Pagina 7 di 44 PrimaPrima ... 5678917 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 435

Discussione: ELMI ED ELMETTI FARINA (database)

  1. #61
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079

    Elmi ed Elmetti Farina (identificazione originali)

    italrest.gif


    Ciao a tutti. Anche questa settimana, puntuale come la morte, è arrivato su Ebay il Farina tarocco di K. Ho assistito impotente all`offerta di un malcapitato e, anche se è giusto che ognuno sia libero di commettere i propri errori, la rabbia in me ha cominciato a crescere. Sono stato tentato di scrivere all`offerente per avvisarlo e poi a K. Per intimargli di smettere! Poi ho pensato che chi offriva poteva essere proprio K. Insomma, l`idea che, per l`ennesima volta, un povero collezionista alle prime armi impiccasse un migliaio di euro dei suoi risparmi in un farina visibilmente falso e in buona fede mi ha mandato in bestia. Smettiamola di dire che sono fatti bene e indistinguibili! Su questo forum sono apparsi originali magnifici e K. Orrendi! Non comprate più niente che sia corroso da acqua e sale, di scavo o da grotta. I veri Farina dipinti a mano sono riconoscibilissimi e, anche se in parte corrosi, MAI RUGOSI come i K. !! Il mio invito a tutti i Bayer è di scrivere in gruppo a K. " SMETTILA, NON CI CASCA PIU` NESSUNO!". Scusate lo sfogo e statemi bene. Ciao a tutti . Marco
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  2. #62
    Moderatore L'avatar di Quex
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,329
    Ciao Marco,
    vorrei ricordare che il venditore K. ha una serie di falsi in
    vendita dall'elmo Farina allo schirmmutze SS; a mio avviso
    non serve creare liste di "falsari doc" l'unico mezzo di
    contrasto di questo fenomeno di malaffare e la discussione
    seria ed incontrovertibile supportata da foto ed esperienze
    personali. Ti invito ad aprire un topic sui falsi Farina
    dove ognuno di noi possa dare il proprio contributo per
    debbelare questa piaga.
    un saluto
    Raffaello
    Occorre molto tempo affinche' una buona idea faccia il giro della testa di un coglione.
    L.F.Celine

  3. #63
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    Caro Quex, hai senz'altro ragione. Forse mi sono lasciato trasportare. Ma vedi che i topic in cui abbiamo ampiamente discusso e documentato i veri e i falsi sono seguiti solo da noi o da addetti ai lavori , non tutelano i "tapini" e soprattutto lasciano credere ai K. di poter continuare a far fesso qualcuno, gettando discredito sul militaria ed esortando altri filibustieri a fare altrettanto.
    Tu sai quanto sia diffusa la piaga dei tarocchi nel nostro settore e mi piacerebbe che ogni tanto la massa silenziosa si facesse sentire dicendo che c'è un limite invalicabile tra il restauro e il falso, tra il commerciante e i ladro. Penso che questo sia anche un dovere per chi se ne intende più di altri e penso che tutti abbiamo il diritto di frequentare luoghi come Novegro con serenità* e serietà*
    solo dopo aver segnato a dito avventurieri e profittatori. Questo sicuramente non può essere fatto nel forum e forse non so neanche come possa essere fatto.....e la rabbia mi sale. Pazienza....
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  4. #64
    Moderatore L'avatar di Quex
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,329
    Caro Marco,
    il rischio che corre chi si addentra in un collezionismo come il
    nostro e' enorme, le cifre richieste ed il guadagno facile hanno
    alimentato l'industria del falso che ha trovato nei Paesi dell'Est
    bravi artigiani e costi di produzione che hanno permesso la
    produzione "in serie" di questi oggetti. Non giustifico chi
    vende militaria falsa, pero' addebbito a chi la compra una
    superficilita' spesso al limite dell'incredibile, basterebbe
    guardare gli oggetti in vendita di K. e le sue passate transazioni
    per capire che "l'affare" proposto dal venditore ad un prezzo
    ragionevole e' cosa assai rara se non impossibile.
    Purtroppo ci sara' sempre qualcuno pronto a crederci....
    un saluto
    Raffaello
    Occorre molto tempo affinche' una buona idea faccia il giro della testa di un coglione.
    L.F.Celine

  5. #65
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    A mio "intelligente" ma modesto parere, ogni oggetto dovrebbe essere accompagnato da una perizia o expertise (è più figo stò nome) di qualche perito iscritto alla camera di commercio di una qualsivoglia città*. Il perito non deve dichiarare il valore del prodotto (sarebbe assurdo) ma constatarne l'autenticità*. Ci sono periti e perizie per ogni cosa, ci sono ben 20 categorie con altrettante sub-categorie, pensate, c'è anche, nella 7° categoria, la sub-categoria DIVISE MILITARI, per cui esiste un perito anche lì e visto che ormai le perizie sono di norma anche nella numismatica e nella filatelia, ma anche nei giocattoli, nelle fotografie d'arte, ecc., non capisco perchè non possa esistere un perito e una perizia nella militaria.
    A me non sta più bene che TIZIO o CAIO, noto collezionista del settore o SEMPRONIO, noto commerciante da anni, mi dicano che il prodotto che sto acquistando è buono, perchè questo non mi basta più!
    Io e tanti di voi non possono sempre star li con mille dubbi prima e dopo un acquisto importante e allora visto che in altri settori le perizie e i periti vengono usati non vedo il motivo per non chiedere perizie anche alle fiere.
    Non capisco, a me chiedevano perizie per tappeti, chiedono perizie per i mobili antichi, anzi qui il discorso è più complicato visto che un mobile antico o "fine 800" come si usa dire, dovrebbe sempre avere una perizia e ogni mobile dovrebbe essere fotografato e catalogato presso gli uffici dei beni culturali.
    Comunque alla fine di questo mio discorso è che ogni oggetto che superi determinate cifre dovrebbe essere accompagnato da una perizia e non mi basta più sentirmi dire "ma si, tanto te lo cambio", oppure "mah, per me è buono, l'ho trovato in soffitta", no, non basta più e visto che, come già* detto, i periti esistono e le perizie vengono fatte facciamo in modo che i nostri acquisti vengano accompagnati da questi pezzi di carta.
    Poi, se qualcuno vuole vendere un oggetto a prezzi decisamente fuori di testa lì sta a noi decidere se vale o no la pena, ma almeno siamo sicuri che un oggetto è sicuro e la certezza si può avere, credetemi.
    Dimenticavo, la perizia non incide mai sul costo di un oggetto.
    Saluti
    corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  6. #66
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    L`idea della perizia non sarebbe sbagliata, così come ogni cosa che acquistiamo è in genere seguita da garanzia, Piccolo problema: i periti di tribunale del settore in Italia si contano su una mano. Una perizia non aumenta il costo dell`oggetto solo se chi la rilascia è lo stesso venditore che, nella quasi totalità* dei casi, non è un perito di tribunale ed in ultimo ti garantisco che, visto che ne ho già* fatte fare, sono carissime. Se poi qualcuno ha avuto modo di parlare con i cosiddetti periti avrà* notato che spesso ne capiscono meno di molti appassionati e che i loro testi di riferimento sono quelli che tutti noi abbiamo in casa. (.....Siamo in Italia e i titoli valgono quanto valgono). Concludendo sono d`accordo con te: sta a noi abbandonare l`idea del "colpaccio", la cose rare costano e bisogna studiare e confrontarsi per non farsi fregare. Per venire comunque in aiuto del neofita proporrei di dedicare un topic al riconoscimento dei falsi di ogni tipo attraverso descrizioni accurate e foto dei nostri materiali. Ciao a tutti.


    Immagine:

    96,72*KB


    Immagine:

    52,84*KB
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  7. #67
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Salve ragazzi, utilissimo topic questo. Il vero problema dei falsi è che i tarloccatori acrescono di anno in anno la qualità* produttiva in maniera esponenziale ed esasperante, non solo nel campo dei farina ma devo dire nella militaria in generale.
    All'ultima militalia - come avevo evidenziato pochi giorni fa in altro topic nelle stanze dedicate alla Militaria Starniera - mi sono cadute le braccia davanti a delle Stirnpanzer false che mai ad ora avevo avuto modo di osservare di così buona qualità*. Sono riusciti ad eguagliare anche il suono delle genuine le quali notoriamente erano pressate e forgiate con macchinari non certo alla portata dei falsari. Mi interrogo a volte su quanti anni dovranno ancora passare prima di vedere perfettamente riprodotti anche strutturalmente e non solo nelle vernici ed accessori, gli elmetti bellici italiani e tedeschi della grande guerra.
    Vale ancora la pena di fare dei sacrifici oggi per arrichiere le nostre collezioni con dei pezzi genuini quando tra un pò di tempo il falso di qualità* farà* scadere e deprezzare l`originale.
    Devo confessare che in alcune occasioni passate sono stato sul punto di piantare tutto e cambiare proprio genere di collezionismo, certe bidonate.... da queste invece ho ricevuto lezione di vita nonchè lo stimolo per approfondire nel minimo dettaglio ogni cosa che mi passa davanti. La difficoltà* per l`appasionato, nella maggioranza dei casi, è la mancanza di adeguata documentazione fotografica e/o storica nonchè i pezzi sicuramente genuini con cui potersi riferire per ogni confronto. Ben vengano dunque i forum di militaria (fino a qualche anno fà* assenti in italiano) dove potere attingere spiegazioni esperienze e ragguagli tecnici evitandoci brutte ed odiose sorprese.
    Mi spiego meglio, fino a circa dieci o quindici anni fà* il collezionista medio italiano doveva riferirsi unicamente al Marzetti edizione 83 con scarne fotografie in bianco e nero. Adesso per fortuna non più, tuttavia siamo ancora carenti di buone pubblicazioni nazionali.
    Sarebbe interessare aprire magari una apposita stanza, un apposito contenitore da adibire specificatamente al falso d`autore (stanza degli orrori) dove postare e segnalare il K...v di turno (a proposito di misteri, in cento e passa transazioni non ha beccato ancora un solo feedback negativo ? ) potrebbe essere un utile strumento non dispersivo, diciamo un osservatorio per classificare chiaramente motivare punto per punto, il "certamente falso" con tutti i perchè.
    Le perizie sarebbero sicuramente un ottimo strumento di tutela, ma nella complessità* epocale della militaria credo sarebbe estremamente difficile individuare chi è sicuramente titolato a rilasciarle, se deve finire come nella filatelia e/o numismatica, date retta, è meglio lasciare perdere.
    Chiudo al momento il mio post con un bel farinello sano, sano, sano:


    Immagine:

    65,08 KB

    Immagine:

    63,91 KB

    Immagine:

    77,26 KB
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  8. #68
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    BELLISSIMO il farinello ante K.!!!
    Dimmi che il K. riesce a farne di simili??
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  9. #69
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    ciao a tutti!
    Molto vera la storia dei periti ma purtroppo qui siamo in Italia e se la perizia di un CTU vale per un giudice della Repubblica italiana anche nel dibattimento penale mi vedo già* le battute al limite del sarcasmo in un consesso tipo quello di Novegro.... Questo per colpa di moltissimi sedicenti esperti che in realtà* non hanno nessun titolo per poter operare e rilasciare perizie. Per diventare CTU (Consulente Tecnico Ufficiale del giudice presso il Tribunale es. di Milano) e non semplicemente CT (Consulente Tecnico afferente ad un Tribunale) non è cosa facilissima, bisogna dimostrare mediante pubblicazioni (non 10 o 15...!) di avere una capacità* tecnica particolare, dopodiche una commissione si riunisce, due volte all'anno, e stabilisce o meno l'idoneità* del candidato che nel 90% dei casi viene rigettata. In teoria non esiste una categoria per l'uniformologia, è un estensione di quella "Balistica, Prodotti esplodenti" ma in alcuni rari casi è stata rilasciata, che io sappia ad oggi, nel Tribunale di Milano ce ne sono due.
    ciao
    Mauro

  10. #70
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Comprerò dei farina dal K... almeno sono sicuro che sono falsi!!!!!!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

Pagina 7 di 44 PrimaPrima ... 5678917 ... UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato