Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    394

    dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    BELLUNO (30 agosto) - A novantuno anni dalla fine della prima guerra mondiale la Marmolada restituisce il suo milite ignoto, i resti completi di un soldato italiano che nessuno sa chi fosse perchè accanto allo scheletro non c`era la piastrina di riconoscimento. E il mistero, molto probabilmente, resterà* tale.
    Un pezzo di suola borchiato che affiorava dal ghiaione; sotto, c`erano i resti del militare. Un ritrovamento che ha dell`eccezionale per questo settore di fronte dolomitico visto che a memoria d`uomo non si hanno notizie di ritrovamenti di un corpo completo, cioè dello scheletro, di un soldato.
    I resti erano a circa 2800 metri di quota, quasi alla testata del "Valon Antermoia", il grande vallone ghiaioso che dalle creste del Serauta scende verso Malga Ciapela.

    La scoperta è avvenuta in modo del tutto casuale da parte di due dipendenti della società* funivie "Tofana Marmolada", Luca De Pellegrini e Enrico Piaia, che stavano compiendo un giro di ispezione dopo la chiusura dall`impianto nella zona circostante la stazione del Serauta.
    Una breve discesa lungo un costone roccioso per raggiungere un ghiaione alla sommità* del vallone. E proprio sul ghiaione Luca De Pellegrini si accorge che spunta una suola di scarpone, lo prende e cerca di estrarlo ma non ci riesce; chiama l`amico, scavano assieme attorno allo scarpone e si accorgono che da questo spunta l`osso di una gamba. Così viene subito avvertito il direttore della funivia della Marmolada, Luciano Sorarù, che a sua volta avvisa i Carabinieri di Caprile e l`Onor Caduti.

    Ieri mattina i militari, assieme a un rappresentante delle truppe alpine, al vicedirettore del museo della Grande Guerra del Serauta, Attilio Bressan, e ai due dipendenti della funivia, sono saliti sul posto dove, dopo il nulla osta della magistratura, si è provveduto a recuperare per intero i resti del militare: lo scheletro completo. Ed è la prima volta che accade sulla Marmolada.

    Sull`episodio rimane un piccolo mistero, perchè accanto allo scheletro sono stati trovati tre scarponi, e proprio il terzo scarpone lascia aperta la possibilità* che in quello stesso luogo vi siano i resti di altri soldati. Purtroppo non è stata trovata la piastrina di riconoscimento, quindi l`identità* del militare non è stata accertata.

    Ma gli oggetti che aveva accanto dicono che si tratta di un militare italiano: c`erano infatti le stellette delle mostrine del colletto, dei frammenti di divisa grigioverde e il nodo di un fazzoletto che sovente portavano al collo i fanti.
    Adagiati sopra i resti c`erano anche due travetti di legno con avvolti dei fili telefonici, il che farebbe pensare a un soldato di servizio in una postazione telefonica collegata con le sovrastanti postazioni della galleria "Tenente Flavio Rosso" e l`arrivo della teleferica che saliva dal Serauta. Forse è stato colpito da uno "shrapnel".
    I resti poi sono stati trasferiti alla stazione funiviaria del Serauta e messi a disposizione dell`Onor Caduti che sceglierà* la destinazione finale, probabilmente uno dei vari sacrari-ossari della zona.

    Negli ultimi trent`anni non sono molti i ritrovamenti di soldati morti durante la Gurande Guerra nelle Dolomiti. Vale la pena ricordare quello avvenuto nell`agosto 1983 sul Popera dove, poco sotto il Passo della Sentinella, affiorò il corpo di un alpino, ben conservato. I funerali si svolsero il 13 agosto alla presenza dell`allora presidente della Repubblica, Sandro Pertini.
    Anni dopo fu la volta del ricercatore e appassionato Loris Lancedelli che tra i monti di Cortina rinvenne i resti di un fante. Il 23 marzo 1995, tre giovani durante un`escursione sul Col di Lana trovarono tre kaiserjager austriaci. E due anni più tardi, il 22 agosto 1997, sempre sul Col di Lana alcuni appassionati dell`associazione storica "Guerra Bianca" di Bolzano, rinvennero i resti di tre fanti della Brigata Torino. Infine, due anni fa sulla stessa montagna tornò alla luce un altro soldato italiano.

    invia Invia stampa Stampa
    Aggiungi a Linkedin Aggiungi a Facebook! Aggiungi a Digg! Aggiungi a Mixx!
    linkedin facebook digg mixx yahoo-buzz




    credo che sia interessante porvi questo argomento posto sul gazzettino di venezia di oggi 30.08.2009

    pensate dopo 91 anni la montagna continua a restituire i resti dei soldati che combatterono
    durante la grande guerra .

    ciao marco

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Ottima segnalazione direi.
    Peccato non si possa riconoscere, ma almeno questo Milite Ignoto ora riposerà* in pace.
    Ricordo di aver visto le immagini dei 3 soldati AU rinvenuti, erano praticamente mummificati ma in condizioni incredibili.
    Mi ero emozionato nel vedere quelle immagini.
    Grazie della segnalazione

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    394

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Citazione Originariamente Scritto da Mulòn
    Ottima segnalazione direi.
    Peccato non si possa riconoscere, ma almeno questo Milite Ignoto ora riposerà* in pace.
    Ricordo di aver visto le immagini dei 3 soldati AU rinvenuti, erano praticamente mummificati ma in condizioni incredibili.
    Mi ero emozionato nel vedere quelle immagini.
    Grazie della segnalazione

    vedrai che riusciranno a trovare qualcosa d'altro , probabilmente i corpi sono calati con il movimento delle nevi e del ghiaccio.
    sarebbe veramente bello poter dare un nome a quei caduti !

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    394

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    chiedo scusa ma sono solo ora riuscito a postare la foto relativa il ritrovamento del 30.08.2009



    ciao marco
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  5. #5
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Grazie della segnalazione, impressionante lo stato di conservazione degli scarponi.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    394

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    hai visto ? la chiodatura sembra comleta e anche lo stato degli scarponi non sembra male !

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Grazie della segnalazione.
    Ogni tanto le montagne restituiscono resti di soldati, che il più delle volte restano sconosciuti.
    Riposi in pace.
    luciano

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Foto come queste mi emozionano sempre....

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Emilia Romagna Parma
    Messaggi
    899

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    E' vero , Mulon, emozionano sempre tantissimo !
    RIP.

  10. #10
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022

    Re: dal gazzettino di venezia 30.08.2009

    Riposi in pace.. Grazie per la segnalazione..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •