Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Film:Tempo di Vivere (1958)

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Armata Sarda
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,619

    Film:Tempo di Vivere (1958)

    Consiglio a tutti anche il romanzo originale...

    Durante la 2ª guerra mondiale, un soldato tedesco con tre settimane di vacanza arriva in una città tedesca dallo squallore apocalittico. Si sposa, è felice. Ma deve tornare al fronte russo. Da un romanzo (1954) di Erich Maria Remarque. Sirk, raffinato inventore di forme, riesce a comporre un quadro dell'ultimo atto hitleriano di ammirevole concretezza e di sinistra efficacia, non privo di una sommessa pietas per le vittime della guerra.AUTORE LETTERARIO: Erich Maria Remarque

    Durante la seconda guerra mondiale Ernst Graeber torna nella sua città natale ormai distrutta dai bombardamenti e sposa una sua compagna di scuola Elizabeth Kruse (Pulver). Tornato sul fronte russo, mentre offre a una donna la possibilità di fuga, perderà la propria vita per mano di questa donna.

    Un grande romanzo di guerra, realizzato da Sirk, che torna nella sua Germania per realizzare la trasposizione cinematografica del romanzo di Erich Maria Remarque (che interpreta la parte di un professore antinazista Polhmann), in cui l’infelice storia d’amore, che è resa con grande delicatezza, è la base di una perfetta denuncia di quello che aveva prodotto il nazismo di cui Sirk, tedesco, ne soffriva amaramente. La Storia e la Guerra sono rappresentate con il caos e la morte, la bellezza e la vita, l’orrore della distruzione e l’armonia della natura (come la scena in cui Ernet cerca tra le macerie un vecchio piano che suona una serie si note lugubri), tutto sottolineato dalla bellissima colonna sonora tragico-lirica di Ròzsa, struggente e appassionante quanto mai, e dalla fotografia a colori di Metty. Particina per Klaus Kinski, che interpreta il tenente Gestapo mentre consegna le ceneri del padre di Elisabeth morto in un lager. Uscì nelle sale il 9 luglio 1958.[center:3en4ks1w][/center:3en4ks1w]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Le imbecillità in Italia fanno sempre rumore. (Indro Montanelli)

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Hetzer
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Bassa reggiana
    Messaggi
    1,810

    Re: Film:Tempo di Vivere (1958)

    Davvero un gran bel film, da vedere e rivedere.

    Il finale però è un pò diverso....

    http://www.youtube.com/watch?v=aC8ZyFjy ... re=related

    Vedemmo il film un paio di anni fa una fredda domenica pomeriggio, alla fine mia moglie non riuscì a trattenere le lacrime.
    Io non ho girato il mondo ma il mondo ha girato intorno a me.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Armata Sarda
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,619

    Re: Film:Tempo di Vivere (1958)

    In effeti si...nel film è diverso ma nel romanzo mi pare sia proprio una donna ad ucciderlo. In ogni caso un opera fondamentale per mostrarci i tedeschi sotto un punto di vista molto diverso dal solito.
    Le imbecillità in Italia fanno sempre rumore. (Indro Montanelli)

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Film:Tempo di Vivere (1958)



    Visto parecchi anni fa...
    Grazie per averlo segnalato...

    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  5. #5
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,068

    Re: Film:Tempo di Vivere (1958)

    L'ho visto un paio di volte, ma a parte l'ottima interpretazione degli attori, non
    sono riuscito ad uscire dalla retorica che la pellicola trasmette.Gli effetti scenici
    sono di primo ordine ed anche la trama esula un po' dallo stereotipo americano
    dell'uomo (sia esso G.I. sia esso tedesco) che va' al fronte, ritorna e vede la guerra
    che la popolazione civile subisce , e poi torna al fronte lasciandoci la vita per dare
    impulso al suo spirito di generosita'. Mi pare un 'deja vu' su altre pellicole.Pero'
    forse dovro' rivederlo..... PaoloM

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Armata Sarda
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,619

    Re: Film:Tempo di Vivere (1958)

    Io consiglio a tutti la lettura del romanzo anche perchè uscì (come il film) in tempi in cui certi argomenti non erano toccati come oggi. I molti film sulla 2GM degli anni'60/70 vennero dopo e forse questo fu uno dei primi del genere a toccare certi aspetti
    Le imbecillità in Italia fanno sempre rumore. (Indro Montanelli)

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •