Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Film: ANNI RUGGENTI

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Localitā
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041

    Film: ANNI RUGGENTI

    Un film di Luigi Zampa. Con Nino Manfredi, Linda Sini, Gino Cervi, Michčlle Mercier, Gastone Moschin.Commedia, b/n durata 110' min. - Italia 1962. La vicenda si svolge nel 1937. Omero Battifiori č un giovane assicuratore che crede nel regime fascista. Per ragioni di lavoro č inviato in un imprecisato comune della Puglia (si trova a 20 km da Alberobello), dove viene scambiato per un gerarca del PNFinviato da Roma a compiere un'ispezione politico-amministrativa. All'origine dell'equivoco sono la sua provenienza dallaCapitale e una lettera ricevuta dal podestā Salvatore Acquamano, con la quale un suo parente della prefettura di Taranto lo avvisa che un funzionario del partito intende compiere una visita in incognito.
    I vertici locali del Fascio sono convinti che l'ispezione debba far luce sulle malefatte che li hanno fatti arricchire a danno della finanza pubblica, operando soprusi a danno della povera gente, e cercano di correre ai ripari imbastendo una commedia tanto complicata quanto, di fatto, inutile.Il dottor De Vincenzi, un medico antifascista, rivela infine a Omero la veritā. Chiarito l'equivoco, la figlia del podestā, con cui nel frattempo si stava fidanzando, rompe con lui. Mentre arriva il gerarca vero, che dimostra di andare subito d'accordo con podestā e soci, Omero riparte, con una nuova consapevolezza sulla realtā del fascismo.

    Gli esterni furono girati ai Sassi di Matera e a Ostuni (cittadina ambientata in epoca fascista). Al Teatro Mercadante diAltamura furono altresė girate alcune scene in interni, con il sipario originale.[1].Per quanto riguarda Alberobello, l'anziana Carmela (che critica Mussolini) vive in questo Paese e il ragazzo, che interrompe l'intimitā tra Omero ed Elvira, racconta la storia dei trulli.Nel film si fa menzione di un fatto mai provato: il dott. De Vincenzi (Salvo Randone) insinua che Omero vada ad ascoltare il comizio del Duce a seguito del ricevimento di una cartolina rossa d'ordine; in realtā non esiste alcuna evidenza storica di tali cartoline delle quali, fosse stato vero il fatto che ne erano state inviate a centinaia di migliaia in occasione dei raduni e dei comizi, avrebbero dovuto esservi anche in tempi odierni degli esemplari, in realtā mai reperiti.Inoltre durante questo film i protagonisti assistono in teatro ad una rivista dove la prima donna canta la canzone Serenata Celeste ed essendo stata questa canzone lanciata in Italia soltanto nel 1947 e improbabile che possa essere cantata in periodo fascista pre-bellico.Comunque, tutto sommato, un ottimo film tra il serio ed il faceto.
    anni ruggenti.jpganni rugg.jpganni rugge.jpg

  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Vagamente ispirato a L' ISPETTORE GENERALE di Gogol...

  3. #3
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Localitā
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,395
    Film visto e direi anch'io carino.
    sven hassel
    duri a morire

  4. #4
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    La sequenza finale, col protagonista che, chiuso nel cesso del treno che lo riporta verso Roma legge la lettera (una supplica affidatagli perchč la consegni al Duce) di un vecchio contadino che dopo una vita di stenti trascorsa nelle grotte (i Sassi di Matera) chiede a Mussolini che prima di morire gli conceda almeno il lusso di una finestra, per potersi affacciare almeno una volta, prima di morire...

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •