Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: elmetto marina

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    343

    elmetto marina

    Premessa mia totale ignoranza in "elmettologia", volevo mostrare questo elmetto Marina in ottime condizioni e penso sicuramente postbellico per avere se possibile qualche informazione:

    Immagine:

    36,02*KB

    Immagine:

    78,62*KB

    uniche scritte rilevate:

    P5 su interno falda posteriore
    57 sul cerchione
    foro di areazione a 8 lamelle
    soggolo in cuoio

    un grazie anticipato per le risposte e saluti a tutti

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    343
    Neppure un cenno di risposta?????
    Almeno la conferma se postbellico.... grazie.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,790
    Guarda harris che non è così semplice determinare se un elmetto è del periodo bellico o no, sopratutto con quelli italiani che praticamente sono rimasti invariati per 50 anni a parte qualche particolare (vedi sogolo in canapa)
    dalla foto sembra uscito da qualche magazzino ieri mattina quindi accontentati di avere un m. 33 italiano in condizioni eccellenti
    per quel che riguarda il fregio ricordo che 25 anni fa tutto quello che trovavi aveva la vernice e basta oggi è esattamente il contrario, va da se...

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Personalmente lo ritengo post, il colore del sogolo e la manifattura stessa, il colore, i bulloni di areazione e l'imbottitura interna. Sul fregio non mi pronuncio anche perchè si capisce già* poco dalle foto.

    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Campania
    Messaggi
    239
    A me sembrerebbe bellico, in particolare i bulloni dei fori d'areazione sembrano proprio quelli con "bordo" delle prime produzioni, inoltre dalle foto gli anelli di fissaggio del soggolo sembrano rettangolari (se si riuscissero a vedere meglio potrei essere più preciso), proprio come quelli bellici.Vernice e fregio sono messi molto bene, forse troppo bene, e, a meno che non si tratti di un effetto del flash la colorazione sembra post.Anche l'imbottitura giallastra fa pensare al dopoguerra, come pure il colore del soggolo. Potrebbe essere d'aiuto sapere se ci sono sigle sul soggolo stesso.
    Credo si possa ipotizzare che si tratti di un M33 di prod. prebellica riutilizzato dalla marina in seguito con nuova imbottitura.


    ecco una foto di un bullone bordato
    Immagine:

    24,84*KB
    "Il proverbio lo dice: canem in chiesa nicht fòrtuna!"

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Campania
    Messaggi
    239
    Provo a ripostare l'immagine


    Immagine:

    24,84*KB
    "Il proverbio lo dice: canem in chiesa nicht fòrtuna!"

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    343
    Grazie per le risposte, posto ancora qualche immagine per consentirvi di identificare meglio l'oggetto:

    Immagine:

    46,76*KB

    Immagine:

    44,26*KB

    Immagine:

    42,98*KB

    Immagine:

    47,23*KB

    Immagine:

    30,18*KB

    saluti a tutti

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Riprendo questa vecchia discussione per avere dei pareri su questo elmo:

    Immagine:

    151,72*KB

    Immagine:

    156,27*KB

    Immagine:

    140,93*KB

    Immagine:

    155,91*KB

    Immagine:

    156,82*KB

    Immagine:

    153,9*KB

    Immagine:

    156,17*KB

    Immagine:

    156,91*KB

    Immagine:

    157,2*KB

    Immagine:

    157,78*KB

    Immagine:

    157,01*KB

    Immagine:

    146,02*KB

    Immagine:

    149,79*KB

    L'ho postato tutto d'un fiato,senza commenti,xchè gli m33 non sono il mio campo,e non me ne intendo.So solo che il soggolo è riparato(ante/post???)e che il fregio è praticamente sparito.Che mi dite?Vale la pena farci un pensierino?E soprattutto,che valore può avere?
    Ciao e grazie.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Non avevo visto questa discussione.
    Dunque, per quanto riguarda il primo direi che è un elmetto postbellico, ma con caratteristiche di elmetto bellico, perché i rivetti bordati possono essere indifferentemente del tempo di guerra come degli anni 50/60.
    Lo stesso dicasi per il soggolo.
    L'ancora potrebbe essere perfino della Marina Repubblicana RSI, ma sostanzialmente quelle postbelliche sono uguali.
    Ciò che fa pendere l'ago della bilancia sono le condizioni generali e il tipo e il colore di pellame dell'imbottitura; l'elmetto pare di magazzino, praticamente mai usato, e ciò tra l'altro è strano anche per un elmetto postbellico.
    Bisogna dire anche che come elmetto di marina postbellico presenta delle stranezze, ma non inedite; gli elmetti di marina di solito hanno un tipo di imbottitura che differisce un po' da quella standard, ovvero non c'è una sola cucitura ma due e anche la forma delle patte è un po' diversa; in più, negli esemplari più receti detta pelle è biancastra, del tipo "antifungo" o "antimuffa" che dir si voglia.
    Anche i soggoli si trovano spessissimo ricondizionati in arsenale, fissati con un solo rivetto anziché due; l'elmetto in esame comunque potrebbe essere un normale elmetto postbellico ma anche bellico (il colore non si capisce bene ma potrebbe essere anche addirittura il grigioverde bellico, recuperato da qualche magazzino, mai usato o quasi, e passato alla Marina e come tale decorato.

    Per quanto riguarda il secondo, quello di Mulon, sembrerebbe senza particolari dubbi un discreto Regia Marina, con tracce di stemma; ipotizzerei un "ricondizionamento" post 8 settembre in seno alle forze RSI (lo deduco dalle tracce di verde scuro) poi forse risverniciato per riportare alla luce il fregio che nell'operazione si è stinto pure lui, oppure è solo effetto del tempo e dell'usura.

    Invierò con calma alcune foto di vari esemplari dai quali si possono fare osservazioni e raffronti.

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Comincio da un 33 postbellico.
    Si tratta sicuramente di un elmetto bellico ricondizionato.
    La colorazione sottostante al verde scuro è il grigio verde tipico, e mi sembra addittura la tonalità* più chiara ante 1940.
    La sovracoloratura verde scuro sembrerebbe quella del periodo anni 50.
    Fare un discorso sulle colorazioni sui 33 è comunque lungo, complesso e sicuramente impreciso, per cui prendete queste affermazioni come un po' di larga massima.
    Per cui TEORICAMENTE questo elmetto potrebbe anche essere un Marina Repubblicana, ma siccome proviene dall'Arsenale di La Spezia, recuperato all'incirca 15/20 anni fa da un amico Marinaio, oggi ufficiale in servizio all'accademia Navale di Livorno, che all'epoca era invece nei suoi primi anni di servizio appunto alla Spezia, e un giorno fu destinato allo "schiacciamento" con pressa di una montagna di elmetti (parole sue), e tra i tanti questo decise di portarselo a casa, ed è stato nel suo garage fino a pochi mesi fa, quando ha pensato di farmene cortese omaggio, per questo motivo propendo per un elmetto postbellico.
    Notare l'imbottitura, con le patte di forma più stretta e allungata, tipicamente Marina, e la doppia cucitura, sui lati dell'elmetto e non sul retro; la cucitura lato sinistro è nascosta dal soggolo, nella foto.
    Notare anche il soggolo, nel quale la parte senza fibbia appare ricondizionata, direi scorciata (probabilmente a seguito di strappo) e rimontata con un solo rivetto, anche questo tipica riparazione da arsenale.
    Notare infine i rivetti bordati, che possono essere indifferentemente bellici come anche postbellici di primo periodo, probabilmente usati fino a esaurimento scorte, poi divennero più bombati, grosso modo negli anni 70.
    Per inciso, negli elmetti ante 1939-1940 si trovano quasi sempre invece i rivetti areatori sensa bordo ma con foro più piccolo e con solo due linguette interne.







Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato