Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Film: UN MILITARE E MEZZO

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Film: UN MILITARE E MEZZO

    Film in b/n degli anni'60.
    Renato Rascel interpreta un maturo italoamericano: nato in Italia ma emigrato giovanissimo con i genitori negli USA, ha fatto carriera e lavora per una grande multinazionale farmaceutica. Inviato in Italia dai suoi capi per perorare l' adozione da parte del Ministero della Sanità di un nuovo rivoluzionario farmaco, viene bloccato alla frontiera. Per la burocrazia italiana è un renitente: a 40 anni viene spedito ad un CAR per prestare servizio di leva. Il carattere insofferente e le pressioni da parte dei suoi capi americani gli procurano gli sfottò del burbero maresciallo istruttore Aldo Fabrizi e l' inimicizia del colonnello Vittorio de Sica, presso il quale presta servizio come attendente. Dopo vari siparietti venati di un blando antimilitarismo (ironia su statura e difetti fisici, nonnismo, scarsa igiene nelle caserme, il servizio di attendente definito medievale) le cose finiscono con un happy end. Rascel firma il contratto col ministro, arricchisce, si fidanza con la sorella zitella di De Sica, segretamente innamorata di lui e fonda una società per commerciare medicine in Italia insieme a Fabrizi, ormai diventato suo amico, che è costretto ad ammettere che anche chi non ha fatto il militare può essere un uomo in gamba...[attachment=0:9pe95sts]film.jpg[/attachment:9pe95sts]
    La frase più divertente è questa: durante l' istruzione al fucile Enfield 303 Rascel ne combina di tutti i colori per la sua goffaggine.
    Poi marciando con l' arma a bilanciarm è rimproverato da Fabrizi perchè non tiene correttamente il pollice sul copricanna. La sua risposta è: "Un milione di italiani col dito sulla canna del fucile e un solo russo col dito sul pulsante della bomba H, indovina chi vince".
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Film: UN MILITARE E MEZZO


    Non lo conoscevo...
    Grazie della segnalazione.
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  3. #3
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Film: UN MILITARE E MEZZO

    Oltretutto le uniformi sono abbastanza corrette per il periodo tenuto conto che la produzione non fu aiutata dall' EI e l' allora ministro Andreotti consioderava il film sovversivo in quanto antimilitarista: battledress, tute monopezzo mim.tipo 29, elmetti 33 kaki, armi inglesi ed italiane, ENFIELD, BREN, BERETTA M34, BERETTA M38A, ecc.
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •