Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Film: Westfront 1918

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Film: Westfront 1918

    REGIA
    Georg Wilhelm Pabst
    SOGGETTO
    Dal romanzo Vier von Infanterie di Ernst Johannsen
    SCENEGGIATURA
    Laszlo Vajda, Peter Martin Lampel
    FOTOGRAFIA
    Fritz Arno Wagner, Charles Métain (bianconero)
    MONTAGGIO
    Hans Oser
    INTERPRETI
    Gustav Diesse, Hans Joachim, Moebis, Fritz Kampers, Claus Clausen, Jackie Monnier, Hanna Hoessrich
    DURATA
    96’
    ORIGINE
    Germania, 1930

    Fronte occidentale, 1918. Gli ultimi giorni di guerra di alcuni soldati tedeschi. Tra di loro uno studente e Karl: il primo approfitta di una missione assegnatagli per passare una notte d’amore con la francese Yvette, il secondo va in licenza e trova la moglie a letto con un altro uomo e la mattina dopo riparte per il fronte. Lo studente viene ucciso durante un attacco improvviso e Karl si offre volontario per un’azione di perlustrazione. Viene colpito da una cannonata e si risveglia all’ospedale: mentre muore, un francese ferito gli tende la mano in segno di fraternizzazione.

    Westfront 1918 costituisce una delle più crude e sconvolgenti denuncie degli orrori e della follia della guerra. Il suo limpido messaggio pacifista culmina nella toccante sequenza finale che affratella il soldato tedesco morto con quello francese ferito (ma già prima c’era stata la tenera e fugace storia d’amore fra lo studente tedesco e la ragazza francese), all’insegna di un internazionalismo umanitario che costituisce l’alto e nobile sottofondo ideologico del film (che all’epoca venne accusato di non indagare le cause economiche e politiche del conflitto) e che lo riscatta solo in parte dal cupo e angosciante pessimismo senza speranza che incombe su di esso.

    Oltre alla realtà agghiacciante della trincea dove si consumano e si annullano le esistenze dei protagonisti, il film esplora il desolante scenario delle retrovie civili in preda ad una disgregazione che non è solo materiale e sociale, ma anche morale (le code davanti ai negozi, la scoperta del tradimento della moglie da parte di Karl).

    Uscito nelle sale nel maggio del 1930, Westfront 1918 verrà proibito dalle autorità naziste nell’aprile del 1933.

    Westfront 1918 è certamente uno dei migliori film pacifisti di tutti i tempi e questo per l’intensità drammatica che riesce a raggiungere attraverso uno stile asciutto ed essenziale (qualcuno parlò a suo tempo di freddezza) che rifugge da ogni retorica ed enfasi.

    L’adozione dei canoni della Neue Sachlickeit (Nuova Oggettività) da parte di Pabst (la fotografia rifiuta ogni artificio d’illuminazione e riproduce la realtà così com’è, la scenografia si muove nella stessa direzione, ponendo particolare attenzione al dettaglio realistico e privilegiando ambienti preesistenti, la colonna sonora rifiuta la musica di sottofondo e si limita a registrare i rumori e le battute del dialogo, il montaggio riduce al massimo i tagli e si affida prevalentemente ai movimenti di macchina) conferisce alle immagini del film un incisivo senso di autenticità e verosimiglianza con relativa durezza e accentuazione dell’effetto di verità.

    Ma dove il film perviene al culmine della forza espressiva è nelle sequenze in cui i personaggi sono costretti negli spazi angusti e claustrofobici delle trincee e delle buche, a contatto con il fango e la carne maciullata dei soldati morti, ormai compenetrata nella terra, nell’immagine insostenibile del soldato francese che urla ferito e del tenente impazzito che lancia grida di vittoria prima di essere falciato: non c’è un vero e proprio sviluppo narrativo, ma un processo di accumulazione di episodi singoli che saturano lo spettatore di orrore e raccapriccio.


    [attachment=2:3oewdemi]198685.1020.A.jpg[/attachment:3oewdemi]

    [attachment=1:3oewdemi]Westfront 1918 03.JPG[/attachment:3oewdemi]

    [attachment=0:3oewdemi]images.jpeg[/attachment:3oewdemi]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    508

    Re: Film:Westfront 1918

    dove posso trovare questo film? è da tempo che lo cerco.....
    grazie
    alpino
    Partecipo a rievocazioni storiche WWI con mortaio Stokes, ricevo contatti via MP.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: Film:Westfront 1918

    Citazione Originariamente Scritto da alpino
    dove posso trovare questo film? è da tempo che lo cerco.....
    grazie
    alpino
    Io lo vidi nel '68 in occasione del cinquantenario della fine della Grande Guerra...
    Avevano organizzato delle proiezioni gratuite nei cinema cittadini...
    Ricordo che vidi anche un bel documentario intitolato "I cannoni d'agosto"...
    Bellissimo per la qualità delle riprese...

    Però del film in oggetto poi non ho più avuto notizia...
    Con una ricerca in internet o rivolgendoti a qualche negozio serio che tratta DVD o VHS penso che lo puoi trovare (con un po' di pazienza).
    Io l'ho fatto per altri films, c'è voluto un po' di tempo (1/2 mesi) ma me li hanno procurati... mi hanno avvisato telefonicamente quando erano disponibili...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    378

    Re: Film:Westfront 1918

    Buongiorno,
    Ne possiedo una copia...
    Uso dei chiariscuri suggestivo... una su tutte scena finale all'ospedale militare sul viso del protagonista dell'episodio.
    Esistono versioni doppiate in italiano che voi sappiate?
    Marco

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •