Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Film:Achtung! banditi!

  1. #1
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vP006496
    Messaggi
    1,253

    Film:Achtung! banditi!



    Gli anni della Resistenza nella Valpolcevera vengono immortalati in questa pellicola, datata 1951 e rigorosamente in bianco e nero, dalla regia di Carlo Lizzani, che racconta un autentico episodio del “dopo-otto-settembre” tramite i volti di Gina Lollobrigida e Andrea Checchi. Il film venne finanziato da un gruppo di operai (con azioni del valore di 500 lire l’una) che fondarono la “Cooperazione Spettatori Produttori Cinematografici”, volti a dar voce a quei film coraggiosi scartati dall’industria cinematografica privata; ricordando la prima di Achtung! Banditi! , Lizzani racconta: «Genova volle il suo film, e i fondatori della cooperativa furono d´accordo a scegliere come tema della prima opera cinematografica finanziata direttamente dagli spettatori la Resistenza, che proprio a Genova aveva avuto momenti e figure indimenticabili». La storia, infatti, è ambientata sulle alture dell’Appennino ligure, dove un gruppo di partigiani capitanati dal “Biondo” (Bruno Berellini), deve impossessarsi di un carico d’armi nascosto in una fabbrica di Pontedecimo, aiutando gli operai loro complici a sabotare lo smontaggio dei macchinari imposto dai tedeschi. Emblematica la scena d’inizio in cui il gruppo abbatte il cartello con su scritto: “Achtung! Banditen”, termine con il quale i nazisti indicavano i partigiani. Celebrazione della Resistenza ed esaltazione della lotta di liberazione, il film narra un racconto che fa sentire a casa, sfruttando al meglio le potenzialità figurative della periferia genovese industriale all’ombra del Passo delle Tre Croci, dove i volti e le voci d’insieme si riconoscono in quel tram n. 926 Pontedecimo/P. M. Barabino e nelle alture di Campomorone, o nel desiderio della Lollobrigida che sogna ad occhi aperti: «Quando la guerra sarà finita, voglio andare a Portofino, addormentarmi sulla spiaggia e non pensare più a niente». Una storia scottante per l’epoca di produzione, fresca di racconti in prima persona; una storia che accarezza l’accentuarsi del neorealismo cinematografico in Italia, volto a dar voce a un popolo che diventa protagonista e artefice del proprio destino. Tra gli attori, unico genovese, un giovanissimo Giuliano Montaldo (nel ruolo del commissario Lorenzo), che otterrà maggiori successi in futuro dietro la macchina da presa, grazie alla celebre trilogia del potere con “Gott mit uns”, “Sacco e Vanzetti”, “Giordano Bruno” .
    Di Roberta Saettone da http://www.viveregenova.comune.genova.i ... anditiquot
    [attachment=0:32dwtt8g]achtungbanditid-130x216-1951.jpg[/attachment:32dwtt8g]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato L'avatar di massi
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    44

    Re: Film:Achtung! banditi!

    lho visto per la prima volta qualche settimana fà.... molto bello! Avendolo girato subito nel dopo guerra...i posti/paesaggi, essendo tali e quali, rendono parecchio... anche gli abiti/uniformi molto veritieri ad eccezzione di qualche particolare!

  3. #3
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,794

    Re: Film:Achtung! banditi!

    Io lo sto cercando perchè vorrei davvero vederlo ma al momento senza nessun esito.............se avete qualche consiglio dove poterlo cercare mi fate un favore enorme.............grazie
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di soldatidiplastica
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    873
    Se ancora lo cercassi e hai Sky On demand lo trovi lì. Alcuni particolari, vedi le aquile sugli elmi tedeschi sono "agghiaccianti", viene da chiedersi perché non utilizzare materiale originale, immagino disponibile in abbondanze nel 1951, e lo testimoniano le Mg usate dai partigiani e molti altri oggetti utilizzati nel film invece di optare per degli "aquiloni" del genere :-), che non hanno alcuna attinenza con gli originali

  5. #5
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Ecco gli "aquiloni" in una foto di scena...
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •