Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Film: Hotel Dajiti

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Film: Hotel Dajiti

    Trama
    Roma 1938. Andrea è un giovane illusionista che lavora in teatri di periferia e vive di espedienti al limite della legge. Per uno sgarro fatto alla polizia deve scappare ed accetta una scrittura in Albania al Grand Hotel Dajti, un albergo che prende il nome dalla omonima montagna alla spalle di Tirana. Incontra una giovane ragazza albanese di nome Sara che sposa e con cui riesce a fare degli spettacoli di illusionismo al limite della realtà che lo rendono famoso. Viene rintracciato dalla polizia e Andrea, Sara con il loro piccolo figlio Emir devono scappare verso in Italia. È il 1944, siamo alla fine della guerra, nella fuga Sara viene colpita proprio mentre cerca di salire sul traghetto che li avrebbero salvati e sparisce in acqua. Andrea con il figlio arriva in Italia e rimane in un paesino della costa pugliese convinto della morte di sua moglie con un senso di colpa che gli distrugge la vita. Dopo poco anche il figlio muore per un male incurabile e lui si mette a fare il mago di paese, predicendo il futuro e facendo parlare i morti. Dopo quarant’anni si presenta a casa sua un ragazzo di nome Pinuccio che porta in tasca la prova che la sua Sara è ancora viva. Pinuccio è figlio di nessuno, scappato da una comunità di accoglienza, fa il manovale per la criminalità organizzata dedita al contrabbando in mare, porta con sé il desiderio di quella famiglia che non ha mai avuto. Quando Pinuccio incontra Andrea nasce un legame che diventa sempre più profondo. In un gioco continuo di flash-back, Andrea racconta la sua storia a Pinuccio e lui lo accompagnerà alla ricerca di Sara in un viaggio di ritorno nell'Albania di oggi, tra il ricordo, le vecchie amicizie, il passato di Andrea, la sua storia e i suoi fantasmi. Andrea esercita un grande fascino su Pinuccio e, con la sua abilità a trasformare l'apparenza in realtà e la credibilità in fiducia, fa diventare il loro viaggio un’ esperienza di vita in cui Andrea trasmette a Pinuccio il senso fantastico delle cose, dei sentimenti, il suo rapporto intenso col mondo. Sara è morente su di un letto, l'ultimo incontro con Andrea è per ricucire le vecchie ferite, cancellare in parte il senso di colpa e soprattutto, ricongiungere una famiglia distrutta dagli eventi del tempo, perché è proprio una famiglia che Andrea riesce a ricongiungere agli occhi di una Sara morente, facendo passare Pinuccio come il loro figlio, come in un grande gioco di prestigio, che permette però alla vecchia signora, di sorridere, di abbracciare un figlio che credeva perso, di chiudere gli occhi per sempre con una dolce espressione sul viso. Sara muore, così quasi come per caso, Pinuccio si accorge che non è lui ad aver bisogno di Andrea, ma che è Andrea che ha bisogno di lui. Il viaggio è finito, ma i due si ritrovano non più soli.

    _______________





    Paese di produzione Italia
    Anno 2001
    Durata 93 min
    Colore colore
    Audio sonoro
    Genere Drammatico
    Regia Carmine Fornari
    Produttore Antonio Fusco
    Produttore esecutivo Andrea Liberato
    Casa di produzione Caviar Produzioni
    Montaggio Carmine Fornari
    Musiche Elivira Locascio
    Giovanni Locascio
    Scenografia Carmine Fornari


    _____________________



    Cast:
    Flavio Bucci: Andrea anziano
    Francesco Giuffrida: Pinuccio
    Michele Venitucci: Andrea giovane
    Sarah Baumann: Sara giovane
    Piera Degli Esposti
    Diego Verdegiglio
    Lorenzo Gentile
    Dario D'Ambrosi
    Michele Melega


    _________________




    Film girato quasi esclusivamente in Puglia si ispira a una storia e a personaggi veri, benchè romanzati.
    L' Hotel Dajiti, realmente esistente a Tirana prende il nome dalla montagna alle spalle della capitale albanese e venne realizzato dal regime fascista: all' epoca era la più grande e moderna struttura alberghiera di tutti i balcani...





    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,078
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    255
    Perché certi film non vengono mai passati in tv? Perché dobbiamo sorbirci spettacoli noiosi o film di terz'ordine americani, anche sulle pay tv?

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •