Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 34 di 34

Discussione: FREGI SU TELINO

  1. #31
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    ciao a tutti!
    Capperi sto via un po' e guarda te che topic!
    Dunque, l'analisi di Lafitte la trovo ottima, in effetti il cappello ha pure gli aereatori di alluminio quindi molto difficile possa essere vecchio (e l'ipotesi di una sostituzione la trovo difficile...) Il fregio (cosidetto di mobilitazione mod.15) è sicuramente buono, saltarono fuori e non è leggenda, in austria finendo a Trieste ove furono "diasporizzati" in tutt'Italia (oltre a questo tipo dell'8° ce n'è un altro ed uno del 3° oltre naturalmente a svariati altri tipi, tanti... per cui occhio ai rimontaggi) Un aneddoto, appena usciti si videro fiorire telini da adrian con questi fregi, uno mi fu offerto, naturalemente provenienza DOC, ai miei dubbi il venditore con fare anche un po' incazzato mi rispose che se il telino era buono (?) ed il fregio pure (vero!), perchè non poteva essere tutto coevo? Mah... strano mai visti fregi del genere poi tutto d'un tratto appena saltano fuori da Trieste miracolosamente si vedono telini, berretti... etc... coincidenza?!. Anche qui incazzature e minacce di ritorsione [)] ...vabbè
    Per cui cappello Ok (ma da vedere...Marco che foto!!), fregio OK, grado direi pure ma il tutto rimontato senz'ombra di dubbio [V]
    Il discorso telino adrian di dimonios è un po' meno semplice. Premetto una cosa importante: i telini originali sono molto molto difficile da trovare, con il fregio sono senz'altro ancora più diffcili. Ricollegandomi ad un altra risposta, ora credo sparita, il valore di un telino con fregio è proporzionalmente superiore a quello di un berretto M.909 o '15... Ovvio che sono considerazioni personali ma quanti berretti conoscete e quanti telini conoscete?? Quindi, a mio avviso, bisogna sempre diffidare di chi vi propone un telino, specie col fregio,(a meno che non sia di vostro nonno) sono con le dovute molle, introvabili. Per questo mi venne da ridere quando me ne offrirono uno di 6 trovati in un convento o qualcosa del genere alla cifra di xxx euro [] Che poi tutti cerchino sti benedetti mod.15 e nessuno i telini è una cosa ma il dato di fatto resta: sono senz'altro più rare le coperture da adrian...
    Quei pochi che ho visto buoni non avevano particolari standard, ma erano sempre costruiti molto bene, ne ho visti con fregio cucito sia a mano che a macchina, telini in 2, 4 e 8 pezzi, con fregi da mobilitazione e, sia da truppa che uff.le, ricamati a mano... per cui non c'è nulla di standard, o perlomeno ci sarà* anche stato ma coi pochi pezzi che ci sono in giro è difficile dirlo. I fregi bicolor invece esistevano, mi è capitato di vederne (pochi ma buoni)ad es. 2 della MT in rosso e arancio misto ma uno solo di fanteria e uno del geno cremisi (in effetti era lo stesso tipo di lana ma con 2 bagni differenti e per il genio era il numero ricamato con differete colore ed un calibro del filo infinitesimalmente inferiore) Probabilmente il nocciolo è questo: il cambio della spoletta, quindi un evento abbastanza raro su di un fregio (vuol dire che la ricamatrice ha finito il filo durante la lavorazione...) Però solo con la stessa qualità* di filo...mai due differenti (cotone/lana). Una riparazione sul campo mi sa un pochetto difficile (anche perchè per far esplodere un fregio deve quantomeno in concomitanza esplodete il telino....[] )
    Anche per me il timbro è un mistero... a me sembrano due gladi incrociati [][]
    ciao e a presto
    mauro

  2. #32
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    p.s. L'adozione dei fregi neri è del 16 giugno 1916 - GMU n.371
    ciao
    mauro

  3. #33
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Parole sante Mauro, si in effetti il discorso telini è un campo irto di spine, non esistevano standard, tutto era lasciato all' iniziativa personale, ovviamente il pezzo proposto va preso con le dovute molle! fregi policromi si ce n'erano, sia quelli prebellici colorati che quelli da ufficiale, a me è capitato di vederne alcuni che vuoi per il tipo di filo usato, vuoi per il tipo di tintura utilizzata con il tempo hanno preso delle tonalità* molto diverse, anche da nuovi comunque erano così volutamente realizzati, spesso per lumeggiare i particolare meno visibili, tipo piume o fiamme.
    Ovviamente la conservazione generale dell' oggetto deve far pensare anche il collezionista, non può rovinarsi solo parte del fregio da deve riguardare tutte le parti che costituiscono l'oggetto!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  4. #34
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    122
    ragazzi siete sbalorditivi siete una vera fonte!![II]
    «Il soldato tedesco ha stupito il mondo, il bersagliere italiano ha stupito il soldato tedesco.» (Erwin Rommel)

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato