Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Film: SILURI UMANI

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041

    Film: SILURI UMANI

    FILM SILURI UMANI:
    Nella scuola per mezzi d'assalto della Marina Italiana vengono addestrati gli uomini che dovranno condurre gli audaci barchini contro gli sbarramenti e le navi nemiche. Quand'è giunta l'ora, gli uomini partono per destinazione ignota: un idrovolante li porta nell'isola di Stampalia. Là soltanto apprendono che dovranno assalire il porto di Suda, importante base, che accoglie le navi da guerra inglesi destinate a molestare ed impedire la navigazione delle navi italiane. Recatosi al comando, a Lero, il comandante dei mezzi d'assalto apprende che un convoglio italiano ha lasciato Tobruk: alcune unità nemiche, entrate nella baia di Suda, si preparano ad attaccarlo. Il comandante riparte per Stampalia a bordo di un sommergibile: quando questo emerge, in vista di Stampalia aerosiluranti inglesi appaiono all'orizzonte. Tra il sommergibile e le aerosiluranti ha luogo una lotta disperata: ben presto centrato da due siluri, il sommergibile affonda incagliandosi sul basso fondale. Da Stampalia gli uomini si portano sul luogo dell'affondamento: con sforzi sovrumani riescono a salvare marinai e ufficiali, tra i quali c'è il loro comandante. Il piano dell'attacco alla baia di Suda viene preparato nei minimi particolari. La sera del 25 marzo, con tempo bello i barchini d'assalto vengono messi in acqua a dieci miglia dalla costa di Suda. La prima e la seconda ostruzione vengono oltrepassate; i proiettori scrutano ininterrottamente lo specchio d'acqua del porto. Alle 4,30 si arriva alla terza ostruzione: è impossibile superarla. Uno dei piloti si lancia contro l'ostacolo per farlo saltare, andando incontro a sicura morte. Si ode il fischio dei marinai inglesi che danno la sveglia. Il comandante dà il via e i barchini sfrecciano veloci, nel silenzio del porto, verso i grandi bersagli ormai vicinissimi.



    GENERE: Guerra
    REGIA:
    Antonio Leonviola
    SCENEGGIATURA:
    Marcantonio Bragadin, Giangiacomo Cossa, Ennio De Concini
    ATTORI:
    Raf Vallone, Franco Fabrizi, Ettore Manni, Andrea Checchi, Elena Varzi, Enrico Maria Salerno, Christian Marquand, Bud Spencer, Nerio Bernardi, Emilio Cigoli, Franco Chianese, Gino Anglani, Dora Calindri,Giovanni Di Fazio, Cesare Fantoni, Livio Lorenzon, Albino Morandin, Federico Scarlatti, Evaristo Maran,Paolo Bergamaschi
    FOTOGRAFIA:
    Riccardo Pallottini
    MONTAGGIO:
    Renato Cinquini
    MUSICHE:
    Angelo Francesco Lavagnino
    PRODUZIONE: CARLO PONTI - DINO DE LAURENTIIS PER PONTI DE LAURENTIIS CIN.CA - VALENTIA FILM
    DISTRIBUZIONE: PARAMOUNT
    PAESE: Italia 1954
    DURATA: 98 Min
    FORMATO: B/N

    NOTE:
    - DOPO POCHI GIORGI DI LAVORAZIONE LEONVIOLA VENNE SOSTITUITO DA CARLO LIZZANI CHE NON VOLLE APPARIRE NEI TITOLI.. COLLABORAZIONE NON ACCREDITATA ALLA SCENEGGIATURA: CARLO LIZZANI E FRANCO BRUSATI.- BUD SPENCER E' ACCREDITATO COME CARLO PEDERSOLI








  2. #2
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041
    Con la designazione generica barchino esplosivo si intende una famiglia di mezzi d'assalto sviluppati dalla Regia Marina a partire dal 1935 e impiegati durante la seconda guerra mondiale. Complessivamente ne vennero realizzate circa 100 unità tra le diverse tipologie, la più numerosa designata M.T.M., Motoscafo Turismo Modificato.
    Fu usato in diverse azioni belliche, non tutte coronate da successo. La più clamorosa fu quella dell'affondamento dell'incrociatorebritannicoHMS York, nella rada di Souda sull'isola di Creta, la notte tra il 25 e 26 marzo 1941, ad opera di sei barchini al comando del tenente di vascelloLuigi Faggioni che affondarono inoltre una petroliera da 8000 tsl, la Pericles.Un'azione contro il cacciatorpediniere francese Trombe venne realizzata a pochi giorni dal termine della guerra dal sottocapo della Regia Marina, passato poi nella Decima Flottiglia Mas di Junio Valerio Borghese, Sergio Denti.
    Anche i tedeschi e i giapponesi nella stessa guerra usarono dei mezzi simili, rispettivamente linsen e shinyo; il tipo giapponese prevedevano il suicidio del pilota nel conseguimento dell'obiettivo.Mezzi diversi, da usarsi negli attacchi contro unità ferme furono i maiali, o Siluri a Lenta Corsa, protagonisti del famosissimo attacco alle corazzate HMS Queen Elizabeth e HMS Valiant nella baia di Alessandria d'Egitto. Sempre i giapponesi utilizzarono i kaiten, che però erano in grado con la loro velocità di colpire bersagli in movimento.

    Tipi di barchino esplosivo


    • M.A. - Motoscafo d'Assalto
    • M.A.T. - Motoscafo Avio Trasportato
    • M.T.N. - Motoscafo Turismo Migliorato/Modificato, la serie principale
    • M.T.R. - Motoscafo Turismo Ridotto
    • M.T.R.M. - Motoscafo Turismo Ridotto Modificato

  3. #3
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    I nostri servizi ne vendettero sottobanco un buon numero ad Israele nel dopoguerra, in funzione anti-inglese (la Royal Navy addestrava la marina militare egiziana) inviando l' ex- incursore R.M. e fascista non pentito Capriotti come istruttore e tecnico per addestrare i piloti.
    Entrarono in azione nella guerra del '48 affondando vari bersagli tra i quali un naviglio militare egiziano di grosso tonnellaggio da poco ceduto dagli inglesi.

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •