Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 79

Discussione: Di dove siamo?

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Di dove siamo?

    Seguendo l'idea di Piesse,spudoratamente "rubata"(non me ne volere[])apro questa discussione!
    Sarà* mia briga fare ogni tanto un riassunto sulla nostra provenienza!
    Comincio io:
    TRIESTE!

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    []Anzi, Giancarlo, mi fa piacere che tu abbia apprezzato!

    Come già* detto, Cecina provincia di Livorno, Toscana.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Abito in un paesino vicino a Stupinigi,sede della meravigliosa ed omonima Palazzina Di Caccia progettata dallo Juvarra.Ad ogni modo diciamo che si può dire zona Torino Sud.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    412
    [ciao2]Io sono di Milano, vicino a piazzale Loreto.
    fortificazioni del savonese...a me!

  5. #5
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Estero
    Messaggi
    678
    [^]Nato a THAON un piccolo villaggio non lontano da Caen (departimento Calvados) Normandie France [ciao2]
    Alain

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di cipolletti vincenzo
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1,863
    nella mia citta'e avvenuta l'operazione avalanche indovina?

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,130
    Immagine:

    58,44Â*KB
    la cupola di San Gaudenzio di notte, opera dell'Antonelli
    Immagine:

    13,87Â*KB


    Immagine:

    119,91Â*KB

    la stessa è ripresa anche nella medaglia


    Immagine:

    17,65*KB
    Novara fa da se'

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,130
    ora un pò di storia di Novara, galli romani francesi spagnoli ed austriaci, un bel miscuglio![ciao2]


    Riguardo alle origini della città* vi sono due ipotesi differenti: secondo Catone i fondatori furono i Levi, una tribù di origine ligure che si era stanziata nella valle del Sesia, secondo Plinio invece furono i Galli a gettare le basi del borgo (tesi avvalorata, peraltro, dal fatto che alcuni dei più antichi aspetti della città* sono di indubbia derivazione celtica: il nome stesso di Novara può derivare da due termini gallici: ar, che significa "sopra" e var, "acqua", scelti forse per la posizione predominante del borgo e per la sua vicinanza ai corsi d`acqua).

    A parte ciò, la città* ha sicuramente origini molto antiche: secondo gli storici essa venne fondata addirittura prima di Roma, non come un centro cittadino ben definito nei suoi confini ma come un agglomerato delle popolazioni che risiedevano sui vicini laghi o nelle pianure circostanti.

    Dopo essere stata edificata, Novara venne distrutta dai Galli di Belloveso, per poi essere ricostruita dai Vertocomacori, popolazione gallica che si era spostata dalla Provenza.

    Novara divenne una colonia romana nel 200 a.C., dopo che i latini soggiogarono gli Etruschi e gli altri popoli che risiedevano nell`Italia centro-meridionale.
    Nei primi secoli del dominio romano, Novara fu una città* pagana, i cui abitanti erano dediti al culto di divinità* greche.
    Nei primi anni del Medioevo la storia della città* fu particolarmente travagliata, ma nel 570 d.C., con l`occupazione Longobarda, la situazione della città* migliorò notevolmente: la dominazione dei Longobardi ha lasciato molte significative testimonianze, ed ha segnato importanti tappe della storia soprattutto sul piano religioso.
    Infatti, proprio in questo periodo, la popolazione novarese abbandonò il culto greco-romano per abbracciare il cristianesimo, divulgato secondo la tradizione da S. Gaudenzio, il primo vescovo della città*.
    Dopo l`anno Mille, Novara fu al centro di una serie di battaglie che coinvolsero le potenze italiane ed europee: importantissima fu l`invasione della città* da parte delle truppe di Enrico V che, nel 1110, ne ordinò la distruzione delle mura perimetrali.
    Per tutto il Medioevo Novara fu un importante centro del potere religioso, dipendente dall`autorità* vescovile: sol con l`avvento dei comuni, l`influenza della Chiesa sulla vita politica diminuirà* per lasciare il posto a nuove istituzioni cittadine.
    Nel XII secolo le fonti trattano di violente lotte intestine che interessarono la città*, le cui famiglie più influenti si erano divise in due fazioni, quella Rotonda e quella Sanguinea: preoccupata dalle lotte cittadine, la popolazione comunale optò allora per una nuova forma di governo, e scelse come podestà* Martino della Torre, uomo che le fonti definiscono come una guida carismatica, capace di mettere a tacere anche i più importanti esponenti delle fazioni in conflitto.
    Nel 1154, Novara fu sottomessa dal Barbarossa, e aderì poi alla Lega Lombarda.
    Nel 1311 passò sotto il dominio dei Visconti: alcuni documenti parlano di questo periodo come di un` "epoca buia" per Novara, che risentì pesantemente del conflitto tra i Visconti e gli Sforza.

    Nel 1600, la città* fu annessa ai domini spagnoli, e il re di Spagna ordinò che venisse eretta una piazzaforte militare: i popolosi sobborghi della città* vennero così rasi al suolo, il che produsse un notevole malcontento nella popolazione.

    Nel 1713, dopo il trattato d`Utrecht e Rastadt dell`11 aprile, Novara passò sotto il dominio austriaco. Dopo la pace di Vienna del 1734, tra la Francia, l`Austria e la Sardegna, la città* fu concessa a Carlo Emanuele III, diventando parte dei domini dei Savoia.
    In seguito alla rivoluzione francese, durante il periodo napoleonico, Novara divenne capoluogo del dipartimento dell`Agogna: nel 1814 tornò ad essere dominio sabaudo.

    Il periodo risorgimentale della città* è stato segnato da alcune battaglie significative combattute nei territori provinciali. La prima si svolse nell`aprile del 1821, e coinvolse i liberali piemontesi e le truppe sabaude del re Carlo Felice, rinforzate dall`aiuto di reggimenti austriaci.
    Lo scontro ebbe luogo presso il centro cittadino, ed ebbe come conseguenza l`annessione all`impero austriaco di alcuni territori piemontesi.

    La seconda battaglia, che ebbe inizio il 23 marzo del 1849, vide contrapporsi sul campo Piemontesi ed Austriaci: lo scontro si svolse nella zona della Bicocca, situata nella zona sud della città*. Nello stesso periodo il re Carlo Alberto di Savoia abdicò, per lasciare il trono al figlio Vittorio Emanuele II .
    La popolazione novarese seppe comunque rialzare la testa dopo le sconfitte subite, e dare inizio ai moti risorgimentali che porteranno all`unificazione.
    Novara fa da se'

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    638
    Immagine:

    55,91*KB
    Un delle sette meraviglie del mondo........un saluto da ROMA
    The blade

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,130
    onore meritatissimo!
    p.s. W le romane
    Novara fa da se'

Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •