Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

  1. #11
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    cavolo davvero particolare questa coincidenza.

    Il mio libro tra l'altro dice, che il trittico del biplano costruito in Italia è conservato al museo dell'Associazione trasvolatori atlantici a Roma come anche le eliche.
    Esse presentano anche la particolarità* di essere dipinte in colori diversi, blu quella di sinistra e verde quella di destra ed hanno un diametro di 2,60 metri.
    Il loro regime di massima rotazione era di 450 giri al minuto, mentre il motore di 25/cv poteva arrivare al massimo a 1.350 giri (quello del Flyer 1903 dava 12 cv a 1020 giri al minuto.
    luciano

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Peo....i complimenti sono d'obbligo,davvero molto bello il modellino,complimenti.
    Luciano......sei unico,integrazioni davvero notevoli

  3. #13
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Grazie Giancarlo per i complimenti

    Aggiungo ancora qualche nota tecnica sul velivolo:


    Il Flyer è un biplano monoposto e monomotore, con architettura canard, propulso da due eliche spingenti, la cui massima efficienza aerodinamica è pari a circa 8.

    La struttura dell'ala è costituita da 2 longheroni in abete rosso e 38 centine in frassino. Il longherone anteriore è vicino al bordo d'attacco, il posteriore è a circa il 70% della corda. Il bordo d'uscita è costituito da un filo metallico su cui è vincolato il tessuto di rivestimento, che tirando crea la caratteristica dentellatura. Il tessuto utilizzato è mussolina, di color naturale e non trattata, tagliata di sbieco, che copre sia l'estradosso sia l'intradosso dell'ala. Una caratteristica interessante è che l'intelaiatura "fluttua" dentro delle tasche di tessuto cucite internamente, il che rende la copertura parte integrante della struttura e fa sì che l'aeroplano sia leggero, forte e flessibile.
    L'ala presenta un diedro negativo di 1° 18' (a terra) ed ha un'apertura di 12,29 metri; la semiala destra è più lunga di quella sinistra di 10,1 cm per compensare l'eccentricità* del peso del motore.
    L'ala superiore e quella inferiore sono collegate fra loro da 9 coppie di montanti verticali in abete rosso, fissati ai longheroni ed irrobustiti da un'abbondante controventatura in fili d'acciaio. La distanza fra le ali è 1,89 metri.
    Il profilo alare è concavo-convesso. La corda è 1, 98 metri e lo spessore massimo percentuale è 1/20.
    La superficie alare complessiva del Flyer è 47,38 metri quadri; l'allungamento dell'ala è 6,2.

    Le travature in frassino che costituiscono il pattino d'atterraggio si prolungano anteriormente e sorreggono l'equilibratore biplano, completamente mobile, di 4,46 metri quadri di superficie complessiva. Il doppio timone di direzione verticale, posto posteriormente, ha una superficie complessiva di 1,95 metri quadri. Sia gli equilibratori sia i timoni sono ricoperti con lo stesso tessuto usato per l'ala.
    L'altezza del Flyer 1 è 2,81 metri e il suo peso a vuoto 274 chilogrammi, che salivano a circa 342 a pieno carico. La grande superficie alare e il basso peso gli conferiscono un ridottissimo carico alare, di poco superiore ai 7 kg/m².

    L'impianto propulsivo è costituito da un semplice motore a benzina – progettato e costruito in sei settimane dai fratelli Wright, aiutati da Charles E. Taylor, un meccanico loro dipendente – a cui sono collegate, mediante ruote dentate e catene di bicicletta, 2 eliche spingenti. Il rapporto di riduzione è pari a 0,28.
    Le eliche, fissate a dei montanti, sono posizionate dietro l'ala e sono controrotanti, per annullare la coppia di reazione. Sono costruite con due strati di abete rosso, ciascuno spesso 4,5 centimetri (1,75 pollici), incollati insieme. Il loro regime di rotazione massima è 450 giri al minuto e il diametro 2,44 metri. Le eliche hanno un eccellente rendimento, pari al 66%.
    Il motore, di poco più di 3.300 cc di cilindrata, ha 4 cilindri con corsa ed alesaggio di 101,6 mm (4 pollici). à? raffreddato a liquido ed ha un caratteristico radiatore, disposto verticalmente a guisa di montante fra le due ali. La sua potenza è di circa 12 cavalli a 1020 giri al minuto. Il motore è sistemato sull'ala inferiore, attaccato ai longheroni, in posizione asimmetrica rispetto all'asse di mezzeria del velivolo. L'eccentricità* del peso e dell'ingombro aerodinamico è compensata dall'opposta simmetria del posto di pilotaggio, nonché dalla maggiore lunghezza della semiala destra, su cui è posizionato il motore.


    Il pilota manovra l'aeroplano stando prono sulla semiala inferiore sinistra, con il viso volto in avanti. Il controllo laterale si ottiene svergolando in direzioni opposte il bordo d'uscita delle estremità* alari. Esse sono collegate con dei cavi ad una sella scorrevole lateralmente, montata sull'ala inferiore, su cui il pilota appoggia i suoi fianchi. Spostando i fianchi a destra o sinistra, il pilota svergola le ali e muove contemporaneamente anche il doppio timone di direzione, pure lui collegato alla sella. Il controllo verticale, infine, è ottenuto manovrando con la mano sinistra una leva collegata con dei cavi all'equilibratore biplano.

  4. #14
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Ecco una immagine presa del Web dell'unica replica volante del Flyer, realizzato dall'industriale veneto Zanardo e basato sul Montello.[attachment=0:1fsgsolf]fliyer.jpg[/attachment:1fsgsolf]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  5. #15
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Ottime integrazioni Michele
    Interessante e bella immagine
    luciano

  6. #16
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Ecco alcune integrazioni fresche fresche provenienti dal museo della scienza e della tecnica di Monaco di Baviera, in particolar modo della sezio0ne aeronuitica.
    Una foto di un Flyer originale del 1909 con la scritta WRIGTH sotto le ali...i noti fratelli avevano già* intuito il potere della pubblicità*.[attachment=2:3pbmgwfv]Monaco 108.jpg[/attachment:3pbmgwfv]


    E due immagini del motore originale dell'epoca.[attachment=1:3pbmgwfv]Monaco 081.jpg[/attachment:3pbmgwfv][attachment=0:3pbmgwfv]Monaco 082.jpg[/attachment:3pbmgwfv]


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  7. #17
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: FLYER: il padre di tutti gli aerei!

    Belle e interessanti foto.
    luciano

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato