Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Film: CAPITAN NEWMAN

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Film: CAPITAN NEWMAN


    Nel 1943, in una base dell’ U.S.A.A.F. il capitano Newman, medico militare e psichiatra esamina e raccoglie i drammi e le sofferenze di un gruppo di piloti feriti e traumatizzati dalle esperienze belliche della 2^ G. M. sui cieli della Germania. Il suo lavoro lo porta a scontrarsi sia con le autorità militari che con i colleghi medici. Se gli uni infatti, ritenendoli imboscati o simulatori, spingono per rimandare i pazienti a combattere, gli altri avversano i metodi innovativi del giovane psichiatra (ipnosi, droghe, ma soprattutto il rapporto umano intrattenuto coi pazienti). Dopo non poche traversie, la sua abilità nel curare lo stress da combattimento degli aviatori Usa sarà riconosciuta facendo scuola.
    _____________

    GENERE: Drammatico
    REGIA: David Miller
    SCENEGGIATURA: Richard L. Breen, Henry Ephron, Phoebe Ephron
    ATTORI: Gregory Peck, Tony Curtis, Angie Dickinson, Eddie Albert, James Gregory, Bethel Leslie, Robert Duvall, Jane Withers, Dick Sargent, Larry Storch, Robert F. Simon, Syl Lamont, Paul Carr, Vito Scotti, Bobby Darin, Crahan Denton, Gregory Walcott, Charlie Briggs, Barry Atwater, Ted Bessell
    FOTOGRAFIA: Russell Metty
    MONTAGGIO: Alma Macrorie
    MUSICHE: Frank Skinner
    PRODUZIONE: BRENTWOOD PRODUCTIONS, UNIVERSAL PICTURES
    DISTRIBUZIONE: UNIVERSAL
    PAESE: USA 1963
    DURATA: 113 Min
    FORMATO: Colore 35 MM (1:1.85), PANORAMICO

    SOGGETTO:
    Romanzo di Leo Rosten 'Captain Newman, M.D.'
    _________________

    Riuscita miscela di dramma e commedia sostenuto da un cast di bravi attori.
    Gregory Peck medico altruista ed eroico, ma suscitò alcune polemiche con l’ Ordine degli Psichiatri Usa relative alla deontologia professionale.
    Tony Curtis gigioneggia nei panni di un portantino e si riserva gli intermezzi comici, peraltro riusciti.
    Angie "Legs" Dickinson, capoinfermiera sfolgorante, giustifica un intermezzo romantico col protagonista.
    Eddie Albert interpreta un colonnello tutto d' un pezzo che, costretto da ordini superiori a mandare al macello i suoi uomini in missioni senza ritorno, non regge alla tensione subendo uno sdoppiamento della personalità (Mr. Nessuno) che lo porterà al suicidio.
    Il miglior "pazzo" sul grande schermo dai tempi del Prof. Unrat de L' ANGELO AZZURRO.
    Bobby Darin, cantante/attore biondino degli anni '60, - all' epoca sposato con la "Fidanzatina d' America" Sandra Dee - per il suo ruolo drammatico di aviere traumatizzato dalla Flak, fu candidato all' Oscar 1964 come migliore attore non protagonista.

    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Notazione amarognola per noi italiani: il caratterista italoamericano Vito Scotti, che ripropone tutti i più vieti luoghi comuni sugli italiani (nella versione italiana doppiato in napoletano).
    Interpreta un ufficiale italiano prigioniero di guerra, catturato in Tunisia (il film è ambientato nel 1943) e trasferito con un piccolo gruppo di soldati italiani all' ospedale militare di Newman. Imbelle, servile, canterino, vanesio e donnaiolo, complessivamente ridicolo, baffuto e impomatato si presta coi suoi sottoposti a fare lavori di manovalanza nell' ospedale.
    Cosa incongrua ed ironica: tutti gli italiani vestono uniformi coloniali nuove di pacca (sahariana, pantaloni lunghi e berretto a visiera mod. 42) con le - molto scenografiche - mostrine tricolori del BATTAGLIONE D' ASSALTO "T".

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •