Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Elettrolisi fai da te

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di BERTO
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    927

    Elettrolisi fai da te

    Sollecitato da Sgamex descrivo in seguito come togliere la cromatura da oggetti in metallo meglio effettuare la prova su qualche oggetto di poco valore prima di cimentarsi con qualche cimelio per non avere sorprese inaspettate, io ho ottenuto risultati ottimi su oggetti di piccole dimensioni con sale da cucina al posto della soda caustica .
    (consiglio: l'operazione è molto semplice ma se non avete dimestichezza con questi oggetti meglio non rischiare)

    1- Alimentatore Variabile tra 5-24 volts in grado di erogare almeno 3-4 amper
    Si possono utilizzare gli alimentatori dei "baracchini" o ricetrasmittenti che funzionano a tensione fissa
    di 13.8volt ed erogano anche 7-8 amper ed il costo è tra 1 20 e 40 €

    2- una vaschetta di plastica

    3- una spatola quadrata o rettangolare in acciaio (quelle da pittore )

    4- soda caustica a scaglie è reperibile in ferrameta o nei supermercati

    5- guanti da "chirurgo"

    6- spazzolino da denti

    - il procedimento –


    Si versa un litro di acqua di rubinetto all'interno del recipiente e tre-quattro cucchiai di
    soda caustica e si mescola bene, mettete i guanti ed evitate di inalare i vapori (è da evitare sia di toccare con le mani nude che da respirare).
    Si collega immergendola verticalmete sulla parte che rimane fuori il termianle positivo dell'alimentatore, mentre quello negativo va attaccato all'oggetto da ripulire.
    Se tutto è a posto vi accorgerete che l'elettrolisi è in atto perchè sia dalla spatola che dall'oggetto cominceranno ad uscire delle bolle; se ciò non avviene è perchè il terminale posto sull'oggetto potrebbe non fare contatto a causa dell incrostazioni, pertanto bisognerà scoprire leggermente la parte affinchè la pinzetta del terminale negativo faccia bene contatto.

    Si potrà notare che avvicinando l'oggetto verso la spatola il bollore aumenta e di conseguenza anche l'assorbimento di corrente pertanto occorre controllare il surriscaldamento dei trasistor finali dell'alimentatore ed eventualmente utilizzare una bella aletta di raffreddamento o una ventola.

    Dopo qualche minuto si potrà vedere staccarsi del materiale dall'oggetto e mano a mano colorarsi di marrone scuro quasi vicino al nero.

    Quando abbiamo deciso che l’oggetto è da rimuovere perchè pulito si strofina con uno spazzolino da denti morbido fino a rimuovere con facilità tutto lo sporco ed il gioco è fatto, con un panno ed un pò di SIDOL si può anche lucidare se si tratta di ottone o bronzo, si avranno certamente delle sorprese specialmente su pezzi altrimenti inutilizzabili.

    Vi ricordo che questo procedimento elimina ogni patina esistente e riporta i materiali Bronzo, rame, ferro allo stato naturale senza creare invasioni distruttive.

    Se qualcuno vorrà provare sarebbe gradito poter vedere il risultato ,grazie
    Berto

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    134

    Re: Elettrolisi fai da te

    Grazie Berto: molto preciso. Ma, per quel che mi riguarda penso che il tuo consiglio alla quarta riga si adatti al mio caso: non solo non ho dimestichezza, ma anche non ho l'attrezzatura di base e non ho un luogo dove poter fare queste cose senza essere disturbato.
    Penso che ricorrerò al metodo, più faticoso ma più semplice, dell'olio di gomito (tela abrasiva in bagno di petrolio).
    Grazie comunque, e spero che altri possano comunque farci vedere i loro risultati col tuo metodo.
    Andrea
    Andrea Paleologo Oriundi

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di BERTO
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    927

    Re: Elettrolisi fai da te

    Citazione Originariamente Scritto da Sgamex
    Grazie Berto: molto preciso. Ma, per quel che mi riguarda penso che il tuo consiglio alla quarta riga si adatti al mio caso: non solo non ho dimestichezza, ma anche non ho l'attrezzatura di base e non ho un luogo dove poter fare queste cose senza essere disturbato.
    Penso che ricorrerò al metodo, più faticoso ma più semplice, dell'olio di gomito (tela abrasiva in bagno di petrolio).
    Grazie comunque, e spero che altri possano comunque farci vedere i loro risultati col tuo metodo.
    Andrea

    Berto

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di FEB
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    602

    Re: Elettrolisi fai da te

    . Una domanda ,perche' levare la cromatura dai reperti ? Personalmente se un consiglio vi posso dare non usare mai il petrolio .

  5. #5
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Elettrolisi fai da te

    Senza rischiare ustioni da contatto o da inalazione con la soda caustica, va benissimo anche l'ipoclorito di sodio.

    Attenzione che il processo di elettrolisi libera nell'ambiente idrogeno allo stato gassoso, quindi aerare bene il locale in cu si opera!

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    47

    Re: Elettrolisi fai da te

    salve a tutti! propio mentre scrivo sto facendo il mio primo tentativo di elettrolisi su alcuni pezzi pieni di ruggine! e il primo tentativo quindi nono mi aspetto miracoli! sono un pò incerto sulla quantita di soda solvay da usare ,io ho messo 200 g per 10 litri di acqua e ho usato una piattina di acciaio inox . c'è qualcuno che ha gia provato che puo dirmi se sto usando una giusta percentuale? a vederlo mi sembra che vengono fuori un poche bolle rispetto a video visti in rete!haaa dimenticavo sto usando per alimentare il tutto un alimentatore interno per pc prendendo l'uscita 12v ma non so bene quanti amper mi tira fuori.
    grazie in anticipo per le eventuali risposte

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Toscana
    Messaggi
    83

    Re: Elettrolisi fai da te

    Io aggiungerei un bel paio di OCCHIALI PROTETIVI BELLI GRANDI e al posto dei guanti da chirurgo guanti in gomma da cucina, inoltre non versate mai l' acqua sulla soda ma fate l' opposto versate la soda lentamente nell' acqua.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    47

    Re: Elettrolisi fai da te

    certo ho usato tutte le protezioni del caso( occhiali , guanti e garage ben areato) e ho messo la soda solo dopo aver messo l'acqua ! anche se sinceramente non è che sia successo chi sa che reazione! da premettere che non avevo mai usato la soda prima di oggi! adesso è passata circa un ora e mezza vado a vedere se si comincia a vedere un qualche risultato

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    cerveteri
    Messaggi
    80

    Re: Elettrolisi fai da te

    Adesso faccio l'antipatico ex-professore di chimica.
    Intanto se facciamo l'elettrolisi dell'acqua, qualsiasi sostanza tra quelle indicate va bene (sale, soda caustica, ipoclorito di sodio detto anche varechina, soda Solvay detta anche bicarbonato di sodio). Meglio quindi evitare quelle che danno ustioni (soda caustica, fa delle brutte bolle sulla pelle, uguali a scottature) o vapori tossici (varechina).
    Diciamo sale da cucina? Va bene alla concentrazione dell'acqua di mare (35g per litro d'acqua).
    Non servono grandi tensioni: per dissociare l'acqua bastano pochi Volt (ma possibile mai che l'unica unita' di misura della fisica che abbia preso nome da un italiano, Alessandro Volta, debba avere il nome storpiato???).
    Per non starci una settimana, pero', servono grandi correnti (misurate in Ampere, non Amper) e i due elettrodi devono per questo stare vicini tra loro. Giusta l'avvertenza di guardare (con un qualche strumento) che non si stia superando la corrente che l'alimentatore puo' erogare con continuita'. Gli alimentatori per la ricarica delle batterie delle macchine di solito hanno un amperometro che va benissimo allo scopo.
    Se la corrente e' troppo bassa: avvicinare gli oggetti, usare un elettrodo negativo piu' grande, pulire bene il contatto con l'oggetto da ripulire (carta abrasiva finissima). Se la corrente e' troppo elevata fare il contrario, oppure anche diluire un po' la soluzione.
    Giustissima l'osservazione sull'idrogeno, che si sviluppa sul polo negativo. Se mettete una fiamma sopra le bollicine che escono dall'acqua (NON fatelo!) ESPLODE. Quindi bisogna stare in ambiente molto ben aerato, meglio se all'aperto.
    Al polo positivo si sviluppa ossigeno e non ci sono pericoli. Anzi, va bene per fare le meches.

    Deviazione OT, a proposito di idrogeno: chiunque creda alla frottola delle auto alimentate ad idrogeno non ha visto le cose (pericolose) che l'idrogeno sa fare (e non ha nemmeno capito che l'idrogeno si ottiene dal petrolio...). Io personalmente non mettero' mai una bomba innescata dentro la mia macchina.
    Non chi comincia ma quel che persevera

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Toscana
    Messaggi
    83

    Re: Elettrolisi fai da te

    Ti ho messo un esempio di un prima un durante ed un dopo.
    Ho usato una soluzione 20 gr/litro di soda caustica in acqua demineralizzata.
    Come generatore un carica batterie auto il cui amperometro misurava un assorbimento di circa 4 ampere.
    Tempo (a memoria) 2 ore.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato