Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Film: Sfida agli inglesi

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075

    Film: Sfida agli inglesi

    Un film di Roy Ward Baker. Con Alec McCowen, Michael Goodlife, Hardy Krüger, Colin Gordon, Terence Alexander.Titolo originale The One That Got Away. Guerra, b/n durata 106' min. - Gran Bretagna 1958
    Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'ufficiale aviatore tedesco Franz Von Werra, nel corso di una missione nei cieli d'Inghilterra è costretto ad un atterraggio di fortuna e viene fatto prigioniero. Sottoposto a ripetuti interrogatori, mantiene di fronte ai militari inglesi un atteggiamento di sfida e di superiorità. Spavaldamente l'ufficiale scommette con un pari grado inglese di riuscire ad evadere dal campo di prigionia nel giro di sei mesi.
    Roy Ward Baker rovescia il classico tema della fuga da un campo di prigionia, questa volta a dover fuggire è l'ufficiale nazista. Discreta regia tratta dalla storia vera di Von Werra.Il film suscito' un putiferio appena uscito in Inghilterra, perché effettivamente Von Werra, riusci' dal Canada dove era stato secondariamente portato in prigionia, a raggiungere gli Stati Uniti, nella zona di Buffalo. In quel periodo, gli Stati Uniti erano neutrali, e quindi egli riusci'
    poi a raggiungere la Germania. Ritornato in guerra, sempre nella Luftwaffe, il suo nuovo Me BF 109 ad ottobre del 1941 ebbe un incidente sulla costiera olandese e di lui non se ne ebbe piu' traccia.Disperso .sfida_agli_inglesi_.jpgsfida agli.jpg
    Questo era il vero Von Werra, ed il suo aereo abbattuto in Inghilterra per la prima volta:
    Von_Werra_BF109_Marsden_Kent.jpgVon Werra.jpg
    per chi vuole approfondire:
    http://home.cogeco.ca/~dgphillips/werra.htm

  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Conoscevo questa storia. La propaganda nazista diede ampio spazio alla sua fuga e una sintetica intervista apparve anche sulla rivista italiana TEMPO.

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075
    La cosa strana fu che gli USA non aderirono alla richiesta del Canada per la restituzione del prigioniero evaso. Anzi l'opinione pubblica americana gli tributo' un'ottima accoglienza addirittura con 'parties'. Non volendo restituirlo al Commonwealth (chissa' perché), gli statunitensi studiarono l'espediente di estradarlo prima in Messico, poi a Panama, Peru' e Brasile. Da qui, si imbarco' per la Germania. Roosevelt aveva ancora l'idea di non intervenire nel conflitto evidentemente...PaoloM

  4. #4
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,401
    Storia decisamente interessante e film che mi manca
    sven hassel
    duri a morire

  5. #5
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Citazione Originariamente Scritto da marpo Visualizza Messaggio
    La cosa strana fu che gli USA non aderirono alla richiesta del Canada per la restituzione del prigioniero evaso. Anzi
    l'opinione pubblica americana gli tributo' un'ottima accoglienza addirittura con 'parties'. Non volendo restituirlo al
    Commonwealth (chissa' perché), gli statunitensi studiarono l'espediente di estradarlo prima in Messico, poi a Panama, Peru' e
    Brasile. Da qui, si imbarco' per la Germania. Roosevelt aveva ancora l'idea di non intervenire nel conflitto evidentemente...PaoloM
    _________

    Negli USA tra il 1939 ed il 1941 c' era una forte corrente isolazionista nonostante il presidente Roosevelt facesse professione d' interventismo e antifascismo ad ogni piè sospinto: tra i maggiori sostenitori dell' amicizia (alleanza ?) tedesco-americana in chiave anticomunista c' erano C. Lindbergh, W. Disney, e Kennedy Sr.
    Proprio per i suoi rapporti diplomatici troppo sbilanciati in favore di Hitler il padre di JFK, ambasciatore USA a Londra durante la "Battaglia d' Inghilterra", nel 1940 fu richiamato in patria e - sostanzialmente - silurato politicamente.

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •