Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Ma assolutamente no. Ma tu sei mai andato a fare un giro in un bosco in una zona in cui c'è stata la guerra? Io si e ti posso assicurare che le bombe si trovano anche in superficie, non c'è bisogno di andare a scavare (non è che me lo invento, ho le foto e ce ne sono tante anche qui sul forum) Giusto per fare un esempio, un bimbo pochi giorni fà* ha trovato una decina di mine antiuomo lungo le rive di un fiume a Firenze. E' logico che se uno trova una bomba, la porta a casa e la disinnesca, la colpa è sua che commette un reato e mette a rischio la vita degli altri (su questo siamo tutti d'accordo). Ma il punto è che in un paese civile non ci devono essere bombe sparse per il territorio, sopra e sotto la terra. Non è normale che uno vada a fare una passeggiata in montagna e trovi delle bombe che affiorano dalla neve e non è normale che uno che va a funghi trovi delle bombe a mano (cosa successa in Liguria) e la colpa di chi è, di quello che va a funghi? Comunque se non ci credete sono in grado di trovare tutti i topic di questo forum in cui sono visibili foto di bombe in superficie e di postare le mie.

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,790

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Signori vi richiamo all'ordine.
    Non siamo qui per attribuire colpe a nessuno e nemmeno dobbiamo stabilire quello che è giusto o sbagliato, esiste una legge e va rispettata punto e basta. I contorni non ci interessano minimamente.

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Sto semplicemente spiegando con serenità* come stanno realmente le cose. Non ho nessun interesse ad attribuire colpe a nessuno, mi limito solo a riportare i fatti, tutto qui.

    le mine
    viewtopic.php?f=65&t=16749

    proiettile sul ciglio della strada
    viewtopic.php?f=65&t=15837&p=437243#p437243

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    922

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Caro Fabio mi capita tutti gli anni, di girare dove c'è stata la guerra, da almeno 30 anni (dolomiti, Asiago, ecc. solo per citare qualche posto...). Tra le altre cose, grazie al servizio militare che ho fatto (tanti anni fa), ho la qualifica di artificiere esplosivista (anche se non esercito)....credo di sapere, più o meno, di cosa parlo.
    Che si trovino ordigni in superficie capita, raramente ma capita, il 95% degli ordigni provengono dal sottosuolo (o sott'acqua) questo è innegabile.

    prendiamo ad esempio questo topic; zona Mori, lago di Garda-Rovereto, l'esplosione è avvenuta perchè il tizio "smanettava" su un ordigno nella sua abitazione....non credo che l'ordigno fosse stato in superficie in casa sua.

    E quel signore (buonanima) di Asiago morto perchè lavorava col flessibile su un 10 cm austriaco in garage? Anche quello di sicuro non era stato trovato in superficie in garage.

    Il problema è un altro, non è colpa dello Stato che non bonifica (prova a pensare di fare una bonifica preventiva di tutte le zone del paese a rischio bellico.....ci risistemi il debito pubblico per i soldi da spendere), la colpa anzi l'incoscenza è di chi le cerca (sottoterra ma anche no) per poi metterci le mani.

    Gli ordigni vanno sempre segnalati alle forze dell'ordine. Lo Stato ha le leggi sta al cittadino rispettarle.....

    Volendo aprire un altro capitolo la domanda da porsi è come fanno molti recuperanti, che postano in questo forum, a trovare ordigni esclusivamente inertizzati................ma questa è un'altra storia

    ti posto il link di un amico che svolge bonifiche
    http://www.snbsrl.it/index.html

    salutoni

    marcuzzo
    Il mio avatar è la foto di Arthur Kueger, Feldwebel ferito a Stalingrado, mancato nel gennaio 2009

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Ma guarda che io sono serenissimo. Questo è uno dei tanti topic che riportano la notizia di qualcuno che è rimasto ferito nel tentativo di disinnescare bombe. Io ho sempre risposto a tutti colpevolizzando queste persone, la colpa è loro ( ci mancherebbe altro che mi mettessi a difendere uno che commette un reato). Quello che intendo dire io è che se queste bombe non ci fossero, automaticamente non ci sarebbe più il problema dei delinquenti che le cercano per svuotarle. Che facciamo, lasciamo per i prossimi mille anni tonnellate di bombe sotto i nostri piedi? E' costoso, ma pian piano, anno per anno bisognerà* anche toglierle, almeno quelle in superficie che qui da me ci sono ancora.

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    922

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Son sereno anch'io ....

    certo che non si può stare con gli ordigni in superficie (e non), vanno segnalati alle autorità* e non toccati......questa è la prassi confermata dalla legge.

    ciao
    marcuzzo
    Il mio avatar è la foto di Arthur Kueger, Feldwebel ferito a Stalingrado, mancato nel gennaio 2009

  7. #17
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: ESPLOSIONE IN GARAGE MENTRE DISSINNESCA UN 22 MM

    Il sito del bonificatore professionista è molto interessante!
    Ha addirittura ricevuto incarichi dal Ministero della Difesa stesso, 'aspita!

    Normalmente gli ordigni provengono da "sotto" o perchè si infilano in profondità* in fase di "atterraggio" o perchè, come tutto ciò che pesa più dell'aria, finiscono sotto terra nel passare degli anni....
    Il grosso della bonifica avvenne già* a partire dai primi anni dopo la guerra, con buona efficacia e con una copertura amplissima.
    Operare, oggi, una ricerca sistematica ed estensiva, come all'epoca, mi sembra davvero una "non priorità*" di politica economica e molti griderebbero allo scandalo e allo spreco di risorse pubbliche.

    Io, piuttosto, parafraserei Kennedy: "non chiedere cosa lo Stato può fare per te, ma cosa TU puoi fare per lo Stato..."
    Purtroppo, infati, quando emergono ordigni, non sempre le autorità* vengono avvisate.
    E qui si tratta di senso civico. Forse si potrebbe sensibilizzare un pochino di più le popolazioni che vivono in certe zone, anche solo con cartelli informativi, ai bordi dei boschi.
    Non ho mai sentito di autorità* che, avvisate ed informate, non siano intervenute tempestivamente.
    Ricordo, invece, di aver fatto due chiacchiere con un vecchio ex bracciante agricolo, ormai morto, che mi diceva che, nella zona in cui lavorava negli anni '50, emergevano spessissimo granate di ogni calibro.
    Quando gli chiesi cosa facesse, mi rispose "le gettavano nel fosso, al confine tra i campi".
    Alla domanda... "perchè non chiamavate gli artificieri?" mi rispose, candidamente: "Una volta l'avemo fatto... sai che hanno fatto, loro? Sò venuti, hanno messo tutte le bombe insieme e le hanno fatte brillà*... A quel punto... se devono sartà*... sartassero da sole...!"
    Probabilmente gli scocciava dover ricoprire le buche, chissà*...
    Che dire?

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato