Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Fregio provvisorio PS 1946/48

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,436

    Fregio provvisorio PS 1946/48

    1) Agente di P.S. fotografato davanti al cosiddetto “Treno dell’ amicizia” nel 1947. Si trattava di una delle molte iniziative statunitensi volte a raccogliere cibo per la popolazione italiana prossima a morire d’ inedia e nel contempo a mantenere il nostro paese nel campo delle potenze occidentali. Bisogna ricordare che sino al 1948 l’ agricoltura nazionale riusciva a stento ad assicurare 1/3 del fabbisogno di farina per panificazione - il pane era allora l’ elemento principale nella nostra alimentazione - dunque i restanti due terzi dovevano esser acquistati all’ estero in valuta pregiata.


    2) Particolare del fregio metallico provvisorio usato sino al 1948

    3) L’ ex-partigiano Giacomo Cibra, già della 8^ Brigata Matteotti, in uniforme della Polizia nel tardo 1945. L’ aquila “provvisoria” sulla bustina è identica a quella delle foto precedenti. Si noti la stelletta posta al centro delle mostrine cremisi invece che nella posizione usuale bassa. Si trattava di un vezzo molto in uso tra gli ex- partigiani facenti parte della polizia ausiliaria.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,436
    A integrazione di quanto scritto in precedenza riguardo alle aquile da berretto “transizionali” in uso alla Polizia tra il giugno 1946 e il 1948, accludo due foto interessanti. La prima mostra agenti durante un controllo dei documenti. Il copricapo è il casco di cuoio nero da carrista mod. 35 e reca sul frontale l’ aquila metallica. Più visibili i fregi nella seconda, scattata il 7 luglio 1946, dunque a poco più di un mese dal referendum che cambiò la forma istituzionale dello stato. Gino Bartali, vincitore del Giro d’ Italia è portato in trionfo da un gruppo di agenti di PS, al traguardo di Milano. La foto mostra dettagli interessanti dal punto di vista uniformologico. Gli uomini ritratti vestono sia uniformi kaki che grigioverdi con le caratteristiche mostrine semplificate (rettangolari tipo fanteria di color cremisi) e la stelletta metallica posizionata al centro. Il fregio posto sul frontale di berretti e bustine è con ogni evidenza metallico. L’ aquila ha le ali raccolte, quasi a formare un ovale e lo scudo smaltato sul petto. Purtroppo non è possibile distinguere se permanga la corona o sia stata già sostituita dalla stella. Particolare anche il fatto che tutti i berretti a visiera, realizzati con lo stesso tessuto delle uniformi e dalla cupola già piuttosto bassa in origine, sono stati privati del cerchio metallico per renderli flosci. In alcuni casi - come il poliziotto di profilo all’ estremità destra della foto - il frontale copricapo è stato tirato indietro e appiattito quasi come se fosse un basco. Sarebbe il caso di chiedersi l’ origine di questa moda e se essa attecchì anche altrove, dato che già durante la Rsi gli Arditi di Polizia del Btg. “Pietro Caruso” erano di stanza appunto a Milano ed avevano adottato un peculiare berretto a visiera floscio, in pratica un basco g.v. da paracadutista al quale erano stati aggiunti una visiera e un finto soggolo nello stesso tessuto. Forse l’ usanza era passata dalla Polizia Repubblicana alla PS postbellica tramite il riutilizzo di capi d’ abbigliamento? Chi può dirlo? Certo in quei tempi non si buttava via nulla…
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #3
    Utente registrato L'avatar di adriano
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,041
    La foto relativa al trionfo di Bartali, in realtà è il fotogramma di un filmato...esistono quindi innumerevoli scatti con diverse pose ed angolazioni, in quelle a seguire alcuni dettagli più nitidi, in cui si vede chiaramente l'uso di aquile già prive dello scudo al petto e con la sella sopra il capo, alte invece semplicemente private della corona e del fascio (l'aquila sembra quasi decapitata)...
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  4. #4
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,436
    Grazie Adriano, sempre una certezza in ambito postwar italiani! Per caso sai qualcosa del riuso post 25 aprile dei baschi con visiera del Btg. Caruso?

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di adriano
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,041
    Troppo buono...non conosco i copricapo di cui fai cenno...hai qualche immagine?

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    79
    Non credo che i baschi con visiera (per altro orribili) vennero riutilizzati.

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di adriano
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,041
    Me ne fate vedere uno? In foto naturalmente...non ho presente questi baschi con visiera...

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    79
    Sarebbe questo orrore qui:
    (notare anche il giubbetto....portato con su la cravatta....


Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •