Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Elmetto Difesa Civile Giapponese

  1. #1
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Elmetto Difesa Civile Giapponese

    Sono consapevole che neppure questo mio acquisto ha avuto ad oggetto una rarità strabiliante, viste anche le condizioni generali...
    Non è raro, credo, non è pregiato, non è neppure ricercato, credo.
    Anche in questo caso, però, il prezzo, pari a circa 42 euro, e la storia dell'elmo mi hanno convinto a prenderlo, per "fare compagnia" alla medaglia dell'incidente di Nomonhan che ho acquistato tempo fa...
    Sembra infatti che si tratti di un elmo dello Stato di Manciuria, stato fantoccio satellite del Giappone.
    [IMG][/IMG]
    [IMG][/IMG]
    [IMG][/IMG]
    L'elmo conserva un'etichetta in stoffa sull'imobittitura, con scritte che devo ancora fotografare, ed ha ancora parte della vernice originale, ma è rugginoso.
    Non pare che sia fatto con il migliore acciaio di Giappone, bisogna ammetterlo!
    Sto pensando di dargli almeno una spolverata con un pennello asciutto o appena umido o una pulita con acido ossalico, solo che non lo vorrei smontare per immergerlo, dato che gli interni sembrano non essere mai stati smontati, essendo bene fissati alla calotta senza il minimo gioco.
    il fregio, poi, fissato meno bene (è presente un minimo gioco) sembra essere di ottone...
    Ho paura che ad andarlo a smontare io possa fere danni...
    L'acido ossalico si può dare a pennello o a tampone, con la stessa efficacia?

  2. #2
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Trovo doveroso sottolineare che il venditore descriveva l'elmetto come della polizia giapponese, anche se con un bel punto interrogativo tra parentesi.
    io ho creduto che potesse essere del Manchukuo comparandolo con le foto che ho trovato sul web degli elmetti manciuchi, ma... alzo le mani di fronte a chi ne sapesse più di me...

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Difatti non reca l'insegna della Manciuria bensi' della difesa civile giapponese. Questi elmetti erano realizzati in genere in acciaio dolce molto
    leggero, oppure in cartone pressato. Nel 1945 vennero assegnati come elmetti 'last ditch' a tutte quelle unita', compresi i civili che volevano
    difendere cio' che rimaneva del Giappone ipotizzando l'invasione degli americani del suolo patrio.Ma nessuno pensava alla bomba atomica.
    Io lo lascerei com'è perché non si sa che reazione possa avere un metallo cosi' debole con l'ossalico.
    PaoloM

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Se ti piacciono gli elmetti giapponesi, da' uno sguardo qui:
    MOSTRIAMO LE NOSTRE COLLEZIONI

    http://www.milistory.net/forum/imperial-japanese-army-navy-uniforms-vt6202-2.html?highlight=militaria+giapponese

    PaoloM

  5. #5
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Ah... proprio nulla di più distante dalla medaglia di Nomonhan...
    Grazie!

  6. #6
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Ho aggiunto in collezione un altro esemplare di questi elmetti della protezione civile, molto bello, a parer mio.
    Questo, a detta del collezionista giapponese che me lo ha venduto, sarebbe di produzione precedente: risalirebbe al 1939/40.
    Manciuria fronte.JPGManciuria interno.JPG

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •