Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Film: GRAN BOLLITO

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Film: GRAN BOLLITO

    Lea, matura donna napoletana che gestisce un botteghino del Lotto in una città del Nord, ha avuto tredici figli, ma tutti, tranne uno, le sono morti per aborto o dopo pochi mesi di vita. L'unico sopravvissuto, Michele, viene da lei accudito con affetto morboso: è convinta di averlo sottratto alla Morte patteggiando con lei, così non è disposta a cederlo né alla Patria, né a un'altra donna. Quando Michele, si fidanza con una graziosa maestra di ballo, la madre, per scongiurare il suo distacco, fa un nuovo sacrificio alla Morte, sopprimendo tre amiche zitellone, da cui ricava sapone e biscotti. Giunge, per suo figlio, il richiamo alle armi: per farlo tornare, Lea vorrebbe moltiplicare i suoi riti sacrificali, prendendo di mira, stavolta, una servetta muta e l'odiata ragazza di Michele. I carabinieri la fermeranno in tempo.
    __________

    GENERE: Drammatico, Psicologico
    REGIA:
    Mauro Bolognini
    SCENEGGIATURA:
    Nicola Badalucco, Angelo Dellagiacoma
    ATTORI:
    Shelley Winters, Tony Marsina, Max von Sydow, Renato Pozzetto, Alberto Lionello, Laura Antonelli, Mario Scaccia, Franco Branciaroli, Milena Vukotic, Rita Tushingham, Adriana Asti, Liù Bosisio, Maria Monti, Giancarlo Badessi, Marco Modugno, Alberto Squillante, Franco BalducciFOTOGRAFIA: Armando Nannuzzi
    MONTAGGIO:
    Nino Baragli
    MUSICHE:
    Enzo Jannacci
    PRODUZIONE: ALESSANDRA RICCARDI INFASCELLI PER TRIANGOLO FILM
    DISTRIBUZIONE: P.A.C. - CENTER VIDEO
    PAESE: Italia 1977
    DURATA: 115 Min
    FORMATO: Colore VISTAVISION, TECHNOSPES, EASTMANCOLOR
    VISTO CENSURA: V.M. 14


    Bizzarra commedia nera liberamente ispirata alla storia vera della cosiddetta saponificatrice di Correggio, ovvero Leonarda Cianciulli, la donna, protagonista di uno dei più sensazionali processi del secondo dopoguerra, scontò un lungo periodo di detenzione in un manicomio criminale. Il film, sostenuto da un' ottima recitazione di Shelley Winters, vede un bizzarro sdoppiamento dei ruoli di Pozzetto e v. Sidow, che interpretano rispettivamente un carabiniere e un magistrato oltre che - en travestì - le due anziane vittime dell' assassina...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •