Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: FILM: Il nudo e il morto

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075

    FILM: Il nudo e il morto

    E' un film del 1958.REGIA: Raoul Walsh nudo-e-il-morto-il-3000911.jpg (9.7 KB)
    SCENEGGIATURA: Denis Sanders, Terry Sanders
    ATTORI:
    Aldo Ray, Cliff Robertson, Raymond Massey, Lili St. Cyr, Barbara Nichols, William Campbell, Richard Jaeckel, James Best, Joey Bishop, Jerry Paris, Robert Gist, L.Q. Jones, John Beradino, Edward McNally,Greg Roman Trama:Un reparto dell'esercito si trova a bordo di una unità della marina, pronto a
    sbarcare in un'isola occupata dal giapponesi. Un plotone, comandato dal
    sergente Croft, sbarca per eseguire una ricognizione: il sergente è odiato
    dagli uomini per la sua durezza, ma le sue qualità di comandante incutono
    rispetto. Quando Croft uccide col suo mitra un prigioniero, uno degli uomini
    l'accusa di sadismo ed il tenente Hearn gli impedisce di compiere altre uccisioni.
    Il generale Cummings, che ha fiducia in Hearn, lo nomina suo aiutante
    di campo e lo tratta come un figlio. Ma tra il generale e l'aiutante si
    manifesta ben presto una diversità di opinioni: Cummings crede che gli
    ufficiali debbano farsi temere dagli uomini, la cui combattività starebbe
    in rapporto diretto col rancore ch'essi nutrono verso i superiori.
    Hearn non approva questa teoria e Cummings per punirlo lo manda in missione
    col sergente Croft ed un gruppo di soldati. Un uomo viene ucciso e Hearn
    vorrebbe tornare alla base; ma Croft lo induce a proseguire, non rivelandogli
    che il reparto ha evidentemente richiamato l'attenzione dei giapponesi.
    Hearn viene ferito e Croft prende il comando, spingendo gli uomini ad avanzare:
    quando il sergente è colpito mortalmente, gli uomini tentano il ritorno,
    mentre segnalano alla base i movimenti del nemico. Dopo sforzi sovrumani,
    i pochi superstiti raggiungono la nave col tenente gravemente ferito.
    In base al messaggio ricevuto, il colonnello Dalleson sferra un attacco generale,
    e conquista l'isola. Visitato da Cummings all'infermeria, il ten.
    Hearn osserva che gli uomini l'hanno strappato alla morte non perché
    lo temessero, ma perché lo consideravano una parte di loro stessi.
    Non male come trama, tuttavia risente della retorica del periodo.
    Comunque da vedere. Brutto notare come ancora il nemico giapponese fosse considerato un 'muso giallo' o una 'scimmia gialla'.PaoloM
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Se non sbaglio il film è tratto dall' omonimo romanzo di Norman Mailer ?
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    73
    Citazione Originariamente Scritto da Il Cav. Visualizza Messaggio
    Se non sbaglio il film è tratto dall' omonimo romanzo di Norman Mailer ?
    Sì nella trama generale, ma il romanzo racconta dinamiche interne al plotone e descrive situazioni emotive dei protagonisti che ne fanno un' opera del tutto diversa dal film.
    Ciao
    Al

  4. #4
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Citazione Originariamente Scritto da alvise contarini Visualizza Messaggio
    Sì nella trama generale, ma il romanzo racconta dinamiche interne al plotone e descrive situazioni emotive dei protagonisti che ne fanno un' opera del tutto diversa dal film.
    Ciao
    Al
    Ah, buono a sapersi, perchè ho letto il libro molti anni or sono, ma il film non mi è mai capitato...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    1,127
    Il film è nettamente inferiore dal libro, che nel suo genere è un grande libro.

    RR
    Tutto considerato, un militare non è altro che un uomo rubato alla sua abitazione. (Il buon soldato Sc'vèik)

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •