Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Elettrolisi fai da te

  1. #11
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Localitā
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Elettrolisi fai da te

    Ma come l'idrogeno si ottine dal petrolio? Abbiamo appena detto che lo sviluppa il polo negativo! Bastano acqua, sale e corrente (ottenuta dal fotovoltaioco)!

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Localitā
    cerveteri
    Messaggi
    80

    Re: Elettrolisi fai da te

    Citazione Originariamente Scritto da Peo
    Ma come l'idrogeno si ottine dal petrolio? Abbiamo appena detto che lo sviluppa il polo negativo! Bastano acqua, sale e corrente (ottenuta dal fotovoltaioco)!
    Se devi fare una quantita' modestissima di idrogeno, la fai per elettrolisi (e la corrente elettrica da dove viene, se non dal petrolio o dal gas naturale o dal carbone? Del fotovoltaico parlo dopo).
    In campo industriale, invece, per quantitativi massicci, l'idrogeno ha una e una sola sorgente: il processo di idroreforming catalitico delle benzine, cioe' il processo che serve a convertire la benzina appena distillata dal petrolio (che fa schifo) in benzina ad alto numero di ottano (quella che si usa per le automobili).
    Si prende la benzina, si mette in un "buzzico" (termine altamente tecnologico in uso qui a Roma che significa "recipiente in pressione") con idrogeno a parecchie atmosfere, non ricordo quante, e ad alta temperatura, in presenza di catalizzatori (mi pare nickel o platino). Dopo il tempo necessario, la benzina risulta cambiata (da catene lineari a catene ramificate, quindi con miglior numero di ottano) ed esce un po' piu' di idrogeno di quanto ne sia stato messo all'inizio del processo. Quello che serve per l'idroreforming viene riciclato indietro, quello in piu' diventa l'idrogeno che si vende, ad esempio in bomboloni a 200 atm, per qualsiasi utilizzo se ne debba fare.

    Ah, dimenticavo: l'idrogeno e' la piu' piccola molecola che esista. Trattenerlo e' un'impresa. Passa pure attraverso pareti metalliche sottili. Va conservato ad altissima pressione perche' altrimenti in un bombolone ce ne sta una quantita' ridicolmente piccola. I riduttori da 200 atm a poche atm (e soprattutto montarli e smontarli) non sono semplici come i riduttori di pressione per gli altri gas industriali.
    Se volete vi racconto della volta in cui stava per esplodere l'istituto di chimica industriale a ingegneria a Roma, con me dentro.
    O di quando scoppio' un'autoclave nella quale stavano cercando di replicare il processo Fischer per fare il petrolio dal carbone (del Sulcis), sempre a Roma...

    Fotovoltaico?????
    Io ho l'impianto fotovoltaico fatto a casa mia da parecchi anni, da prima che ci fossero gli incentivi statali. Nella ditta in cui lavoravo ne facevamo, oltre 20 anni fa, per le installazioni remote in Africa.
    Non va, costa troppo.
    In pratica gli incentivi lo rendono conveniente (per chi lo ha fatto), ma i soldi vengono dallo Stato. Vatti a vedere quanti miliardi costa all'erario il conto energia, altro che IMU! E' una specie di catena di S.Antonio: il primo della catena ci guadagna, gli altri (per qualche giro) pure, ma a danno dei prossimi, fino a che la catena crolla.
    A proposito: con cosa sono fatti i pannelli? Con il silicio. Con cosa si fa il silicio? Sabbia (e' fatta di quarzo, cioe' SiO2 quasi puro) e... corrente elettrica. Occorre fare l'elettrolisi del quarzo fuso. Ci vuole un fottio di corrente (e quindi di petrolio e inquinamento).
    Non e' mica vero che l'energia solare non inquina. Non inquina QUI, ma inquina in India o in Cina o dove accidente fanno i pannelli.
    Si calcola che l'energia servita per fare un pannello verra' prodotta dal pannello nei primi SETTE anni della sua vita operativa...

    Bisognerebbe conoscerla la tecnologia, non parlarne come fanno i giornalisti ignoranti senza sapere cosa si dice.
    Non chi comincia ma quel che persevera

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    47

    Re: Elettrolisi fai da te

    grazie talpo! domani provo con il carica batterie per auto! una cosa che non ho capito bene č che relazione c'č con il materiale da collegare al polo positivoio ho messo una piattina di acciaio inox perchč cosi ho letto e visto in giro per la rete, ma ho letto anche di grafite e altri materiali! qualcuno sa spiegarmi che relazione c'č tra il materiale da collegare al polo positivo e il pezzo da pulire sul negativo?
    grazie

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Localitā
    cerveteri
    Messaggi
    80

    Re: Elettrolisi fai da te

    Nessuna relazione. L'elettrodo positivo non ha niente a che vedere con quello che succede al negativo. E' bene che sia un buon conduttore (metallo meglio che grafite). Se usi il sale da cucina, un po' di cloro si sviluppa, quindi meglio l'Inox che il ferro normale.
    Non chi comincia ma quel che persevera

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    47

    Re: Elettrolisi fai da te

    ciao claudio! grazie della risposta! un ultima cosa ,le dimensioni del pezzo messo al positivo pregiudica lo svolgersi dell'elettrolisi ?insomma le dimensioni contano????
    grazie

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Localitā
    cerveteri
    Messaggi
    80

    Re: Elettrolisi fai da te

    Conta la superficie esposta all'elettrolisi (piu' e' grande e piu' corrente puo' passare). Lo spessore non conta per niente.
    Non chi comincia ma quel che persevera

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB č Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] č Attivato
  • Il codice [VIDEO] č Disattivato
  • Il codice HTML č Disattivato