Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Film:Kukushka

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Film:Kukushka

    di Aleksandr Rogozhkin (Russia, 2002, 99')

    Veikko (Ville Haapasalo), giovanissimo soldato finlandese stanco della guerra, è legato con una solida catena a una roccia. Un drappello di finlandesi e tedeschi in ritirata ha voluto punire spietatamente l’intenzione di disertare del compagno, abbandonato alla prima occasione con un fucile e pochi viveri. Stando a quanto previsto dai commilitoni, l’arma dovrebbe servire al ragazzo per difendersi, ma soprattutto per ritardare la marcia di eventuali inseguitori, essendo Veikko un abile tiratore (Kukushka, ovvero cuculo, parola usata dai russi per indicare i cecchini). Ancora più cinica è l’idea di far indossare al ragazzo una divisa tedesca, che in caso di cattura da parte dei sovietici comporterebbe una quasi sicura condanna a morte, appartenendo l’uniforme in questione alle famigerate Waffen SS della divisione "Nord".
    Nel frattempo Ivan (Viktor Bychkov), un ufficiale russo vigliaccamente preso di mira dal commissario politico assegnato al suo reparto, sta per essere scortato in jeep presso il comando centrale, dove lo attende un iniquo processo. Le due vicende si intrecciano allorché Veikko, quasi un Prometeo moderno, dà prova di notevole ingegno riuscendo a liberarsi dalla roccia cui è incatenato, mentre il mezzo dove viaggia l’ufficiale russo viene centrato da un’incursione aerea. Ivan, sebbene si ritrovi ferito e in stato di incoscienza, è l’unico a sopravvivere al raid compiuto per errore da aerei appartenenti alla propria aviazione. Il vecchio e sempre attuale problema del "fuoco amico"!
    Prima il russo, che necessita di cure immediate, e in un secondo tempo il finnico, ricevono soccorso e ospitalità da Anni (Anni-Christina Juuso), una graziosa ed energica donna Sami (lappone, stando alla nostra impropria terminologia), che da quando il marito è dovuto partire vive sola, continuando a occuparsi del piccolo allevamento di renne.
    I due uomini, sospettosi l’uno dell’altro, alternano momenti di ostilità a tentativi di comunicare. La comprensione reciproca è resa ancora più difficile dal fatto che ognuno dei tre protagonisti si esprime nella propria lingua, continuando a rivolgersi agli altri senza poterli realmente raggiungere con il significato delle proprie parole.

    [attachment=0:dh699kdg]Kukushka.jpg[/attachment:dh699kdg]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  2. #2
    Banned
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    229

    Re: Film:Kukushka

    Ma è mai uscito al cinema o in tv? Per me è un altro film sconosciuto...

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Film:Kukushka

    Citazione Originariamente Scritto da Benidux
    Ma è mai uscito al cinema o in tv? Per me è un altro film sconosciuto...
    Mi sa che è uscito solo in VHS e/o DVD...
    A me l'aveva prestato tempo fa un amico...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075

    Re: Film:Kukushka

    Io l'ho visto qualche anno fa' sul 5 di notte tant'è che l'ho registrato in VHS e me lo son visto il giorno dopo. E' un film molto interessante, insolito e con una fotografia spettacolare.Anche la trama e' insolita come gia' descritto in precedenza.Pochi attori, ma buoni.Parole molto poche e tutte incompresibili tranne che per il finnico doppiato in italiano.Sequenze essenziali ma efficaci nel descrivere la rudezza e la primitivita' dei luoghi sconfinati come quelli dove pare impossibile riescano a vivere degli esseri umani.Bello. PaoloM

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •