Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Del Comandante D. Francesconi...

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    174

    Del Comandante D. Francesconi...

    Durante le operazioni di trasloco mi e' capitato tra le mani un quadro con dentro un foglio stampato apparentemente molto vecchio..



    Immagine:

    60,36*KB



    Immagine:

    47,89*KB


    Immagine:

    57,55*KB

    sapete darmi un po' di info su questa stampa? periodo? e chi era il comandante D. Francesconi? (su internet non ho trovato uno straccio d'informazione!)
    Paritur pax bello

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Ciao shaolinx in rete ho trovato questo

    UN VOLONTARIO CENEDESE NELLA DIFESA DI VENEZIA:
    IL PATRIOTA COLONNELLO DANIELE FRANCESCONI

    Sulla storia, più o meno recente, di Ceneda, Serravalle e in seguito di Vittorio Veneto sono stati scritti ormai molti libri e fatti ripetuti richiami in tante altre illustri opere, pubblicate fra il periodo moderno e quello contemporaneo. Una pubblicazione che ci interessa è quella dal titolo "A Vittorio Veneto nel 1848 " del prof. Emilio Zanette. Nelle sue pagine si narrano tumultuose vicende della Ceneda dei vescovi, centro famoso della nostra diocesi, e del Veneto, le quali sono ambientate fra gli inizi dell'800 e la prima guerra d'indipendenza. Vi si fa speciale riferimento ad episodi accaduti tra l'episcopato di mons. Squarcina e di mons. Bellati, il regno dell'arciduca Ferdinando 1 d'Austria, il papato di Gregorio XVI e di Pio IX. Vi é ricordata una Ceneda pressoché pacifica, tradizionalista, ordinata e, ancor più, colta ed attiva per le fiorenti industrie e per le buone comunicazioni. Tra gli avvenimenti e i personaggi tramandati nel libro, lo Zanette cita anche la benemerita figura dell'ing. DANIELE FRANCESCONI. Lo nomina per la prima volta, quando ricorda una sua arringa tenuta il 21 marzo 1848 alla folla di Ceneda, a causa di sommosse, provocate dalla guarnigione croata, che si risolsero poi, grazie a lui, pacificamente. Il 23 marzo ebbe l'incarico, mentre si trovava nella metropoli veneta, di portare ai Cenedesi la notizia della liberazione di Venezia dagli austriaci. Egli fece parte del nuovo Comitato Provvisorio insieme ad altri sei membri. Bene o male Ceneda, in quel giorno, aveva le due istituzioni necessarie: Guardia Civica e Comitato. Ed è proprio in questo comitato che il Francesconi mise in luce le sue qualità* migliori. Egli fu il vero capo della rivoluzione cenedese
    [ciao2]
    luciano

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato