Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Feldbluse m. '43

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Fano (Pesaro)
    Messaggi
    633

    Feldbluse m. '43

    Riprendiamo il discorso interrotto sullo studio analitico delle Feldbluse dell’esercito, questa volta con quella che è l’ultima variante di questo capo di uniforme, la modello ’43. Qualche mese dopo la sua produzione sarà soppiantata da un altro modello di nuova concezione abbandonando definitivamente il tradizionale design maturato nel corso di centinaia di anni.

    [center:2jv2lx4m][attachment=24:2jv2lx4m]29898.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    Verso la fine del 1943, a causa delle ingenti disfatte militari, le sorti della Wehrmacht cominciavano ad essere pericolosamente minate. Nel Reich la produzione industriale non accusava il colpo rispetto gli anni precedenti grazie ad una mirata strategia di produzione standardizzata ed economicizzata al massimo. Nel settore tessile, grazie alla costante ricerca e sviluppo, si dotava i soldati di uniformi quanto migliori si potesse nonostante le restrizioni del periodo.

    [center:2jv2lx4m][attachment=23:2jv2lx4m]tedeschi.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    Il panno necessario per la manifattura dei capi da uniforme era ormai composto dal 65% di fibra tessile, comunemente chiamata Rayon, un prodotto artificiale/naturale derivante dalla cellulosa degli alberi già in uso fin da prima ma in proporzioni nettamente inferiori. La misera rimanenza di lana era per il 90% di tipo riciclato e rilavorata da altri capi. L'abbigliamento così prodotto, oltre a trattenere poco il calore, risultava anche di varie tonalità di colore a causa di una tinteggiatura inadeguata, perdendo di fatto il caratteristico Feldgrau dei modelli precedenti.
    A causa della mediocrità delle materie prime, la vestibilità delle uniformi risultò molto più scomoda congiuntamente ad una degradamento sempre più veloce. In aiuto a questo problema, venne incontro la politica di requisizione delle materie prime presso le nazioni vinte. Con il sequestro di ingenti quantitativi di panni ai magazzini del regio esercito italiano arresosi agli Alleati dopo l’8 Settembre 1943, la produzione tessile si diresse verso nuovi tessuti di italica origine quali il panno Ortica, la Gabardina ed il tessuto Olona, contribuendo ad alzare anche se di poco lo standard qualitativo.
    In questo contesto, l’immagine marziale del soldato tedesco che imperava all’inizio della guerra con le sue divise sgargianti e impeccabili, lasciava il posto ad una più sciatta e trasandata relativa a questi ultimi anni di guerra.

    [center:2jv2lx4m][attachment=25:2jv2lx4m]Immagine 506.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]


    In mancanza di documentazione ufficiale, per cercare di capire in quale ordine cronologico iniziò la distribuzione della nuova Feldbluse occorre fare qualche considerazione astratta. Le prime fotografie che ritraggono la modello ‘43 in panno al fronte risalgono alla fine del 1943/inizio 1944, anche se le prime giacche in cotone tropicale dello stesso modello furono distribuite ai soldati in Africa nel contesto della difesa della Tunisia già nel Maggio. Considerando che le giacche in panno e quelle in cotone erano prodotte contemporaneamente, l’ipotesi è che all'inizo le giacche in panno furono distribuite alle sole reclute dislocate in Germania poi, nel tardo 1943, ai soldati al fronte.

    [center:2jv2lx4m][attachment=22:2jv2lx4m]m43.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    Dal punto di vista estetico, la variazione più evidente rispetto al modello precedente (1942) è relativa allla forma orizzontale dei battenti delle quattro tasche in luogo di quelle sagomate a parentesi graffa che caratterizzava fin dalle origini tutti gli altri modelli, a partire dalla Feldbluse mod. ‘33. In verità, non essendoci un ordine ufficiale in merito che stabiliva questa modifica, si pensa ad una iniziativa personale di alcune grandi sartorie poi diffuse man mano a tutte le altre col fine di velocizzare ed economizzare ulteriormente la produzione.

    [center:2jv2lx4m][attachment=20:2jv2lx4m]'.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    Ricordando gli ordinamenti ufficiali, ne abbiamo un paio interessanti: uno in particolare datato 23 Giugno 1943 (HM 43, N° 559), annunciava l’adozione di una nuova camicia con colletto (Trikothemd). La conseguenza diretta fu la sparizione progressiva della cravatta da collo (Kragenbinde) che diventò di fatto obsoleta con l’uso della Feldbluse accoppiata alla nuova camicia.
    Di seguito si riportano le rigide indicazioni di indosso: il colletto della camicia dovrà rimanere normalmente nascosto ma, quando indicata, vi sarà la possibilità di indossarlo esternamente. Nel caso specifico, con il colletto della Feldbluse chiuso (anche con il gancetto quindi) la camicia dovrà apparire solo per 2 cm sul davanti e 0,5 cm tutto intorno. Diversamente, quando aperto col solo primo bottone slacciato, il colletto della camicia potrà, se ordinato, sormontare quello della Feldbluse. L’angolo di apertura dei due effetti dovrà essere esattamente uguale.

    Un’altro ordine ufficiale datato 1 Aprile 1943 (HM 43, N° 364), sopprimeva il sistema di bretellaggio interno atto al sostegno del cinturone e relativo affardellamento. Ovviamente si trattava di un ordine controverso vista l’eliminazione da parte delle sartorie dalla Feldbluse già nell’estate del 1942 in favore di due linguette cucite direttamente sul corpo della giacca.

    Vista internamente, la foggia della giacca è identica al modello precedente condividendone le economiche caratteristiche costruttive caratterizzate dalla presenza massiccia della fodera di rayon (in diversi casi anche di tipo italiano) con qualche piccola eccezione sconfinante nel cotone, rimanenza di chissà quale magazzino vestiario o preda bellica.

    Riguardo la mostreggiatura, si tratta dell’ormai ben collaudato tipo a bassa visibilità consistente in un paio di mostrine grigio topo mod. ’40 cucite direttamente al colletto, un paio di spalline mod. ’40 realizzate con panno Feldgrau profiato col colore d’arma ed una aquila in filo grigio su fondo Feldgrau (mod. ’40) cucita perimetralmente come consuetudine anche se alcune sartorie preferivano cucirla triangolarmente col fine di risparmiare tempo.
    [center:2jv2lx4m][attachment=21:2jv2lx4m]c.jpeg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    La Feldbluse mod. ‘43 venne prodotta fin tutto il 1944 inoltrato. Le ultime erano caratterizzate sovente da un’aquila modello ’44. Nell'ottica di velocizzarne ulteriormente la produzione, alcune sartorie per la prima volta nella storia, cucirono l'aquila da petto sopra la fodera interna.

    foto sotto: Feldbluse m '43 in panno riciclato tedesco.

    [center:2jv2lx4m][attachment=11:2jv2lx4m]4.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=10:2jv2lx4m]5.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=9:2jv2lx4m]6.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=8:2jv2lx4m]1.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=7:2jv2lx4m]2.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=6:2jv2lx4m]3.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    foto sotto: produzione in Ortica italiana.

    [center:2jv2lx4m][attachment=5:2jv2lx4m]14.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=4:2jv2lx4m]13.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=3:2jv2lx4m]12.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=2:2jv2lx4m]15.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=1:2jv2lx4m]16.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=0:2jv2lx4m]17.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    foto sotto: produzione in Gabardina italiana. Questa Feldbluse è stata consegnata nel 1944 presso il deposito di Erfürt.
    [center:2jv2lx4m][attachment=19:2jv2lx4m]file_017.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=16:2jv2lx4m]5.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=17:2jv2lx4m]file_022.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=18:2jv2lx4m]file_005.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]

    foto sotto: giacca in panno riciclato caratterizzata da numerose modifiche sia rispondenti alla moda dell'epoca (accorciamento dell'orlo inferiore fin sopra sopra il sedere) che estetiche ricordanti i fasti dei modelli prebellici (colletto e spalline sovrapannate verde bottiglia, aquila modello precoce ecc...).
    [center:2jv2lx4m][attachment=15:2jv2lx4m]file_005 (2).jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=14:2jv2lx4m]file_003.jpg[/attachment:2jv2lx4m]
    [attachment=13:2jv2lx4m]file_002.jpg[/attachment:2jv2lx4m][attachment=12:2jv2lx4m]file_019.jpg[/attachment:2jv2lx4m][/center:2jv2lx4m]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Feldbluse m. '43


    Come sempre un'ottima ed esaustiva trattazione...
    E come ogni volta abbinata a belle immagini...
    E' sempre un piacere leggere, specialmente per chi è un "ignorantone" come il sottoscritto...
    Così almeno mi "sgrezzo"... e non poco...
    Complimenti vivissimi anche stavolta Alessandro...
    Ciao.
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: Feldbluse m. '43

    Ciao, la trattazione dei modelli di feldbluse la seguo sempre con grande interesse perche' impeccabile. Per la feldbluse 43 si nota l'utilizzo di manodopera poco specializzata. Infatti sono uniformi confezionate un po' grossolanamente come si evince dai tagli disuguali delle tasche e dalla loro applicazione non sempre in asse. Evidentemente gli opifici tessili utilizzavano personale tratto dai campi di concentramento atteso che molte industrie tedesche si rifornivano proprio di questo personale. Mi consta che l'alta percentuale di rayon utilizzata nella produzione del panno generava particolari caratteristiche al panno stesso che resero possibile l'utilizzo della tinteggiatura solforosa, molto economica, al posto di quella basata sulle tinozze che si era usata fino a quel momento e che era molto piu' costosa. La lana di queste uniformi era in ogni caso scadente come giustamente hai rilevato (si usava lana rigenerata, lana lavata d'importazione, cascami e pettinati). In particolare i cascami erano gia' di colore grigio scuro con la conseguenza che il tessuto prodotto non abbisognava di ulteriore tinteggiatura. Di certo la produzione di queste uniformi divenne molto rapida proprio per il taglio e la semplicita' di confezionamento. Mi consta che vennero utilizzati prevalentemente anche bottoni privi di verniciatura. Infatti tra le tue feldbluse una presenta questa caratteristica. I bottoni all'atto del confezionamento erano sempre quelli senza verniciatura? Vorrei sapere poi se ti consta l'esistenza di feldbluse mod. 43 realizzate con il panno con cui si confezionarono le feldbluse 36 e 40. Ciao e complimenti per i modelli di feldbluse postati tutti molto suggestivi.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Fano (Pesaro)
    Messaggi
    633

    Re: Feldbluse m. '43

    Citazione Originariamente Scritto da Gertro
    Ciao, la trattazione dei modelli di feldbluse la seguo sempre con grande interesse perche' impeccabile. Per la feldbluse 43 si nota l'utilizzo di manodopera poco specializzata. Infatti sono uniformi confezionate un po' grossolanamente come si evince dai tagli disuguali delle tasche e dalla loro applicazione non sempre in asse. Evidentemente gli opifici tessili utilizzavano personale tratto dai campi di concentramento atteso che molte industrie tedesche si rifornivano proprio di questo personale. Mi consta che l'alta percentuale di rayon utilizzata nella produzione del panno generava particolari caratteristiche al panno stesso che resero possibile l'utilizzo della tinteggiatura solforosa, molto economica, al posto di quella basata sulle tinozze che si era usata fino a quel momento e che era molto piu' costosa. La lana di queste uniformi era in ogni caso scadente come giustamente hai rilevato (si usava lana rigenerata, lana lavata d'importazione, cascami e pettinati). In particolare i cascami erano gia' di colore grigio scuro con la conseguenza che il tessuto prodotto non abbisognava di ulteriore tinteggiatura. Di certo la produzione di queste uniformi divenne molto rapida proprio per il taglio e la semplicita' di confezionamento. Mi consta che vennero utilizzati prevalentemente anche bottoni privi di verniciatura. Infatti tra le tue feldbluse una presenta questa caratteristica. I bottoni all'atto del confezionamento erano sempre quelli senza verniciatura? Vorrei sapere poi se ti consta l'esistenza di feldbluse mod. 43 realizzate con il panno con cui si confezionarono le feldbluse 36 e 40. Ciao e complimenti per i modelli di feldbluse postati tutti molto suggestivi.

    Grazie ragazzi mi dà soddisfazione pensare che questi thread piacciano a qualcuno
    @ Gertro: ottima integrazione, molto interessante.
    Non so in quale percentuale gli opifici tessili che avevano contratti con l'esercito avessero manodopera coatta, sicuramente, ammesso che ci fosse stata, molto meno rispetto quelli che lavoravano per le SS. Riguardo la qualità, posso garantirti che fino all'ultima giacca m44 prodotta nell'Aprile del 1945 era assolutamente ottima ed i refusi che hai notato in alcuni esemplari di tarda manifattura, sono presenti in ogni modello a partire dai primi.

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Feldbluse m. '43

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro
    Qualche mese dopo verrà infatti soppiantata da un altro modello di nuova concezione e design che non avrà più nulla a che spartire con il centenario e tradizionale concetto di uniformologia teutonica.
    Attendiamo trepidanti una disamina anche del nuovo modello anche se "poco teutonico"...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  6. #6
    Collaboratore L'avatar di milit73
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Verona,Italia
    Messaggi
    1,422

    Re: Feldbluse m. '43

    Ciao a tutti,

    non voglio aprire altri topic sull'argomento,per cui posto le foto della mia 43 appena arrivata in collezione in questo bellissimo post di Alessandro,anche per contribuire al topic stesso.
    Il panno è il cosidetto "ortica" italiano,nel senso che la giacca è stata costruita con il panno con cui costruivano le nostre italiche giacche.
    Le spalline,con il waffenfarbe bianco della fanteria e la fettuccia di stoffa sono comunemente chiamate modello 44,in panno ortica anche queste.

    Dopo l'8 settembre,infatti,molto materiale giacente nei magazzini del Regio Esercito Italiano è finito nelle mani tedesche che l'hanno utilizzato per rifornire l'esercito.

    Ciao
    Michele

    [attachment=8:39ljdfvh]IMG_0673 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=7:39ljdfvh]IMG_0680 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=6:39ljdfvh]IMG_0677 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=5:39ljdfvh]IMG_0678 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=4:39ljdfvh]IMG_0706 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=3:39ljdfvh]IMG_0682 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=2:39ljdfvh]eag.jpg[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=1:39ljdfvh]IMG_0686 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    [attachment=0:39ljdfvh]IMG_0689 (Medium).JPG[/attachment:39ljdfvh]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Fano (Pesaro)
    Messaggi
    633

    Re: Feldbluse m. '43

    Bravo Michele, hai fatto un ottimo acquisto. La giacca è superlativa; se avrai un attimo di tempo vorrei vedere in dettaglio le spalline di cui non riesco ad evidenziare il tipo di piping.

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato