Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27

Discussione: distintivo da Carrista REI

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    23

    distintivo da Carrista REI

    Salve,

    volevo informazioni sul distintivo riportato in scan.. Il modello con nodo sabaudo sembra non esistere,ed invece eccolo qua!
    Sulla rivista Uniformi ed Armi (bentornata nelle nostre edicole) in un articolo abbastanza esaustivo non viene neanche menzionato; su altro forum di militaria nessuno ha dato notizie certe.
    Voi che ne pensate?
    Il distintivo è in metallo di guerra argentato (un tempo).

    MVSN 1923

    Immagine:

    14,88*KB

    Immagine:

    12,19*KB

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Ciao,
    il distintivo con nodo è ben conosciuto, già* qualche anno fa era apparso su un vecchio Uniformi e Armi (ed è assurdo che nel nuovo numero non sia stato inserito)ed era anche stato postato su un altro forum circa due anni fa. Il distintivo è stato autorizzato a portarlo con decreto legge del 1943, penso che il periodo fosse una ventina di giorni prima del famoso 25 luglio. A mio modestissimo avviso, codesto distintivo non è MAI STATO PORTATO se non dopo il periodo bellico. Il fatto che ci sia il nodo sabaudo può anche significare che sia stato usato dalla fine della guerra e fino al 2 giugno 1946 e comunque, nelle foto da me visionate (non tante..più o meno una settantina..che sono una stupidata) non c'è un carrista o pilota carri del periodo che va dal 1943 al 1945 che porti tal distintivo. Ho chiesto anche a qualche reduce, ma nessuno ricorda di aver portato questo distintivo se non dopo la fine della guerra, a partire dagli anni 50.
    La mia ipotesi è che questo distintivo non ha avuto il tempo di essere portato per il semplice motivo che pochi giorni dopo c'è stata la caduta del fascismo, per cui gran casino e il tutto sia finito in chissà* quale cassetto. Essendo il distintivo molto bello, credo uno dei più belli e interessanti dell'esercito, mi chiedo come sia possibile che nessuno, nessuno, in quel periodo, che ricordiamo ricco di decorazioni sulle uniformi, si sia attrezzato per fissarlo sul taschino???? Possibile???

    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Attenzione!!!
    Mi giungono notizie che un paio di persone sono cascate nelle grinfie di un volpone che, con un bel lavoro chirurgico adoperando delle tronchesi, ha spacciato il distintivo Pilota Carri per un distintivo usato da un reduce durante il periodo RSI, praticamente "DESABAUDIZANDO" il pezzo, con un bel lavoretto sotto il carroarmato e asportando un pezzettino di ghirlanda.
    Teoricamente dovrebbe apparire così:
    (ho fatto un lavoretto con paint, ma dovrebbe rendere l'idea di come potrebbe apparire)


    Per cui state attenti...
    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    470
    Citazione Originariamente Scritto da ado

    Attenzione!!!
    Mi giungono notizie che un paio di persone sono cascate nelle grinfie di un volpone che, con un bel lavoro chirurgico adoperando delle tronchesi, ha spacciato il distintivo Pilota Carri per un distintivo usato da un reduce durante il periodo RSI, praticamente "DESABAUDIZANDO" il pezzo, con un bel lavoretto sotto il carroarmato e asportando un pezzettino di ghirlanda.
    Teoricamente dovrebbe apparire così:
    (ho fatto un lavoretto con paint, ma dovrebbe rendere l'idea di come potrebbe apparire)


    Per cui state attenti...
    Saluti
    Corrado

    Confesso che tutti i reduci del "Leonessa" da me intervistati nel corso della stesura del mio libro hanno sempre affermato che mai furno usati brevetti con la parte rimossa...

    Paolino
    Cerco una coppia di mostrine dei Gruppi Carri Veloci del Regio Esercito II Guerra Mondiale

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157
    se le inventano tutte[V]
    H/Haflinger

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Campania
    Messaggi
    98
    salve a tutti, l'ultima di stamattina. Ho trovato lo stesso distintivo ad un mercatino dell'usato, col nodo e completo di (ferrea mole ferreo cvore)il venditore si faceva pure pregare. Ops sul retro una bella dicitura, MADE IN ITALY. Ciao Enzo

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    470
    Citazione Originariamente Scritto da enzo
    sul retro una bella dicitura, MADE IN ITALY
    Stupefacente... l'hai comprato? [II][II][II]

    Paolino [)][)]
    Cerco una coppia di mostrine dei Gruppi Carri Veloci del Regio Esercito II Guerra Mondiale

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Campania
    Messaggi
    98
    nooooo Valanga che scherzi, mi vergogno anche a dire il prezzo che ha sparato. Ciao.

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Sul Giornale Militare Ufficiale del '42 o '43, non ricordo bene, esiste la descrizione
    e la foto di questo distintivo a spilla, che probabilmente doveva essere generalizzato
    all'epoca, ma che per il precipitare degli eventi bellici fu lasciato decadere.
    Per certo so che negli anni '50 il distintivo fu ripreso e sicuramente portato.
    Il bello è che sul G.M.U.(mi ricordo che sul defunto forum, fu Kazunori a postare la foto
    con tanto di decreto, dimensioni, ecc.)il distintivo non aveva il nodo sabaudo.
    Ci chiedevamo tutti, come mai poi e' comparso col nodo sabaudo.
    []Ciao, PaoloM

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    771
    Marpo ricordo la discussione sull' altro forum.
    Sul libro del Viotti Uniformi e distintivi dell Easercito italiano nella Seconda Guerra mondiale 1940-1945 a pag 293 sono riportati i dati relativi ai due modelli.
    il primo (senza la ghirlanda) era relativo alla Circolare 895 del 1942
    il secondo (con ghirlanda) era relativo alla Circolare 473 del 7 luglio 1943 e riporta le dimensioni Larghezza cm 4.8, altezza 3.1.
    Come già* detto due settimane dopo cadde il fascismo....

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato