Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: ESTATE 44

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    1,986

    ESTATE 44

    ciò che stò x raccontarvi è quello che successe in un paese fra le apuane di Carrara una domenica di agosto del 44.
    il paese si chiama Castelpoggio ed è situato a circa 800 mt di altura sopra Carrara ed è attraversato dalla strada provinciale che collega la Toscana all'Emilia ed alla Liguria e forse proprio x questo l'esercito di occupazione si insedio a forte bastione(conosciuto dai mettalari) .
    la domenica del 20 agosto una guarnigione tedesca percorrendo la carrozzabile che conduce in città* ingaggia un conflitto a fuoco con con una brigata partigiana che stava percorrendo una mulattiera in cui 2 tedeschi rimangono colpiti a morte.
    entro breve la notizia raggiunge il paese nel quale pare che si stesse festeggiando anche un matrimonio ed in un batter d'occhio si crea un panico generale.
    ne rimane una frazione fantasma la cui popolazione si rifugge nei boschi adiacente finché il giorno 21 i tedeschi accompagnati dai mai morti carrarini circondano il paese e chi rimane fra le maglie del rastrellamento viene condotto in visita alla località* ponte storto dove incontrarono la morte i 2 tedeschi ed in cui al loro posto giacevano in quel momento 2 cadaveri dei loro paesani.
    nei giorni successivi ci furono vari rastrellamenti operati dalle ss e dalle brigate nere in cui trovarono la morte anche un paio di bambini di 3 e 5 anni diverse giovani donne poco + che ventenni ed un giovinetto di 13 anni, il numero delle vittime dovuto alla rappresaglia si aggira sulla ventina . ovviamente come di consuetudine nella mia zona dopo il primo rastrellamento il paese viene dato alle fiamme ma grazie alla tenacia montanara il paese verra ricostruito ed è li a testimonianza di ciò che accadde e inizio quel 21 agosto 1944.
    affrontare l'impari lotta contro l'ocupante con tutte le conseguenze di sacrifici e di sangue che comportava, o rinunciare, per un lungo periodo di tempo, alla prospettiva di indipendenza nazionale e alla conquista di un regime democratico

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    172

    Re: ESTATE 44

    i mai morti erano una compagnia del Btg. Sagittario della X^ MAS, operarono a Carrara solo per fare propaganda di arruolamento nella Decima. Non parteciparono a nessuna azione a Castelpoggio poichè impegnati sul fronte est contro gli slavi. Casomai parteciparono aliquote delle GNR di La Spezia unitamente ad aliquote del 163° Festum Brigade tedesca. A Carrara vi era una sparuta guarnigione di GNR fra i quali vi era il fratello di Renato Ricci che venne ucciso alla schiena dal paritgiano Memo il 5 Novembre del 1944. Non avvennero rappresaglie proprio perchè non volute da Renato Ricci stesso, il quale bloccò Pavolini, Colombo della Muti, la Resega e persino Kesserling. Non avvenne quindi alcuna rappresaglia proprio grazie a Ricci stesso (di origini carraresi) il quale ebbe a dire: "chi ha ucciso mio fratello è un bastardo carrarese ma non un carrararese, non voglio altro spargimento di sangue fraterno". L'uccisione del fratello di Ricci quindi, non fu che un atto terroristico. Per quanto concerne Castelpoggio, la rappersaglia avvenne proprio perchè i partigiani comandati dal Memo ( di cui l'OSS ebbe a redigere documentazione nella quale si ravvedevano nel fornire loro le armi in quanto nè partigiani, nè comunisti, ma solo banditi che seminano il panico fra la popolazione civile- se vuoi ho il documento in copia originale redatto così) ebbero la "brilante idea" di attaccare un plotone di soldati della wermacht e quindi la rappresaglia della 16^ SS non potè che esserne la diretta conseguenza, così come recita il codice militare e gli ordini impartiti da Kesserling stesso. Come loro soliti, si nascondevano alle cave, scendevano di notta attraverso il paese, e lo ripercorrevano ritornando a Campo Cecina, ben sapendo che così facendo, avrebbero messo di mezzo i civili...in città* a Carrara, molti erano terrorizzati non dai tedeschi, ma dal Memo e la sua banda.....Il Memo dopo la guerra fu "inviato" In Cecoslovacchia per alcuni anni, poichè se fosse rimasto in Italia sarebbe stato processato...fu Togliatti poi con l'amnistia a fare rientrare lui ed altri "eroi"...
    Ergo: Castelpoggio, Santerenzo, Vinca, Sant'Anna, Marzabotto...stragi certamente compiute dai tagliagole della 16^, ma scatenate dai partigiani, sui quali pende la responsabilità* morale di ciò.
    Forte Bastione, costruito alla fine dell'800, divenne sede ed osservatorio protetto, in comunicazione con il centro radio nel bunker di Nicola per le truppe tedesche ma non ebbe un ruolo fondamentale se non negli ultimissimi giorni di guerra (9-10 Aprile del '45). Il comando della 16^ SS soggiornò per alcuni giorni a Carrara e precisamente nella zona chiamata "la perla", ove la Wermacht posizionò dei cannoni, alcuni finti, di legno, altri no, perfettamenmte funzionanti, che sparavano sulla linea verde a Pietrasanta.
    Sulla liberazione di Carrara ad aprile del 45 ed ancora prima a novembre del 44 per alcuni giorni, si trattò nel secondo caso di abbandono da parte della GNR e di parte delle truppe tedesche dei presidi della Caserma Dogali. Carrara non nera strategica, lo erano le zone al Cinquale e al catenaccio di Massa (Massa Rigel). Le zone non strategiche non erano presidiate dai tedeschi ed i pochi militi della GNR avevano il compito di presidio e nulla più.Nell'aprile del 45, gli uomini tedeschi presenti a Carrara erano una ottantina, i quali erano ubicati alla Dogali nel rifugio antiaereo e si arresero ai partigiani si, certo, ma solo perchè la guerra era finita, infatti neppure un'ora dopo i Nisei entrarono in città*. Fra le altre cose erano militi territoriali, senza alcun compito operativo....Parlare quindi di liberazione.........il Memo uccise a sangue freddo un soldato tedesco sul ponte baroncino poichè questo, arresosi, non aveva capito che egli voleva i suoi stivali.....gli sparò in faccia, lo denudò e lo derubò. Vi sono testimonianze di ciò.Seppur taciute per paura di rappresaglia.........
    Concludo quindi permettendomi di scriverti che le cose andarono come dici tu, ma chi volle la distruzione di Castelpoggio, a monte di tutto, furono i partigiani, rei di molti furti, di molte rapine, con armi in pugno e minacce gia nel 44 e poi dopo nel 45 con le varie chiamate al "sesto braccio" della Dogali, o come la fucilazione previa preparazione della fossa dell'Ispettore Profili, poliziotto a Carrara durante il Regime, uomo di provato senso del dovere e di provata umanità*. Venne fucilato dai partigiani dopo essere stato picchiato selvaggiamente solo perchè rappresentava la pubblica sicurezza.....perchè era...scomodo....ma potrei continuare sulla storia dei partigiani che si sono impossessati della cave di marmo....e via dicendo...lo farò in altra sede.
    Uccidendo due soldati, una staffetta, o sabotando un ponte....non hanno certo vinto loro la guerra....
    che si sappia anche questo lato della "guerra" partigiana a Carrara.
    E non sempre le solite retoriche antifasciste che lodano e imbrodano dei banditi ribelli ladri senza divisa e senza Onore.
    "PIU' BUIO CHE A MEZZANOTTE NON VIENE" . Motto degli N.P. della X^ M.A.S.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: ESTATE 44

    Se non sbaglio, il "Mai Morti" che era un gruppo di 30 persone al comando di Beniamino Fumai, venne espulso dalle Camice Nere e spetito alla X^MAS (dove ebbe vita breve) da Pavolini, perchè troppo fanatici e indisciplinati. Il Comandante Borghese, che si vide capitare tra capo e collo questa "patata bollente", li inquadrò nel battaglione "Sagittario", ancora in formazione, dandone il comando al Fumai nella speranza che questo si calmasse, ma non fu così... Infatti Fumai entrò ben presto in contrasto con i comandi della Divisione X^, pretendendone addirittura il comando! E alla fine dopo altri contrasti e vicende, dal Comandante Borghese, il c.c. Fumai venne espulso anche dalla X^, seguito solo da alcuni dei suoi uomini più fedeli.
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  4. #4
    Amministratore
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    2,540

    Angry Re: ESTATE 44

    Ricordo che le argomentazioni politiche, di qualsiasi tono e parte, sono vietate dal regolamento.


    WW
    Amministratore

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    172

    Re: ESTATE 44

    @ silent brother:
    è in vendita un interessante libro sul "Sagittario" e sulla Compagnia "Mai Morti"; il battaglione Sagittario venne costituito nei primi mesi del 1944 (Aprile)presso la Caserma San bartolomeo a La Spezia con la fusione del gruppo "Mai morti" di Trieste ed i Volontari che affluirono alla Decima da ogni parte d'Italia, il Comandante Borghese confermà* alla testa dell'Unità* il Cap. Corv. Beniamino Fumai. Il Battaglione conserva il motto e il vecchio fregio è conservato ad oggi presso una teca di Palzzo Borghese ad Artena. Fumai proveniva da Trieste con un gruppo di Volontari, anche loro tirestini. Ma non furono nè lui nè i loro uomini a partecipare all'azione descritta nel post di cuit.
    Questo lo so da fonti storiche reducistiche. Come dice lei, Fumai venne poi sostituito, poichè aveva la fama del "duro" ed a memoria, operò anche ad Agliè poi venne sostiuito dal Comandante Franchi. Ma di ciò posso recuperare documentazione per essere più preciso. Di sicuro lui ed i suoi uomini non furono dei teneri e crearono non pochi problemi anche ai vertici della Decima.

    @ll'amministratore:
    Le chiedo scusa se sono scivolato sull'argomento politico, ma se si racconta una scheggia di storia, come quella di Castelpoggio, o la si descrive puntuamente e veritiera, basandosi sui fatti, sulle date e a mezzo di riscontri scentifici ottenuti a mezzo di vere richerche storiche presso istituti, archivi, racconti di tutti i reduci, e della popolazione all'epoca residente, o altrimenti si finisce per raccontare la soilita novella con il solito finale.
    Non sono uso trattare di argomentazione politica in rete, neppure sulla mia pagina di Architettura Italiana, tampoco mi ripermetterò di farlo quì.
    Fra i miei interessi, vi sono anche le ricerche storiche dell'Architettura Militare e la storia della Linea Gotica nel versante Tirrenico, precisamente la Garfagnana e il versante Apuano sino a Punta Bianca.
    Di nuovo Le chiedo scusa, ma la storia non si falsa. Si racconta per intero. E vera.
    La ringrazio per aver dedicato il suo tempo nel leggere queste mie righe.
    "PIU' BUIO CHE A MEZZANOTTE NON VIENE" . Motto degli N.P. della X^ M.A.S.

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: ESTATE 44

    Permettete un parere personale che penso sia condiviso da molti amici del Forum:
    Questo tipo di discussione su avvenimenti storici che coinvolgono la popolazione civile è molto a rischio perché coinvolge emotivamente chi lo redige, in particolar modo se la sua storia personale è legata alle località* indicate...
    Nonostante ciò per chi usa il buon senso questo dialogare è preziosissimo perché aiuta nella ricerca di un'inquadramento obiettivo dei fatti ripulendo le informazioni dalle inevitabili deformazioni imposte dal tempo che è trascorso e dalle fonti utilizzate.
    Per cui se vi interessa veramente studiare gli avvenimenti metteteci la passione che merita ma usate un'attenzione critica e lucida su ciò che scrivete traendo vantaggio dagli apporti di tutti per ottenere un lavoro veramente valido.
    Ricordate, siamo qui per fare un "lavoro" insieme e non l'uno contro l'altro. Abbiamo raggiunto potenzialità* enormi con la nostra comunità*, mostrate a tutti che World War può diventare un punto di riferimento nel mare della ricerca storica!
    Continuerò a seguire questa discussione con interesse
    Centerfire
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  7. #7
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vP006496
    Messaggi
    1,253

    Re: ESTATE 44

    Citazione Originariamente Scritto da architetto
    Ergo: Castelpoggio, Santerenzo, Vinca, Sant'Anna, Marzabotto...stragi certamente compiute dai tagliagole della 16^, ma scatenate dai partigiani, sui quali pende la responsabilità* morale di ciò.

    fammi capire
    se io ammazzo un tedesco e poi questi sterminano qualche migliaio di persone , questi macellai possono sentirsi la coscienza a posto perche' la "responsabilita'" e' mia ?
    puoi spiegare questo ?

    grazie

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: ESTATE 44

    TOPIC CHIUSO
    luciano

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •