [ciao2]

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    4,675
    Davvero toccante. Leggendo queste righe ci si sente fieri di essere italiani... non riesco ad aggiungere altro.
    Bravo Luciano per aver riportato e ricordato questa significativa storia!
    Infanterie Königin aller Waffen

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Citazione Originariamente Scritto da herr x

    Davvero toccante. Leggendo queste righe ci si sente fieri di essere italiani... non riesco ad aggiungere altro.
    Bravo Luciano per aver riportato e ricordato questa significativa storia!
    Quoto in toto le tue parole Herr X.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    910
    La vicenda del comandante Todaro non la conoscevo per nulla. Un uomo con la U maiuscola, di spessore. Questo è sicuramente un esempio di vita per tutti. Grazie Cocis
    Nec recisa recedit

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Grazie a voi per averla apprezzata
    Ho voluto offrirvi questa storia perchè non è molto conosciuta e meritava che lo fosse.
    Ci tenevo a farvi conoscere la storia di Salvatore Bruno Todaro un grande uomo.
    Sono contento (malgrado il riassunto)di essere riuscito un pò a trasmettervi le stesse emozioni che ho avuto nel rileggerla.
    Vi cito un piccolo esempio del carattere di quest'uomo.
    Un giorno volendo premiare seduta stante la valorosa condotta di un suo mitragliere durante un combattimento, annunciò all'equipaggio
    Non ho i poteri per decorarlo sul campo, ma ordino che da questo momento egli mi dia del tu
    E lo pretese fermamente, sebbene il mitragliere, ogni volta che gli parlava, si impappinasse per l'inaudito onore che gli era concesso.
    [ciao2]
    luciano

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato