Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Ciao a tutti, ho bisogno di consigli in merito alla conservazione dei reperti. Io raccolgo reperti della prima guerra e uso diversi metodi per la pulizia che a mio parere danno ottimi risultati (Trapano con varie spazzole, Remox, aceto ecc...) Per la conservazione nel tempo, a pulizia ultimata, ho sempre rivesito gli oggetti con un sottile strato di vernice trasparente (opaca o lucida)...
    Ma ecco il problema:
    L'altro giorno riapro la vetrinetta dopo circa 3 mesi di riposo e maneggiando i reperti ferrosi mi sono accorto che alcuni perdevano scaglie di metallo, come se il processo di corrosione della rugine fosse continuato anche se esteticamete sono rimasti belli e puliti....
    Mai capitato a voi? Cosa mi consiglireste?
    Grazie, ciao.
    Inge

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Impressione personale. Gli ossidi di ferro sono abbastanza duri ed a volte con la spazzola si ha l'impressione di averli rimossi mentre li si ha semplicemente lucidati. Io credo siano questi che si stanno staccando.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Saranno soltanto delle scaglie superficiali che con il tempo si sono indebolite e staccate. Succede anche ai miei pezzi. Ste scaglie sono di colore nero?

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    ravenna
    Messaggi
    155

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    è successo anche a me, alle volte con la pulizia non si riesce a togliere tutto l'ossido(o ruggine) e nel tempo l'ossidazione continua ad erodere il materiale anche se verniciato, ora utilizzo al posto della vernice un bloccaruggine sempre trasparente ma che impedisce il riformarsi delle ossidazioni, l'unico problema è che questo ( si chiama fidoil) lascia gli oggetti lucidi e non mi piace molto. Dopo varie richieste al mio negoziante di fiducia mi ha trovato un altro bloccaruggine trasparente e opaco non ricordo il nome, ma appena mi arriva, sempre che interessi ve lo comunico.

  5. #5
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Ti dico quello che mi disse un amico, che, dopo un tratto di studi seguiti in comune con me, si è diplomato all'istituto superiore del restauro e della conservazione dei beni artistici ed archeologici.
    Il ferro è uno degli elementi più difficili da salvare, se è stato in ambiente umido e acido per molto tempo. Gli acidi penetrano in profondità*, spesso si trasformano in sali e continuano la loro opera, inesorabilmente o quasi. Qualcosa di simile, ma talvolta più grave del cancro dei metalli. Nei casi più seri è indispensabile un trattamento chimico lungo e costoso, che mira prima a sciogliere, neutralizzare, rimuovere gli aggressivi, in profondità* e poi a incapsulare l'oggetto per proteggerlo. Se lo si incapsula prima della neutralizzazione, il processo, profondo, continua...

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    332

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    io da un paio di mesi faccio cosi': energica spazzolata con spazzola di ferro per trapano, lavaggio con acqua, passaggio con remox, e nuova spazzolata e lavaggio...per ora il processo di formazione della nuova ruggine mi sembra molto, ma molto rallentato
    scopriti o viatore e ascolta da queste ruine beverate di sangue viene una voce: ITALIA!ITALIA!

    Che t'importa il mio nome? Grida al vento FANTE D'ITALIA e dormirò contento

    eravamo in trenta tutti di una sorte , e trent'uno con la morte ... ci chiamavan compagnia della morte ..

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Accidenti a me che ho aperto lo tesso topic 2 volte per sbaglio... giuro che non me ne sono accorto e non so come possa aver fatto...
    Comunque grazie a tutti per i consigli, il luogo in cui sono conservati premetto che è assolutamente secco trattandosi di una mansarda in centro storico.... i pezzi soggetti questo fenomeno sono ovviamente piccoli oggetti e che erano già* molto corrosi da prima di essere puliti, tipo caricatori, fibbie di ferro, ecc... oggetti anche molto rovinati ma "massicci" non hanno fatto nulla (tipo proiettili d'artiglieria, bam, ecc...)... Terrò d'occhio la situazione poi se continua valuterò le varie soluzioni...
    Grazie a tutti
    Inge

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Mediolanum
    Messaggi
    648

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Personalmente,quando devo ripulire un oggetto di acciaio che è stato attaccato dalla ruggine,preferisco usare un metodo "ibrido",vale a dire sia meccanico che chimico,cercherò di descriverlo brevemente : dopo avere eliminato con una spazzola metallica od altri attrezzi la gran massa della ruggine,pongo l'oggetto a bagno in una soluzione contenente acido fosforico (prodotti tipo Viakal et similia vanno benissimo,anche se diluiti),oppure in acido cloridrico (muriatico),la differenza tra i due trattamenti,sta principalmente nel fatto che con il primo metodo posso tranquillamente lasciare il pezzo a bagno anche per una notte,mentre con il secondo,è opportuno lavorare a vista.Dopo il bagno,il pezzo deve essere lavato molto accuratamente,allo scopo di eliminare tutte le tracce di acido,dpodichè,una ulteriore spazzolata porterà* il metallo a nudo,a questo punto,occorre lasciarlo all'aria ,magari inumidendolo,per un giorno o due,quando si sarà* formato un nuovo, sottilissimo velo di ruggine,applico un prodotto stabilizzante,quello che uso io si chiama Fertan,non è facile da trovare,e sinceramente non so neppure se venga ancora prodotto (SEGUENDO ALLA LETTERA LE ISTRUZIONI),alla fine del trattamento,l'oggetto sarà* di colore nero opaco,eventualmente potrà* anche essere leggermente oliato,ma la ruggine sicuramente non comparirà* più. Ciao. Dan. P.S. Odio le vernicette trasparenti.
    Stai attento, stai bene attento, oh Dim, se della vita la continuazione a cuor ti sta.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    64

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Provate a immergre l'oggetto in acqua e bicarbonato, anche per 2/3 giorni.
    Uso questo sistema e da soddisfazione.

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Toscana ( Gotenstellung ) Mugello
    Messaggi
    4,175

    Re: Conservazioe reperti: Una sorpresa spiacevole

    Io uso dare uno strato di coppale, la ruggine si ferma e non sfoglia più. Però ha l'inconveniente che poi gli oggetti danno sul lucido ( effetto bagnato per intenderci )

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato