Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27

Discussione: come sverniciare un tarocco

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    846

    come sverniciare un tarocco

    Dunque proseguendo il tema da me affrontato precedentemente con la stirnpanzer, invito a toni più pacati e vi propongo un altro interessantissimo thread sul come sverniciare elmi autentici d'epoca ma riverniciati ad arte dai taroccatori con una vernice mimetica fasulla per alzare il loro prezzo che già* è alto di per se stesso. Allora cari signori il falsario ne combina di tutti i "colori" e si aggiorna e si evolve continuamente, è un camaleonte, dal camuffare un'originale od una replica, all'aggiungervi decals o fregi falsi, all'aggiungervi gli interni rimontati o fasulli ecc... Il tema di oggi sarà* per l'appunto "come togliere il pasticciaccio schifo mimetico esterno fasullo" e far tornare il cimelio alla sua origine senza rovinare la vernice sottostante d'epoca quando c'è ancora. Un solo appunto rivolto a voi sull'argomento dei falsari, NON COMPRATE MAI NULLA CHE NON CONOSCIATE MOLTO BENE !!!!! A MIO AVVISO SAREBBE MEGLIO CHE NON VI FIDASTE MAI NE' DEL VENDITORE NE' DEI SUOI CERTIFICATI DI AUTENTICITA'!!!!!! FIDATEVI SOLO DELLA VOSTRA CONOSCENZA E DELLA VOSTRA ESPERIENZA E DI NIENTE ALTRO!!!!!! Questi "dubbi" personaggi, che hanno liberamente scelto per loro un tale "discutibile" stile di vita a danno del prossimo, non hanno alcuno scrupolo, nè senso di colpa, nè stimolo di coscienza, nè morale, nè orgoglio personale, ... pertanto se cadete nelle loro mani cercheranno di imbrogliarvi in ogni modo, dal carpire la vostra fiducia, la vostra amicizia, la vostra buona fede, dall'offendersi o peggio se mettete in dubbio la loro parola ecc... tutti trucchi non cadeteci!!! Molti ragionano così: "io ci provo gli rifilo il pacco, se me lo torna e se sono costretto gli restituisco il denaro, magari un pò per volta oppure gli rifilo in cambio altra roba fasulla, altrimenti se trovo uno sciocco (che in realtà* sta per onesto) od un debole mi tengo tutto e chi sè visto sè visto. Questo genere di personaggi è il più subdolo, perchè sono coloro che vi giurano che un pezzo è buono ma poi vi dicono di guardarvelo e se non vi piace di ritornarlo tranquillamente, ovviamente prima devi mandare loro tutto il denaro a tuo rischio e pericolo!!! Ecco cosa succede se tu ti fidi di loro, sei fritto, perchè perdi tempo e denaro, perdi la tua occasione, aspetti troppo, ci pensi troppo, e quando ti accorgi che il pezzo che ti hanno venduto per buono è falso ormai è già* passato magari un anno o più. Disastro, la tua situazione si ingarbuglia e ti trovi a pensare come rifarti del denaro perso, magari sei addirittura tentato di rifilarlo ad altri, diventando a tua volta un imbroglione, visto che se gli rimandi l'elmo rischi di non vedere nè denaro nè elmo, e se ti lasci andare emotivamente al tuo istinto di giustizia per riavere il maltolto rischi anche di peggio!!! Che dire di più: NON FIDATEVI!!!!!!!!!!!!!
    Allora il primo elmo postato è di un altro personaggio, un talento nascente, mentre il secondo è dello stesso che mi fornì la stirnpanzer! Allora veniamo a noi procuratevi una lattina di solvente nitro (NON lo sverniciatore perchè toglierebbe tutto indistrintamente) e molti stracci bianchi di cotone. Fateli a pezzetti. Imbevete per bene uno straccetto e passatelo più volte sulla vernice, se non è d'epoca si scioglierà* come neve al sole, altrimenti si scolorirà* appena. Provate prima in un piccolo punto non visibile e se si scioglie imperversate pure. La sverniciatura deve avvenire per l'azione chimica del solvente e non per la forza dello sfregamento perciò dovete agire con decisione ma molto delicatamente. Quando il primo straccio sarà* tutto imbevuto della vernice sciolta, passate ad un'altro stesso procedimento e così via!!! A lavoro finito pulite bene l'elmo e passatevi una mano di cera di vasellina! Buona visione.
    Come mi proposero l'elmo fotograficamente:

    Immagine:

    66,69*KB

    Immagine:

    74,58*KB

    Immagine:

    75,44*KB

    Come apparve dopo una pulizia con normale olio per metalli:

    Immagine:

    77,39*KB

    Immagine:

    73,74*KB

    Ed ecco le operazioni di pulizia col solvente:

    Immagine:

    69,58*KB

    Immagine:

    70,25*KB

    Immagine:

    82,99*KB

    Immagine:

    70,36*KB

    Immagine:

    68,11*KB

    Immagine:

    71,57*KB

    Immagine:

    69,98*KB

    Immagine:

    71,62*KB

    Immagine:

    70,57*KB

    Immagine:

    72,13*KB

    Immagine:

    79,44*KB

    Immagine:

    64,86*KB

    Immagine:

    66,22*KB

    Immagine:

    74,43*KB

    Immagine:

    65,23*KB

    Immagine:

    78,15*KB

    Immagine:

    63,56*KB

    Immagine:

    63,71*KB

    Immagine:

    68,84*KB

    Immagine:

    72,45*KB

    Questo invece è del primo "fornitore" quello della strirn per intenderci, mi raccomando vi rinnovo l'invito a toni pacati, ragazzi chi vi vende potrebbe anche essere in buona fede e non sapere che vi sta vendendo un tarocco (?) (!):

    Immagine:

    61,03*KB

    Ed eccolo a pulizia avvenuta:

    Immagine:

    51,92*KB

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    1,986
    complimenti e grazie di condividere con noi pure questi trucchetti oltre all'elmo che sicuramente sarà* stato in principio una nota dolente
    della tua e nostra passione, come promesso posterò anche io un clasp argento marcato FLL falso.veramente bravo.
    affrontare l'impari lotta contro l'ocupante con tutte le conseguenze di sacrifici e di sangue che comportava, o rinunciare, per un lungo periodo di tempo, alla prospettiva di indipendenza nazionale e alla conquista di un regime democratico

  3. #3
    Moderatore L'avatar di BIGGET
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    2,445
    Quello che stai postando, è una ottima lezione di vita.
    Grazie di condividerla con noi.

    Ciò che dici è verissimo e con il tuo comportamento "smacheratorio e sverniciatorio"([)]), anche se sicuramente ti ha comportato una dose di dolore e rabbia ulteriore, sono comunque saltati fuori due M16 di tutto rispetto!!!

    Complimenti e grazie ancora!

    Saluti BIGGET[ciao2]
    Perché negarlo...mi piaccion le Fibbie!!

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Ho già* avuto modo di vedere questo "grande atto di coraggio",e non posso che rinnivarti i miei complimenti.Bravo!

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    1,758
    Non sò che dire...eccetto che GRAZIE!!!
    [ciao2][ciao2]Franz
    scavare è bello!
    E’ un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto...

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    991
    Grazie Celtico, è come andare a scuola!! Eccezionali le sequenze fotografiche che documentano la progressione del lavoro. Un paio di informazioni:
    -hai ottenuto gli stessi risultati anche con elmi più recenti (diciamo seconda guerra) nei quali magari sono usati composti chimici differenti?
    -quale tipo di solvente nitro hai usato? Sono tutti uguali e tutti idonei allo scopo?
    Grazie ed ancora complimenti per l'ottimo topic!!

    Dimonios

  7. #7
    Moderatore L'avatar di serpico
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,648
    Accidenti che bel lavoro.Certo la prima volta che l'hai fatto devi aver usato anche una bella dose di coraggio.Comunque complimenti;hai salvato due pezzi di storia molto belli.
    VEDO TUTTO, OSSERVO MOLTO, DISSIMULO POCO!

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Beh, l'originale è senza dubbio molto più "attraente"! Certo che prima di rimetterci le mani è veramente meglio andarci piano e non esagerare con il solvente.
    Ottimo lavoro direi...

    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    796
    [II][II][II] Veramente da panico!!! anche perchè pensare di utilizzare il nitro, che non è propriamente acqua distillata, ci vuole una bella dose di coraggio.
    Usi nitro inodore, che è il più tranquillo, o quello normale?
    E poi, anche a me incuriosisce, sapere se qualcuno ha provato con quelli della 2^.

    Complimenti Celtico, gran bel tread, ottimamente realizzato!!!
    Denis

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    846
    Denis, sì ho provato con quelli della seconda, e dopo alcuni scempi (ad esempio con lo sverniciatore.... un disastro totale!) mi sono soffermato sul solvente nitro o acetone, o come vedremo su un lavoro manuale di asportazione con bisturi. Ad esempio soprattutto parliamo di modelli 33 italiani, nel caso fossero taroccati con vernice nitro ovviamente vale lo stesso discorso, se con vernici epossidiche è più difficile ma con una prova al raschiamento dovrebbero mostrare alcune corrugazioni che denotano l'origine recente della vernice. Nel caso invece di elmi 33 regi riverniciati dall'esercito o dalla marina nella Repubblica, se sono riverniciati negli anni ottanta sono già* vernici nitro e vale lo stesso discorso, altrimenti se fossero stati riverniciati negli anni del dopoguerra quando cioè la vernice era la stessa del periodo bellico, il solvente nitro non agisce (solo lo schiarisce un pò, ovviamente ci vuole prudenza e delicatezza)perchè la vernice resiste e perciò occorre toglierla col vecchio sistema del cutter o bisturi metallico o se si possiedono altri attrezzi meno incisivi ma altrettanto efficaci (punte di plastica o di legno, o altro... ). Bisogna usare molta prudenza comunque soprattutto molta pazienza e farne una piccola superficie per volta per non rovinare la vernice sottostante ed evitare di intaccarla con piccole incisioni conseguenti all'uso dell'attrezzo. Poi vale molto l'istinto. Non sono regole ma solo tracce sulla base di esperimenti personali.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato