Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20

Discussione: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    713

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da butiok
    viene proibita la detenzione del munizionamento relativo ed è impossibilita ad uscire dal luogo di detenzione...una specie di galera forzata.
    Mi potresti citare la norma che impone di non far uscire dal luogo di detenzione un'arma in collezione?

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da garand
    Mi potresti citare la norma che impone di non far uscire dal luogo di detenzione un'arma in collezione?
    Ciao, questa non fa parte delle imposizioni previste dalla legge ma di quelle lasciate al libero arbitrio del funzionario di turno. Logicamente e conseguantemente queste variano da questura a questura, secondo la "sensibilità*" di ogni responsabile.
    Dato che sono mascherate quali "norme per la sicurezza" diventano perfettamente legali anche se in qualche caso sono assurde.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  3. #13
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da garand
    Citazione Originariamente Scritto da butiok
    viene proibita la detenzione del munizionamento relativo ed è impossibilita ad uscire dal luogo di detenzione...una specie di galera forzata.
    Mi potresti citare la norma che impone di non far uscire dal luogo di detenzione un'arma in collezione?
    E' scritto sulla licenza a chiare lettere. Quando mi sono informato mi è stato spiegato che si intende per vietarne l'uso non per impedirne i movimenti. Se fosse rotta e da portare in armeria sarebbe un discorso diverso. Questa logica illogica credo sia legata al fatto che le armi in collezione non figuravano sulla normale denuncia andando a cadere in una specie di zona grigia.
    La logica sarebbe che "tutte" le armi fossero sulla normale denuncia con quelle in collezione inserite in una riga a parte.
    Certo che con collezioni di 3 pezzi il lavoro è facile con quelle grandi no e gli errori di trascrizione si sprecherebbero.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Se fosse rotta e da portare in armeria sarebbe un discorso diverso.
    Ciao Andrea, non è permesso nemmeno farla usicre di casa per eventuali riparazioni: volevo infatti portarne una in armeria e per mia fortuna mi sono informato prima di farla uscire da casa.
    Avrei dovuto presentare domanda specificando modalità* e tempi, attendere che con tutto comodo mi rispondessero, poi, a riparazione effettuata, ripresentare nuovamente domanda per riportarla in collezione.... alla fine ho lasciato perdere.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  5. #15

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Nella mia licenza è scritto:"E' vietato usare le armi in collezione per offesa e per difesa.", a parte sono le norme per la custodia, ma da come la vedo, visto che al poligono non offendo (se non verbalmente) e non mi difendo mai.....

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da RubinSchmidt
    Nella mia licenza è scritto:"E' vietato usare le armi in collezione per offesa e per difesa.", a parte sono le norme per la custodia, ma da come la vedo, visto che al poligono non offendo (se non verbalmente) e non mi difendo mai.....
    Questo ragionamento non fà* una piega
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  7. #17
    Utente registrato L'avatar di Artmont
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Friuli
    Messaggi
    350

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Citazione Originariamente Scritto da garand
    Citazione Originariamente Scritto da butiok
    viene proibita la detenzione del munizionamento relativo ed è impossibilita ad uscire dal luogo di detenzione...una specie di galera forzata.
    Mi potresti citare la norma che impone di non far uscire dal luogo di detenzione un'arma in collezione?
    E' scritto sulla licenza a chiare lettere. Quando mi sono informato mi è stato spiegato che si intende per vietarne l'uso non per impedirne i movimenti. Se fosse rotta e da portare in armeria sarebbe un discorso diverso. Questa logica illogica credo sia legata al fatto che le armi in collezione non figuravano sulla normale denuncia andando a cadere in una specie di zona grigia.
    La logica sarebbe che "tutte" le armi fossero sulla normale denuncia con quelle in collezione inserite in una riga a parte.Certo che con collezioni di 3 pezzi il lavoro è facile con quelle grandi no e gli errori di trascrizione si sprecherebbero.
    é quello che dalle mie parti si è sempre fatto...
    Io ho l'elenco delle armi detenute normalmente (comuni, caccia, sportive ecc.) e in seguito quello delle armi in collezione, tutto sulla stessa denuncia...
    Da voi non è così?

  8. #18
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Ciao Artmont, anche dalle mie parti la procedura è questa.
    Per semplificarmi la vita ho preparato uno schema di denuncia con il computer, con già* elencate tutte le armi che ho, divise ta comuni, caccia, collezione, con tutti i calibri ed i numeri di matricola, il tutto ricontrollato sul computer mille volte.
    Nonostante questo l'ultima volta è successo un mezzo guaio ugualmente: la stampante mi ha trasformato uno 0 in un C. Non ti dico cosa ho sudato per spiegare che non volevo imbrogliare nessuno e che la pistola era sempre la stessa....
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  9. #19
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    Dalle mie solo recentemente e per la buona volontà* del maresciallo. Priima se uno aveva 100 pezzi in collezione ed uno comune in denuncia compariva solo quello in denuncia. Quello poi che viene fatto negli uffici preposti è da paura. Ogni volta che torna la licenza la ricontrollo perchè gli errori o le dimenticanze sono facili. Tanto poi sono io che vado nelle grane non loro.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Nord Ovest
    Messaggi
    11

    Re: E' ora di sfatare....il certificato di disattivazione!

    A proposito del -tema originario-, la DISATTIVAZIONE, suoi certiifcati e riconoscimenti,.. Chiedo:
    Qualcuno ha notizia su nuove ed eventuali circa "l'allineamento" dell'Italia sulle ormai diffuse norme -europee- (!!!) relative ai criteri di disattivazione di un'arma?
    Il problema è il solito e ben più che noto e trattato: dal 2002 -saldano tutto-, ti fanno spendere 100/150 Eu, ti impongono un -certificato italiano- e STOP.
    Ovunque giri nel mondo le disattivate o inertizzate che dir si voglia, scarrellano, 'smanettano', -scattano.
    Chiaro che le canne (salvo negli USA... ) sono un blocco di acciaio insolubile e percussori e masse sono segate via... ma almeno "il gioco" del -ta-clack- resta.
    Non solo: in tutta Europa (forse salvo certe aree ex-patto di Varsavia..??) i vari certificati europei sono vicendevolmente riconosciuti e/o quanto meno non valgono un sequestro dell'oggetto o un rischio penale.
    Diverse le "condizioni" * di detenzione e porto fuori casa: in alcune nazioni vanno 'denunciate' (con semplice deposito di 'notizia' alle FFOO) e se le porti fuori (tipo reenactment) dai anche in questo caso notizia o vale il "giustificato motivo" evidente (raduni, fiere.. ).
    Il 'dramma italiano' stà* e resta nel -modus- tecnico dell'inertizzazione post 2002 (non a caso le inertizzate pre 2002 hanno costo molto più alti in quanto hanno le parti 'mobili'); ho sentito che l'Italia non ha partecipato alla commissione europea in merito ove si davano le indicazioni circa l'inertizzazione 'mobile' (e si lasciava appunto al singolo paese la forma 'conoscitiva' da parte delle polizie,.. come dicevo sopra: "condizioni" *).
    L'assenza partecipatva a tale commissione europea ha automaticamente posto l'Italia all'auto regolamentazione in materia... e siamo a questi punti: discrezionalità* dei funzionari, catorci saldati in tutto e per tutto, forati ovunque si può, appesantiti, marchi rossi indelebili su bocche di volata ecc... (e costi assurdi !!).
    Come mai, ad esempio, in Spagna, dove l'allarme terrorismo interno è purtroppo pressocchè ENDEMICO -!!!!!- (baschi...), l'inertizzazione ed addirittura la vendita e l'uso scenico di ex-armi (anche a salve e a raffica !!!!) è libero (ferme restando le dovute informative alle polizie) cosicchè spagnoli e 'ospiti' possono 'giocare' a ricostruire battaglie, per la gioia del pubblico e per la -libidine- degli appassionati?
    Ritengo, interpretando senz'altro il desiderio ovvio di tutti gli appassionati, che 'mettersi' a regime europeo non solo ci 'farebbe contenti' ma incentiverebbe DI GRAN LUNGA IL MERCATO !!!!
    Scusate la lunghezza e l'ovvietà* delle considerazioni ma, se qualche realtà* associativa importante si facesse 'latrice' di tali questioni, magari un giorno non lontano potremmo essere europei... almeno in questo.
    (Se qualcuno ha notizie... )
    Grazie e Ciao.
    "La Victoire en chantant, nous ouvre la barriere... " (La Chant du Depart -Chenier-)

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato