Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Diego de Henriquez

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Diego de Henriquez

    Se ho postato nella sezione sbagliata prego i mod. di spostare il topic...

    Immagino che parecchi degli iscritti Triestini al forum si ricordino di lui...
    Io l'ho visto di persona una sola volta tanti, tanti anni fa...
    Mi ricordo delle sue collezioni...
    Specialmente quella "all'aperto" che era situata all'ex "campo carri" in zona Padriciano...
    Abitando all'epoca non molto distante quasi ogni Domenica (avevo circa 15 anni) mi facevo una scarpinata su per la strada di Monte Spaccato per andare a vedere i mezzi esposti...

    Diego de Henriquez
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Diego de Henriquez, nome poi italianizzato in Diego de Enriquez (Trieste, 20 febbraio 1909 – Trieste, 2 maggio 1974), fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.

    Dal 1969 la città* collaborò con il collezionista per la creazione del Civico Museo della Guerra per la Pace, che venne realizzato però dopo la sua morte. Il Museo è visitabile gratuitamente.




    Gli inizi
    Diego de Henriquez nacque a Trieste il 20 febbraio 1909 da una famiglia di ascendenza nobiliare spagnola e di tradizioni legate alla Marina Imperiale Asburgica. Sebbene nella sua gioventù visse in diverse province dell'Impero, gli studi lo portarono a far ritorno nella città* natia (nel frattempo divenuta italiana nel 191, dove si diplomò nel 1928 presso l'Istituto Nautico. Nello stesso anno si sposò con Adele Fajon, da cui ebbe due figli: Adele Maria e Alfonso Federico.

    Già* da bambino, durante le passeggiate sul Carso, iniziò ad appassionarsi ai numerosi cimeli bellici che trovava, resti della Prima guerra mondiale. In seguito tale passione si arricchì del talento diaristico, peculiarità* che lo accompagnerà* tutta la vita, e che rasenterà* in alcuni casi perfino l'ossessione: quando le celle della celeberrima Risiera di San Sabba, unico campo di sterminio in Italia, vennero ritinteggiate per farne un monumento nazionale, Diego de Henriquez si recò di persona in ogni singola cella e copiò le scritte lasciate dai prigionieri. Queste scritte, raccolte in forma diaristica, compongono in realtà* più di trecento quaderni.

    La guerra
    Nel 1941 venne richiamato alle armi, e poco dopo la sua nomina a caporale ebbe l'idea di proporre ai suoi superiori una collezione bellica, i quali acconsentirono prontamente e anzi, lo aiutarono in quel senso, assegnandogli tale compito. Egli poté così, grazie anche all'aiuto dell'Alto Comando, creare una collezione fino a quel tempo unica di armi, divise, materiale bellico e financo documentaristico.

    La fine della guerra
    Tale collezione sarebbe andata perduta, se dopo il 9 settembre egli non avesse collaborato con l'occupazione, allargando anzi la sua collezione con materiale tedesco. Durante la liberazione di Trieste da parte delle truppe alleate, egli giocò un ruolo fondamentale di interprete e negoziatore, recandosi di persona a trattare con l'ultimo gerarca nazista asserragliato nel Palazzo di Giustizia di Trieste con le sue truppe, e ne uscì vincitore: in una clausola della resa era infatti specificato che le armi tedesche venissero affidate al suo museo. (La leggenda afferma che, oltre le armi, de Henriquez si fosse fatto consegnare anche la giacca della divisa dell'ufficiale tedesco, visto che a lui non serviva più).

    In seguito la città* di Trieste finì sotto il comando delle truppe alleate, le quali guardarono con favore all'idea del museo. Quando, nel 1954, la città* venne consegnata all'Italia, gran parte dei documenti raccolti dagli alleati e divenuti ormai vetusti finirono nella collezione.

    La morte
    Nel 1969 il Comune di Trieste e l'Assessorato alla Cultura decisero di promuovere la costituzione del museo civico, ma questo progetto si realizzò dopo la morte del suo ideatore: Diego de Henriquez morì in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Sebbene inizialmente si fosse pensato a un incidente, molte altre voci hanno instillato il dubbio del dolo, voci avallate anche da ex funzionari di polizia che all'epoca avevano indagato sul fatto. A rafforzare questa tesi, il fatto che alcuni documenti della collezione siano ancora secretati.

    Fu certamente un uomo originale, di vasta erudizione e con spiccata curiosità*, che conosceva inoltre numerose lingue che l'hanno aiutato nella sua opera di raccolta.

    Il romanzo
    Nel 2007 lo scrittore tedesco Veit Heinichen che da anni vive a Trieste, ha scritto un romanzo giallo prendendo spunto anche dalle vicende del collezionista. Il romanzo si chiama "Le lunghe ombre della morte".
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Diego de Henriquez

    Fai bene a ricordarlo, comunque ne abbiamo parlato già* svariate volte e postato foto delle sue collezioni in ogni occasione.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Diego de Henriquez

    Citazione Originariamente Scritto da kanister
    Fai bene a ricordarlo, comunque ne abbiamo parlato già* svariate volte e postato foto delle sue collezioni in ogni occasione.
    Allora mi scuso...
    Evidentemente mi era sfuggito...
    Se è il caso si può eliminare il post...
    Ciao.
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Waffen
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    3,111

    Re: Diego de Henriquez

    Io non ero a conoscenza grazie per aver condiviso cio'
    kappa

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    934

    Re: Diego de Henriquez

    leggevo da ragazzo che in molti andavano di notte a fregare pezzi della collezione, si portavan via di tutto. Ho sognato pure che entravo con un camion e mi portavo a casa tutti gli elmetti e i fucili, che immaginavo a cataste abbandonati su mensole polverose e senza controllo di guardiani.............
    é comunque rimasto tra i miei sogni eh!!!, sia chiaro

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Diego de Henriquez

    Citazione Originariamente Scritto da GDF
    leggevo da ragazzo che in molti andavano di notte a fregare pezzi della collezione, si portavan via di tutto. Ho sognato pure che entravo con un camion e mi portavo a casa tutti gli elmetti e i fucili, che immaginavo a cataste abbandonati su mensole polverose e senza controllo di guardiani.............
    é comunque rimasto tra i miei sogni eh!!!, sia chiaro
    Pensa che io avevo "dietro casa" (20-30 minuti a piedi) le autoblindo, i cingolati e due sommergibili...
    Qualcuno di questi l'avrei visto volentieri nel mio giardino...!!!
    Ah, ah, ah, ah, ah...
    Scherzo ovviamente, mi accontentavo di fare "quattro passi" e andarmeli a vedere quando ne avevo voglia....
    Avevo anche un sacco di foto che ovviamente non trovo più...
    Però era bello salire sui mezzi e farsi le foto...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato