Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Film: IL GRIDO DELL' AQUILA

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Film: IL GRIDO DELL' AQUILA

    REGIA: MARIO VOLPE
    SCENEGGIATURA: VALENTINO SOLDANI
    FOTOGRAFIA: ARTURO GALLEA
    CAST: GUSTAVO SERENA, MANLIO BERTOLETTI, BIANCA RENIERI, DUILIO LOMBARDI, GIULIO TANFANI-MORONI, ADRIANA DE CRISTOFORIS, GIOVANNI POLLI, MARIANO BOTTINO, ALFREDO CRUICCHI, RENATO VISCA.
    PRODUZIONE: ISTITUTO FASCISTA DI PROPAGANDA NAZIONALE - FIRENZE
    B/N (MUTO)
    Mt. 1622
    ITALIA
    1923
    ______________
    "Chissā a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    In una cittadina veneta, durante la prima guerra mondiale, in un vecchio teatrino requisito, si incontrano i tenenti Giuliani e Acerri, il cieco di guerra Sandro Foscari, sua sorella Italia e il fratellino. Quest' ultimo muore durante un bombardamento aereo nemico. Durante la rappresentazione di una commedia scritta da Manlio Acerri, arrivano con la notizia di Caporetto, le avanguardie dell' esercito austriaco: nella sparatoria perdono la vita Manlio e Italia, mentre Aldo difende il cieco, riuscendo a trarlo in salvo. Terminata la guerra, Sandro vive con la moglie in casa del padre di lei, l' industriale Giuliani. Aldo, il nipote, č diventato direttore dello stabilimento. Conquistato dalle idee di giustizia e di lotta di un agitatore socialista, Aldo ne prende le difese contro l' industriale e, dopo una serrata del padrone, guida l' occupazione della fabbrica. Intanto Sandro č diventato amico di Pasquale, un ex-garibaldino di Mentana che gestisce un' osteria, e di suo nipote Beppino, nel quale sa suscitare entusiasmo con le patrie memorie. Nel paese č capitato anche Ciccillo, che era stato l' attendente del tenente Acerri e che ora fa il burattinaio per le piazze. Gli avvenimenti in fabbrica sconvolgono la viota del paese, provocando disordini e tensioni. Beppino scopre l' efficacia del manganello contro gli agitatori. Quando, dopo una ōprovocazione organizzata da Ciccillo, gli operai malmenano Pasquale e gli distruggono il locale, si fa avanti per riportare la pace il cieco. L' agitatore lo aggredisce e allora Aldo, che si sta rendendo conto del proprio errore, interviene a difendere Sandro e viene accoltellato. Puō cosė riscattarsi con la morte. Ma ormai, evocato dallo spirito del Milite Ignoto sta sorgendo un manipolo di eroi con i manganelli: le Camicie Nere! In un gruppo in partenza per la Marcia su Roma vi sono anche Pasquale e Beppino.
    "Chissā a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  3. #3
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Primo film dichiaratamente fascista la cui azione si svolge dopo la fine della guerra e culmina col trionfo delle camicie nere, IL GRIDO DELL' AQUILA fu iniziato solo venti giorni dopo la Marcia su Roma, ma la sua lavorazione andō per le lunghe, protraendosi per quasi un anno. Non fu possibile infatti utilizzare immagini di repertorio degli eventi girate per i cinegiornali, cosė a parte un solo spezzone con Mussolini e i Quadrunviri in primo piano - inserito alla fine del film - tutte le scene di massa furono riocostruite dal vero in esterni, grazie alla collaborazione delle squadre d' azione e dell' Istituto Fascista di Propaganda Nazionale, finanziatore della pellicola.
    Venne proiettato in tutte la maggiori cittā italiane il 28 ottobre 1923, primo anniversario della rivoluzione.
    "Chissā a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •