Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Dubbi circa p.m. Isotta Fraschini Albertini e p.m. MAB 38/43

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    78

    Dubbi circa p.m. Isotta Fraschini Albertini e p.m. MAB 38/43

    Guardando alcune fotografie della P.M. Isotta fraschini mod. Albertini (uno dell'arma presente al Museo di Rovereto ed altra visibile in un forum italiano in internet mi sorge un dubbio: ma dove sono gli organi di mira??? Per quanto arma spartana non penso proprio potesse esserne priva; li aveva persino lo Sten.

    Sempre guardano alcune fotografie del MAB 38/42 altrimento detto 38/43 con calciolo pieghevole, direi copia di quello del MP 40, mi sorge un dubbio: ma va a "cavallo" dell'impugnatura anteriore/bocchettone di caricamento o vedo male io? Perchè se avessi ragione per spiegare e ripiegare il calcio si sarebbe dovuto rimuovere il caricatore.

    Qualcuno può darmi lumi?
    Grazie
    Davide
    "La guerra non è questione di fortuna" - Federico il Grande

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Dubbi circa p.m. Isotta Fraschini Albertini e p.m. MAB 3

    Immagino che il dubbio ti sia venuto avendo visto l'articolo sull'ultimo numero di U&A.

    L'Isotta Fraschini aveva i normali organi di mira, come visibile nelle foto allegate all'articolo.

    Circa il Mod. 1 (perchè questa è la denominazione di fabbrica del modello a calciolo ripiegabile) in effetti sembra che per ripiegare la stampella sia necessario togliere il caricatore. Pensare che sarebbe bastato un taglio nel calciolo delle dimensioni del caricatore per evitare questa seccatura.

    In effetti ho trovato un po' di confusione nelle varie denominazioni attribuite ai diversi modelli, con divagazioni temporali non di poco conto: leggendo l'articolo ad esempio si potrabbe capire che durante la guerra vennero effettuate vendite a Nigeria ed altri stati, cosa che invece avvenne abbondantemente dopo. Tutti i modelli sono denominati 38A (38A42, 38A43,....) mentre solo il 38 reca il suffisso A (insieme al 38A44 per Argentina ed Egitto), suffisso che viene eliminato dai modelli a canna corta e conservato solo da quelli con manicotto traforato.
    In definitiva un lavoro che non aggiunge chiarezza ma solo confusione.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    78

    Re: Dubbi circa p.m. Isotta Fraschini Albertini e p.m. MAB 3

    Non sapevo che fosse uscito un articolo su U&A; domani lo cercherò in edicola, ma dubito di trovarlo (una volta l'unico acquirente ero io ed ho la certezza che le cinque edicole della mia zona non l'abbiano).
    Grazie per la dritte e per la conferma circa il MAB = però che errore!
    Davide
    "La guerra non è questione di fortuna" - Federico il Grande

  4. #4
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,395

    Re: Dubbi circa p.m. Isotta Fraschini Albertini e p.m. MAB 3

    Concordo sulla scarsa chiarezza dell'articolo (serie di articoli per la precisione) sul mab di U&A.
    sven hassel
    duri a morire

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato