Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Elmetto M33 restaurato

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Torino
    Messaggi
    169

    Elmetto M33 restaurato

    Ho ricevuto un'elmetto ricoperto di ruggine e riverniciato più volte di nero.

    Ho effettuato il solito trattamento con l'acido ossalico e la relativa spazzolatura.

    Per completare il lavoro, esternamente ho passato un leggero strato di cera neutra effetto trasparente, internamente ho applicato uno strato di Owatrol oil.

    [attachment=3:dfjomlpq]12054038_x.jpg[/attachment:dfjomlpq]

    [attachment=2:dfjomlpq]12054042_x.jpg[/attachment:dfjomlpq]

    [attachment=1:dfjomlpq]12054045_x.jpg[/attachment:dfjomlpq]

    [attachment=0:dfjomlpq]12054046_x.jpg[/attachment:dfjomlpq]

    Saluti

    Breda
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,519

    Re: Elmetto M33 restaurato

    Ciao, il restauro e' stato condotto con cura, bravo. Vedo che l'elmo presenta i rivetti di sfiato piu' antichi ed ha piu' verniciature di colore nero anche all'interno. Un uso UNPA o MIlizia? Hai esaminato bene la zona frontale alla ricerca di qualche segno indicatore della presenza originaria di qualche fregio? Si legge ancora il codice nella falda posteriore? Sul fondo del coppo mi pare comunque di intravedere flebili tracce di grigioverde, confermi? Come mai il bordo della falda posteriore e' molto corroso? Ciao.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Torino
    Messaggi
    169

    Re: Elmetto M33 restaurato

    Citazione Originariamente Scritto da Gertro
    Ciao, il restauro e' stato condotto con cura, bravo. Vedo che l'elmo presenta i rivetti di sfiato piu' antichi ed ha piu' verniciature di colore nero anche all'interno. Un uso UNPA o MIlizia? Hai esaminato bene la zona frontale alla ricerca di qualche segno indicatore della presenza originaria di qualche fregio? Si legge ancora il codice nella falda posteriore? Sul fondo del coppo mi pare comunque di intravedere flebili tracce di grigioverde, confermi? Come mai il bordo della falda posteriore e' molto corroso? Ciao.
    Ringrazio per la tua cortese risposta.

    Ho esaminato la parte frontale dell'elmetto, ho notato dei piccoli segni di colore giallo; indecifrabili.
    Nonostatnte un'accurato controllo, non ho rilevato nessun codice sulla falda posteriore.
    Ho notato anch'io delle flebili tracce di grigioverde all'interno, non esternamente.
    Probabilmente fu riverniciato in grigioverde, chissà quando e perchè.
    Per la corrosione del bordo della falda posteriore (quando riferito dalla persona che mi ha dato l'elmetto) il suddetto era stato collocato in una soffitta appoggiata su un'asse che dopo le piogge si bagnava e ne pativa le conseguenze.

    Saluti

    Breda

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,519

    Re: Elmetto M33 restaurato

    Il tuo 33 presenta caratteristiche similari (colore nero, presenza di grigioverde di fondo, rivetti primo tipo) a quelli qui postati
    viewtopic.php?f=17&t=16874

    viewtopic.php?f=17&t=18684


    Fregi gialli sono stati usati dalla MVSN e niente di strano che il fregio che compariva sul tuo 33 poi cancellatosi era proprio il medesimo dell'elmo di Piesse o di Mariob Ciao.

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •