Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: Elmetti insurrezione di Varsavia

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700

    Elmetti insurrezione di Varsavia

    polonia.jpg


    Un altro elmetto riconducibile all'Insurrezione di Varsavia nell'agosto/ottobre 1944, vedi anche il topic indicato:

    404 Not Found

    Elmetto come sempre in questi casi da credere oppure no, non avendo riscontri obiettivi che possono aiutare nell'identificazione.
    L'aspetto generale è congruo e credibile, ma chiunque può aver dato due pennellate di vernice bianca e rossa.
    Inoltre questo elmetto presenta un interno assolutamente artigianale, realizzato con tela "zeltbanh", credo si scriva così, di derivazione tedesca.
    Non è una configurazione del tutto inedita, ho visto parecchi Adrian con imbottiture rifatte nei modi più fantasioni e anche con questa tipologia, ma valgono i discorsi di cui sopra, così come per il soggolo, strano, tedescheggiante, e con un marchio per me inedito.

    Vediamo cosa ne pensate.



    SCOMPARSE TUTTE LE FOTO DI IMAGESHACK !

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Interessante l'imbottitura e bellissimo l'elmetto!!!Aggiorno l'Index!!!
    Ciao![ciao2]
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    L'interno è,come hai detto tu,molto particolare,e giustamente si può credere oppure no.
    Il guscio invece non si presenta male,anzi,e mi sembra che i colori siano consoni allo stato dello stesso.Davvero interessante Piero.

  4. #4
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Domanda (forse stupida).. quel genere di occhielli (colorati di bianco) usavano a quei tempi ?..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Non è una domanda stupida,Viper 4,anzi!!!In effetti l'unica cosa che stride secondo me.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230
    devo ammettere di saperne poco, di elmetti, ma per motivi professionali mi occupo, molto, di Polonia e di storia polacca. E so che le cose relative all'insurrezione di Varsavia, il powstanie warszawskie del 1944 sono pesantemente falsificate, in quanto ricercatissime. La mia impressione è che si tratti qualcosa di assemblato... ieri, anche se è davvero ingegnosa l'idea dell'imbottitura con lo zeltbahn. Tieni conto che la fascia nei colori nazionali, tutto intorno all'elmetto, i polacchi nell'agosto del 1944 l'avevano adottata per contraddistinguere gli elmetti tedeschi catturati all'inizio dell'insurrezione da quelli ancora in mano ai ... legittimi proprietari. Non si vede perchè un simile trattamente sarebbe dovuto essere riservato a un Adrian, che abbondava nei magazzini del Wojsko Polskie e solo nei suoi. Ma è anche vero che ... tutto è possibile, e che l'intero ... progetto è plausibile, tutto dipende, ancora una volta, dal prezzo e da quanto uno ci crede. Io, anche per i rivetti smaltati sull'imbottitura, sarei portato a crederci poco... e per molti altri motivi: troppo bello, e troppo nuovo, per essere vero: all'ottobre del 1944 di Varsavia non erano rimaste che macerie, questo Adrian sembra essere stato conservato in frigorifero da allora...

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Così come nell'intervento relativo all'elmetto tedesco M40 con caratteristiche similari, ti ringrazio per il tuo intervento, e le interessanti informazioni.
    Non ho niente da replicare sulle impressioni generali e personali, ovviamente come ho detto non esistono in questi casi riscontri "tecnici", ma solo plausibilità*, coerenza, o anche illusione, certamente.

    L'unica cosa che mi sento di dire è che il discorso degli occhiellini bianchi.
    Anche a me hanno dato subito nell'occhio, logicamente, per cui anche qui ho cercato, per quanto possibile dei riscontri; allego la foto dell'interno di un Wz31 polacco che sembra averli simili.

    Ma se devo essere sincero, il maggior dubbio per me era e resta l'autenticità* della tela zeltbahn, che è un materiale che non conosco se non molto superficialmente; i riscontri fatti sui fili di cuciturta sono risultati positivi, nel senso che non si tratta di materiale sintetico; per assurdo questi strani occhiellini mi hanno perfino convinto della possibile originalità* per un semplice motivo: sarebbe stato estremamente semplice e sicuramente meno dubbioso dotare questo elmetto di un normalissimo interno di Adrian, accessorio che si trova a cifre irrisorie e in continuazione sul mercato collezionistico, io stesso ne ho una quantità* di scorta, dato che gli Adrian sono una delle mie passioni.
    Allora, è vero che questa "finezza" dello zeltbahn può dare fascino, ma anche istallare grossi dubbi; allora perché scivolare sulla "buccia di banana" dell'occhiellino, quando peraltro, almeno nelle nostre ferramente (ho fatto la prova) questi occhiellini smaltati sono praticamente introvabili, mentre quelli in alluminio, ferro, ottone e rame, si trovano a tutti gli angoli? e oltre tutto, con due gocce di ossidante artificiale, quello che usano i restauratori di mobili per maniglie, cerniere, chiavi e quant'altro (ma si usa anche in edilizia per invecchiare canali di gronda, pluviali e coperture in rame), divengono immadiatamente "d'epoca", assai più sempici e credibili di questi?
    La cura con cui questa imbottitura è stata realizzata (vedi anche il feltro all'interno) non può far pensare, anche nel caso del falsario, ad uno sprovveduto.
    Inoltre, dalla parte interna, dove gli occhiellini sono aperti a fiore, l'ossidazione dà* un'ottima impressione di antico.

    Con ciò, sono il primo ad avere dei dubbi, in questi casi, per cui quando mi capita di acquisire certi pezzi ovviamente cerco di non "espormi" finanziaramente troppo; normalmente anche i venditori sanno che sono pezzi "a fiducia" e quindi anche le richieste raramente sono esorbitanti; è un mercato un pochino diverso dal fregiato tedesco che presenta caratteristiche inoppugnabili, logicamente.

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Dimenticavo la foto del Wz31


  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Bello e molto particolare, complimenti. [ciao2]

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230
    Caro Piesse, ovviamente, come dici tu, si tratta sempre di una questione di prezzo... tutte le tue osservazioni sono pienamente valide, io mi limito a constatare che ultimamente il materiale del powstanie warszawskie, anche per via degli anniversari, è diventato ricercatissimo. Sull'M 40 non volevo darti l'ipmressione di sostenere che TUTTI gli elmetti tedeschi utilizzati dagli insorti avessero la fascia bicolore, ovviamente era stata aggiunta quando c'era stato il tempo e il modo di farlo. Rimangono invece piuttosto fermo sul'inaccettabilità* della sigla AK al posto di WP, perché Armia Krajowa era un definizione ufficiosa, gli insorti in quanto tali rispondevano a un comando militare che era l'emanazione del governo polacco in esilio a Londra, ovvero erano inquadrati nell'esercito polacco. A suo tempo in Polonia fui scoraggiato dal comprare fasce da braccio - portate sopra le uniformi mimetiche tedesche che gli insorti avevano conquistato nei primi giorni del powstanie - munite di tanto di timbri, ma marchiate AK, in quanto - a detta dei collezionisti ed esperti polacchi di militaria - indubitabilmente false per il motivo sopracitato. Ovviamente, le considerazioni per un elmetto con insegne dipinte per iniziativa individuale possono essere diverse, come sempre nel caso di elmetti... Anche in questo caso, direi che sia una questione di prezzi... a meno che il pezzo sia stato acquistato sul ben noto sito di aste, da un rivenditore inglese noto per i suoi fantasiosi M 40 del powstanie, quelli souvenir di guerra della Normandia o delle Ardenne ecc. ecc. ...

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •